Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Stati   demenziali   con   deficit   di   altre   funzioni   psichiche:   deterioramento   irreversibile   di  

 un’intelligenza   già   formata,   con   una   compromissione   del   funzionamento   sociale   e  

lavorativo.                                                                                                                                                                                                                                                                              

Alterazioni  dell’intelligenza  in  sindromi  psichiatriche:  negli  stati  depressivi  può  esservi  una  

 momentanea   inibizione   dell’intelligenza   connessa   allo   stato   affettivo   (psicodemenza  

depressiva).  

Pseudoligofrenie:  apparente  deficit  intellettivo,  dovuto  a  carenze  ambientali,  educazionali,  

 affettive  che  adeguatamente  corrette  comportano  il  superamento  del  deficit  stesso.  

 

 

I  DISTURBI  DELL’AFFETTIVITA’  

L’affettività   è   la   capacità   di   rispondere   con   modificazioni   soggettive   affettivo-­‐emotive   ad   eventi  

della   realtà   sia   esterna   che   interna.   È   la   capacità   di   provare   emozioni   variabili   per   significato,  

intensità,   durata   e   in   relazione   al   singolo   individuo,   in   accordo   con   lo   stimolo   causale   e   con   la  

disponibilità  affettiva  di  base  (umore  e  temperamento).  Solitamente  si  distinguono:  

Le  emozioni:  sono  stati  affettivi  intensi,  di  rapida  insorgenza  e  declino;  vi  possono  essere  

 delle  manifestazioni  somatiche  di  accompagnamento.    

I  sentimenti:  stati  affettivi  stabili  e  duraturi  variamente  diretti  verso  le  persone,  situazioni  

 o   oggetti..   i   sentimenti   si   mantengono   a   lungo   motivando   e   favorendo   le   decisioni   o   i  

comportamenti  congrui  con  il  sentimento  provato.  

L’umore:  stato  affettivo  di  base,  caratteristico  e  tipico  di  una  persona  nel  corso  del  tempo.  

 

Principali  alterazioni:  

DEPRESSIONE  O  UMORE  DEPRESSO  

Diminuzione  del  tono  dell’umore  di  base,  sentimenti  di  tristezza  prevalenti,  dolore  e  pessimismo.  

La   depressione   è   lo   stato   psicopatologico   di   sofferenza   psichica   e   di   lutto.   La   depressione   può  

essere   motivata   e   comprensibile   oppure   immotivata   e   inderivabile.   Si   collocano   nell’area  

dell’espressività  depressiva:  

I  disturbi  del  sonno.  

 Il  comportamento  alimentare  alterato.  

 Sintomi  cognitivi  (deficit  della  memoria).  

 Contenuti  di  pensiero  depressivi.  

 Deliri  congrui  dell’umore.  

 Idee  suicidi  arie  con  possibilità  di  passaggio  all’atto.    

 

TRISTEZZA  VITALE:  alterazione  del  normale  vissuto  di  benessere  somatico  che  un  individuo  ha  in  

assenza  di  una  malattia  fisica    tristezza  corporea.  

DISFORIA:  umore  alterato  per  aumentata  tendenza  al  malumore,  all’intrattabilità,  ridotta  capacità  

del  controllo.    

ANEDONIA:   perdita   di   interesse   e   di   capacità   di   provare   piacere   per   le   attività,   gli   eventi  

usualmente  piacevoli.  È  tipica  in  molti  gravi  disturbi  depressivi.  

APATIA:  riduzione  o  assenza  di  reazioni  e  risposte  affettive  di  qualunque  tipo.  Il  paziente  appare  

inerte,  rallentato  e  intontito.    

L’ABILITA’   AFFFETTIVA:   marcata   instabilità   del   tono   dell’umore,   facilmente   e   rapidamente  

modificabile   per   stimoli   di   scarsa   entità.   Il   soggetto   può   passare   con   facilità   dal   pianto   al   riso   e  

viceversa.    

