Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

FESTIVITA' EBRAICHE (in parte ereditate dal Cristianesimo)

Il calendario ebraico è lunare ed i mesi sono più brevi. Le feste ebraiche hanno luogo nel giorno

del plenilunio o giù di lì (Pasqua cade sempre il 15 del mese di Nissan---> primo mese di

primavera).

Anche i mesi del calendario lunare sono 12, ma non coincidono con quelli solari (ogni 4 anni si

aggiunge il mese di Adar Sheni--> Adar secondo verso Gennaio-Febbraio---> cosa analoga per

l'anno bisestile) prima dell'equinozio di primavera. I nomi dei mesi derivano dal babilonese.

• PESACH---> ha 2 funzioni:

Ricordare gli eventi passati--> metaforico;

 Pellegrinare al tempio di Gerusalemme--> pragmatico.

 גח= Hag

Il nome festa deriva da che è una festa antica di pellegrinaggio. Durante questa festa

ci si recava al tempio offrendo primizie agricole e di pastorizia. Si saliva

verso Gerusalemme (Israele) e (ciò rappresentava una sorta di

ascesa) canyando canti di ascesa (Shir Ma' alot).

(Emigrazione nella terra d'Israele= Alya. Chi si sposta per risiedere stabilmente si chiama=olim).

Almeno una volta nella vita, chi non risiede a Gerusalemme desiderano tornare al tempio--> il

muro del pianto (kotel).

Pesach si lega all'idea del passaggio--> si ricorda il passaggio attraverso il Mar Morto, nella terra

promessa, metaforicamente rappresentata dal passaggio dall'inverno alla primavera.

Si celebra con particolari pietanze che rappresentano i sacrifici. Si tratta di una cena particolare,

detta Seder (ordine) che segue un ritmo preciso---> tutto è ritualizzato.

Dura 8 giorni. La celebrazione inizia con la cena della 1^notte (in Israele dopo il tramonto del 1°

giorno, invece nella diaspora ci sono due sere, in ricordo del fatto che gli ebrei della diaspora

serviva più tempo per arrivare a Gerusalemme--> seconda sera per far partecipare anche loro).

Durante la cena, di carattere fortemente domestico, allo scopo di trasmettere la tradizione. Il

capofamiglia gestisce tutta la cena seguendo ciò che viene trasmesso dal "Haggadah sel Pesach"

(narrazione di Pesach), in cui si spiega cosa si celebra (Mosè e le vicende ad esso connesse) e

come organizzare la cena.

Poiché gli ebrei dovevano fuggire velocemente dalle loro case per non subire le conseguenze non

fecero in tempo a far lievitare il pane. In ricordo di questo si mangia pane azzimo e prima

dell'arrivo di Pesach puliscono casa per togliere tutti i residui di lievito , buttando tutto ciò che

contiene lievito. Il giorno prima del Pesach il capofamiglia e la moglie raccolgono delle molliche di

pane e li bruciano ---> da questo momento in poi non si può più toccare nulla di fermentato. Per

questo ci sono dei piatti appositi usati solo durante il Pesach.

I CIBI: non bisogna mischiare carne e latte. Non si mangia agnello, ma si mette simbolicamente un

osso in tavola. Niente burro o latte e farina nei dolci.

SIMBOLOGIA PIETANZE: verdura amara per ricordare la schiavitù in Egitto; zuppa in cui

inzuppare il pane azzimo, simboli cari costituiti con la malta; uovo sodo simbolo di rinascita; vino

dolce un po' nel bicchiere, un po' nel piatto.

Il capofamiglia divide il pane: una parte la mette in tavola, un'altra la nasconde per farla cercare al

bambino--> il Pesach è una festa che insegna l'ebraismo ai bambini. Alla fine della cena seguono

dei canti . Infine ci si saluta con l'augurio trovarsi a Gerusalemme l'anno seguente.

• SHAVU'OT

Si festeggia dopo 7 settimane da Pesach. È l'inizio dell'estate, l'inizio del periodo del raccolto. Si

mangiano le primizie. Si ricorda il momento in cui Mosè riceve le tavole della legge. È la nostra

Pentecoste, in cui gli apostoli ricevono lo spirito santo. Si prega tutta la notte--> le preghiere

riparatrici nel mondo.

• SUKKOTH

Dura 8 giorni e si celebra ad Ottobre. È una festa agricola, in cui si offrivano i prodotti dell'autunno.

Tale festa ricorda il trasferimento degli ebrei nel deserto dall'Egitto e per ricordare le capanne in

cui vivevano, se le costruiscono e ci passano la giornata. Le pareti della capanne devono essere di

frasche e il tetto deve essere aperto per vedere le stelle. Qualche tempo fa si costruivano della

baite con le pareti affrescate come fosse un luogo esterno con annesse varie stelle sul tetto. È

importante fare un pranzo nella capanna. Le famiglie osservanti le costruiscono in giardino o sul

terrazzo, le arredano con delle panche e si mangia frutta, verdura e carne. Tale festa, poiché era

legata alla PURIFICAZIONE, si svolgeva vicino alla porta delle acque (al tempio). Nel Pentateuco

si dice che si deve utilizzare il frutto dell'albero bello e 4 rami intrecciati (LULAV) di 4 alberi diversi:

uno di palma (regalità), mirto (tristezza), e salice (esilio)e cedro--> si distribuiscono nella comunità

che in processione sventola le fronde e raggiunge la sinagoga, cantando gli HO SHA'NOT

(OSANNA). A cena si tiene il cedro in una scatola d'argento (frutto dell'albero bello). Con questa

festa si conclude la lettura della Torà nella sinagoga (del Pentateuco)e si chiede l'avvento del

MESSIA.

