Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Identità e differenza

A=A è la suprema legge del pensiero. Ma cos'è l'identità?

Quando si dice che A=A, vuol dire che un A è uguale a un altro A. Si crea una sorta di tautologia,

poiché affinché qualcosa possa essere lo Stesso è sufficiente un solo termine. La formula occulta

proprio ciò che vorrebbe dire.

Platone chiarisce l'identico con una parola nel Sofista: parlando di stasi e movimento, dice: "è certo

che di se essi, ciascuno dei due è un altro però esso stesso a se stesso lo stesso"; è l'aggiunta di "a se

stesso" che è importante: nella stessità è contenuta la relazione del con, una sintesi, un nesso. In

occidente perciò l'identità è unità. Tuttavia, affinché la relazione che domina l'identità venga alla

luce, il pensiero occidentale ha avuto bisogno di duemila anni (idealismo speculativo).

Anche nella formula migliorata "A è A" viene in luce solo l'identità astratta. Nell' "è" il principio

dice come ogni ente è, cioè parla dell'essere dell'ente. Il principio afferma che l'unità dell'identità

costituisce un tratto fondamentale dell'essere dell'ente.

In Parmenide per la prima volta l'essere dell'ente giunge al linguaggio nel pensiero dell'Occidente:

"lo stesso è infatti sia percepire ( pensare) che essere". Viene qui espresso qualcosa di diverso a ciò

che conosciamo come la dottrina della metafisica: non l'identità appartiene all'essere ma viceversa.

L'essere in Parmenide, a differenza di quanto pensato dalla metafisica successiva, è un tratto

dell'identità.

Se pensiamo al co-appartenere nei termini abituali, il senso dell'appartenere è determinato in base al

co-, all'insieme: alla sua unità. Invece si deve esperire l'insieme in base all'appartenere. Se

chiediamo che cosa significa essere e chi è l'uomo, restiamo prigionieri del tentativo di

rappresentare il co-, l'insieme, di uomo ed essere come una correlazione e di spiegare quest'ultima

partendo o dall'uomo o dall'essere. dobbiamo invece pensare a un'appartenenza reciproca: l'uomo è

qualcosa di essente. Appartenere significa essere inserito nell'essere; ciò che distingue l'uomo è che,

essendo l'essere che pensa, è posto di fronte all'essere, resta riferito a esso e gli corrisponde.

Nell'essere umano cioè domina un appartenere all'essere che ascolta l'essere poiché gli è affidato.

L'essere ri-guarda l'uomo. Uomo ed essere sono perciò affidati l'uno all'altro.

Non dobbiamo pensare questa co-appartenenza come un intreccio, dobbiamo staccarci dal pensiero

rappresentativo; tale staccarsi è un satz (salto). Tale salto salta da:

dalla rappresentazione dell'uomo come animal rationale

1. dall'essere come fondamento dell'ente.

2.

Il salto è il repentino ingresso nell'ambito in base al quale l'uomo e l'essere si sono sempre già

raggiunti l'un l'altro nella loro essenza.


PAGINE

2

PESO

475.60 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in filosofia
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Giulia.Rossi di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Filosofia teoretica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Ca' Foscari Venezia - Unive o del prof Galanti Grollo Sebastiano.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in filosofia

Filosofia morale I
Appunto
Riassunto esame Pedagogia del lavoro, prof. Costa, libro consigliato Pedagogia del lavoro e contesti di innovazione, Costa
Appunto
Riassunto esame Filosofia Morale, prof. Pagani
Appunto
Riassunto esame Filosofia Morale, prof. Pagani, raccolta di testi di vari autori
Appunto