  8  

INADEGUATEZZA   AFFETTIVA:   disarmonia   tra   tono   emozionale   e   idee,   pensieri,   parole   che   lo  

accompagnano.  La  reazione  affettiva  è  cioè  inadeguata  rispetto  all’evento  causale.    

DISSOCIAZIONE   AFFETTIVA:   è   il   grado   estremo   di   inadeguatezza   affettiva,   risposte   affettive  

opposte  alla  natura  dello  stimolo.    

AMBIVALENZA  AFFETTIVA:  presenza  di  sentimenti  e  atteggiamenti  di  polarità  opposta  rivolti  verso  

lo  stesso  oggetto/soggetto.    

CENESTOPATIE:  sensazioni  soggettive  di  sofferenze  corporee  variamente  localizzate.  

ALEXTIMIA:  incapacità  di  riconoscere,  descrivere  e  esprimere  gli  stati  affettivi.    

 

L’ANSIA   è   lo   stato   emotivo   a   contenuto   spiacevole,   associato   a   una   condizione   di   attesa   dolorosa,  

di  allarme  o  pausa  per  qualcosa  di  ipoteticamente  pericoloso.  Distinzione  tra:  

Ansia  normale:  risposta  adeguata  e  utile  per  superare  un  pericolo  esistente.    

 Ansia   patologica:   sproporzione   tra   stimolo   e   affetto.   Possibili   disturbi   somatici   di   vario  

 genere  (sudorazione,  tremori).    

L’ansia    attacco  di  panico.  

 

La   MANIA   è   invece   lo   stato   affettivo   caratterizzato   da   esaltazione   del   tono   dell’umore,   agitazione,  

iperattività  e  ipersessualità.    

 

 

I  DISTURBI  SCHIZOFRENICI  

Questi   nascono   secondo   una   prospettiva   bio   (influenza   genetica)   –psico   (   importanza   ruolo  

madre/bambino)  -­‐sociale  (influenza  sociale).    

Sintomatologia:    

1. Distorsione   della   realtà:   disorganizzazione   del   pensiero   (   allucinazioni,   deliri,   disturbi  

formali  e  positivi  del  pensiero,  comportamento  bizzarro).    

2. Impoverimento  affettivo:  appiattimento  affettivo,  alogia,  apatia,  asociale.    

3. Deficit  neuropsicologici  

 

DIAGNOSI  DEL  DMS  IV    

A. Deve   esserci   la   presenza   di   almeno   due   sintomi   caratteristici   per   un   mese   fra   (deliri,  

allucinazioni,  eloquio  disorganizzato,  appiattimento  affettivo).  

B. Disfunzione  socio-­‐lavorativa.  

C. Durata  di  almeno  sei  mesi.    

D. Esclusione  del  disturbo  schizo-­‐affettivo  o  dell’umore.    

E. Esclusione   di   assunzione   di   sostanze   o   condizioni   mediche   generali   (il   70%   dei   casi  

prima  ha  fatto  uso  di  sostanze)  

F. Relazione  con  disturbo  pervasivo  dello  sviluppo.  

 

TIPOLOGIE  DEI  DISTURBI  SCHIZOFRENICI:  

Paranoie:  il  più  comune,  il  mondo  è  ristretto  ma  le  relazioni  sono  esistenti  e  circoscritte.    

 Disorganizzato:  isolati,  eloquio  disorganizzato  (difficoltà  articolazione  linguaggio).  

 Catatonico:   almeno   due   fisico     arresto   motorio   o   eccessiva   attività   motoria,   negativismo  

 

estremo.  

Indifferenziato:  soggetto  che  tende  a  ritirarsi  dal  mondo.    

 Residuo:  nonostante  la  guarigione  il  soggetto  riporta  residui  a  livello  cognitivo,  la  persona  

 perde  lentamente  le  capacità.  

 

  9  

Disturbo  schizo-­‐affettivo    E’  un  caso  particolare.  È  caratterizzato  da  aspetti  di  ordine  depressivo  

e  da  aspetti  di  ordine  schizofrenico.  Periodo  ininterrotto  di  malattia  durante  il  quale  si  verifica  un  

episodio   depressivo,   maniacale,   o   misto   in   concomitanza   di   sintomi   che   soddisfano   il   criterio   A  

della  schizofrenia.    