Il giorno della Simchàt Torà= la “gioia della Torà”. La lettura della Torà, da cui vengono

pubblicamente letti e recitati dei brani ogni settimana durante tutto il corso dell’anno, in questo

giorno trova insieme conclusione e principio del ciclo: viene infatti letto l’ultimo brano e si

ricomincia con il primo brano. In questo modo la lettura della Torà mantiene la sua continuità nel

tempo. Le persone che in questo giorno sono chiamate alla lettura, sono considerate come “sposi”

(Hatan torà= sposo) della Torà e di Bereshith (la parola con cui inizia la Torà) e come sposi

vengono festeggiati da parenti e amici. In alcune comunità gli “sposi” offrono confetti a parenti e

amici. Durante i sette giri che si compiono nella sinagoga, con i rotoli della Torà sulle braccia,

spesso la gioia che si manifesta stride con l’austerità del luogo: le donne gettano caramelle verso

la folla festante che spesso danza intorno alla Torah.

AUTUNNO

A settembre si sospendono tutte le attività.

• ROSH HA SHANAH (CAPODANNO)

L'inizio dell'anno ebraico è in autunno e cade nel mese di TISHRì (dalla tradizione babilonese).

Simile al Pesach. Simbolicamente si ricorda il sacrificio di Isacco. Questa festa è legata al

rinnovamento totale (anche interiore), poi segue e precede un periodo di vita estremamente

religiosa---> RESA DEI CONTI FINALE. Si fa una cena in cui si mangiano 10 pietanze da benedire

ogni volta, che hanno uno specifico nome. Si consumano soprattutto le melagrane (prosperità), le

carote e la bietola per i loro nomi simbolici. Molto importante è il rito sinagogale in cui si suona lo

SHOFAR (corno di montone)---> che serve per richiamare Dio e per ricordare il sacrificio di Isacco,

che alla fine non fu sacrificato e al suo posto fu offerto un ariete.

Dopo il capodanno ci sono 10 giorni di YAMIM NORA'IM (giorni terribili)--> è come se Dio

sospendesse il suo giudizio e gli uomini lavorano molto. Questi sono giorni di timore sacro della

divinità--> ci si avvicina al giorno in cui si chiude il registro di Dio (2 colonne--> azioni cattive e

bone). Alla fine dell'anno si apporrà il sigillo sul registro e bisogna fare in modo che tutti i bilanci

siano attivi, perché poi confrontando tutti i bilanci si saprà la destinazione dell'anima. Il rito ha

valore solo se sono presenti 10 uomini. Durante questa festa si chiede perdono a tutte le

persone vicine.

• YOM KIPPUR (giorno dell'espiazione)

Il decimo giorno c'è il YOM KIPPUR, giorno in cui si riunisce la comunità per ricordare il perdono.

Anticamente si prendeva un animale e il sacerdote addossava all'animale tutti i peccati

dell'umanità e poi si faceva portare nel deserto, lasciandolo a morire (capro espiatorio).

Solitamente se ne sacrificavano due: uno lasciato nel deserto e uno sacrificato a Dio. Oggi vi è un

rituale simile--> si prende un gallo, lo si sgozza e la persona che chiede l'espiazione deve portare il

gallo a testa in giù sulla sua testa e il sangue deve colare sul viso. Questo è un giorno di digiuno e

non si beve dal tramonto del giorno prima al tramonto successivo. Si fa un pranzo ricco

prima del tramonto. Si prega parecchio. Da tale digiuno solo esentati: bambini, anziani e infermi.

Si chiede perdono a Dio. Si suon alo SHOFAR e alla fine della cerimonia si recita la preghiera del

NE'ILA (chiusura)--> sigillamento del registro.

Al tramonto c'è un pranzo che si chiama (fine del digiuno), preparato dal giorno prima.

Tradizioni legate al KIPPUR:

• Ci si comporta come al funerale;

• Uso di vestiti strappati (come i parenti vicino al defunto);

• Ci si cosparge il capo di cenere;

• Si usano calzature prive di lacci (i lacci= legami potrebbero attirare il malocchio);

• Si coprono gli specchi (per non far specchiare il defunto);

• Si mangia a terra.

AUGURIO--> hatimà tovà (buon sigillamento)


ACQUISTATO

7 volte

PAGINE

5

PESO

72.00 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in lingue culture e letterature straniere
SSD:
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher francescacaropreso di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di LIngua e letteratura ebraica biblica e medievale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Salento - Unisalento o del prof Lelli Fabrizio.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in lingue culture e letterature straniere

Riassunto esame Letteratura inglese, prof. Dolce, libro consigliato Beginning Postcolonialism, McLeod
Appunto
Riassunto esame Lingua e traduzione inglese, prof. Guido, libro consigliato Mediating Cultures, Guido
Appunto
Riassunto esame linguistica italiana, prof. Dell'Anna, libro consigliato Elementi di linguistica italiana, Bonomi
Appunto
Riassunto esame Lingua e traduzione inglese 3, prof. Iaia, libro consigliato Mediating Cultures, Guido
Appunto