 

ALTRI  DISTURBI  PSICOTICI  -­‐/-­‐  dalla  schizofrenia  poiché  non  ne  rispettano  i  criteri,  e  sono  inoltre  

distinti  dai  disturbi  dell’umore  con  sintomi  psicotici.  DSM  IV:  

1. Disturbo   delirante   o   paranoia:   deliri   non   bizzarri,   mantengono   un   funzionamento   socio-­‐

lavorativo  (non  rispettano  criteri  A  e  B  della  schizofrenia).  Episodi  di  alterazione  dell’umore  

non  dovuto  a  sostanze  o  a  condizioni  mediche  generali.    

2. Disturbo   psicotico   breve:   almeno   uno   dei   sintomi   (deliri,   allucinazioni,   eloqui  

disorganizzati,  comportamento  disorganizzato)  dura  da  meno  di  un  giorno  a  più  di  un  mese  

e  poi  torna  a  livello  pre-­‐morboso.    es.  psicosi  post  partum.    

3. Psicotico   condiviso:   (raro)   sviluppo   in   una   persona   in   relazione   stretta   con   un   altro,   con  

delirio   già   in   atto.   Chi   sviluppa   il   delirio   per   secondo   ha   una   forte   dipendenza   dall’altra  

persona   (es.   fratello   e   sorella,   madre   e   figlia).   Delirio   simile   nel   contenuto   a   quello   della  

persona  che  ha  già  il  delirio  in  atto.    

 

 

I  DISTURBI  DELL’UMORE  

Nel   10-­‐15%   dei   casi   si   verifica   la   complicanza   più   grave   di   tali   disturbi:   il   suicidio,   che   avviene  

quando   non   ci   sono   più   deliri   e   allucinazioni   e   quindi   entrano   in   contatto   con   la   realtà  

riconoscendola.    

EPISODIO  DEPRESSIVO  MAGGIORE   (il  più  grave)  

Almeno  cinque  sintomi  tra  quelli  elencati  per  almeno  due  settimane:  

Umore  depresso  

 Perdita  interessi  

 Alterazione  di  peso  e  appetito  

 Insonnia  e  iperinsonnia    

 Agitazione,  rallentamento  psicomotorio.    

 Mancanza  di  energia  

 Sentimenti  di  auto-­‐svalutazione  e  colpa.    

 Ridotta  capacità  di  pensare/concentrarsi.    

 Ideazione  suicidiaria.    

 

Disfunzione  socio-­‐lavorativa.  

Esclusione  assunzione  di  sostanze  o  condizioni  di  lutto.  

Durata  episodio  da  6  a  12  mesi  con  andamento  stagionale.    

 

 

Manifestazioni   cliniche   dell’episodio   depressivo   maggiore:   interessano   l’umore,   la   psicomotricità  

e  le  funzioni  cognitive.    

Sintomi   emotivo-­‐affettivi:   abbassamento   tono   dell’umore,   che   non   è   influenzabile   da  

 interventi   esterni   di   consolazione,   perdita   di   interesse/piacere,   sentimenti   di  

inadeguatezza.    

Sintomi   cognitivo-­‐percettivi:   diminuita   capacità   di   pensare,   concentrarsi,   prendere  

 decisioni,  rallentamento  psicomotorio  (es.  tipico:  omicidio  salvifico).    

  10  

Sintomi   psicomotori:   rallentamento   psicomotorio   marcato,   difficoltà   nei   movimenti,  

 trascurare   l’alimentazione,   l’abbigliamento   e   l’igiene.   Produzione   di   idee   polarizzate   su  

sentimenti  di  colpa,  autoaccusa,  eloquio  stentato,  povero  di  contenuti.    

Sintomi  somato-­‐vegetativi:  diminuzione  appetito,  peso,  calo  desiderio  sessuale.    

 

Andamento  stagionale      ritmo  caratteristico  delle  stagioni  (autunno  e  primavera).    

 

EPISODIO  MANIACALE  

Basta   una   settimana   per   accertarlo,   è   evidente.   È   il   periodo   definito   di   umore   anormalmente   e  

persistentemente   elevato,   espansivo   della   durata   di   almeno   una   settimana   più   almeno   tre   dei  

sintomi  elencati:  

Autostima  ipertrofica,  grandiosità.    

 Ridotto  bisogno  di  sonno.    

 Maggiore  loquacità  del  solito.    

 Fuga  di  idee.  

 Distraibilità.  

 Aumento  attività  finalizzata  o  meno.  

 Sentimenti  di  auto-­‐svalutazione  e  colpa.  

L’alterazione   dell’umore   porta   ad   una   marcata   compromissione   del   funzionamento   socio-­‐

lavorativo  e  delle  relazioni  interpersonali.    

 

EPISODIO  MISTO  E  EPISODIO  MANIACALE  

C’è  la  compresenza  in  uno  stesso  episodio  di  più  disturbi    sintomi  depressivi  e  sintomi  maniacali.  

(distinto   da   episodio   bipolare).   Prevede   che   per   almeno   una   settimana   risultino   soddisfatti   sia   i  

criteri   dell’episodio   maniacale,   sia   quelli   dell’episodio   depressivo   maggiore.   Le   alterazioni  

dell’umore   devono   essere   sufficientemente   gravi   da   causare   una   marcata   compromissione   delle  

funzioni  lavorative  e  delle  attività  sociali.    

EPISODIO  IPOMANIACALE    

Periodo  ininterrotto  di  umore  persistentemente  elevato  con  almeno  3  dei  7  sintomi  dell’episodio  

maniacale   (senza   deliri   e   allucinazioni).   Evidente   cambiamento   del   modo   di   agire,   alterazioni  

dell’umore   rilevabili   dall’esterno.   Soggetto   particolarmente   allegro,   che   riferisce   uno   stato   di  

benessere  soggettivo,  non  ha  una  completa  coscienza  critica  della  malattia,  facilmente  distraibile.    

 

Prospettiva  longitudinale    i  vari  disturbi  dell’umore  possono  essere  considerati  in  base:  

Al  tipo.    

• Alle  frequenza.  

Il   disturbo   depressivo   maggiore   è   composto   da   uno   o   più   episodi   depressivi   maggiori   e   non   è   mai  

stato  presente  un  episodio  maniacale,  misto  o  ipomaniacale.    

DISTURBO   DISTIMICO:   umore   depresso   per   la   maggior   parte   del   giorno   per   almeno   due   anni,   con  

almeno  due  dei  seguenti  sintomi:  

Iporessia  (diminuzione  della  fame),  iperfagia  (aumento  dell’appetito).  

• Insonnia  o  iperinsonnia.  

• Ridotta  energia.  

• Bassa  autostima.  

• Scarsa  capacità  di  concentrazione,  difficoltà  nel  prendere  decisioni.  

• Sentimenti  di  disperazione.  

 

  11  

DISTURBO   BIPOLARE   I:   presenza   di   anche   un   solo   episodio   di   mania   o   misto   è   sufficiente   per   fare  

diagnosi  di  disturbo  bipolare.  Si  tratta  di  un  episodio  maniacale,  senza  alcun  precedente  episodio  

depressivo   maggiore.   Sono   spesso   associati   a   comportamenti   violenti,   abuso   di   alcol,   suicidio,  

compromissione  del  rendimento  lavorativo.  

DISTURBO   BIPOLARE   II:   pazienti   che   alterano   episodi   depressivi   maggiori   con   uno   o   più   episodi  

ipomaniacali,   spontanei   o   scatenati   dalla   terapia   antidepressiva.   Non   deve   mai   manifestarsi   un  

episodio  maniacale  misto.    

DISTURBO   CICLOTIMICO:   continuo   alternarsi   per   almeno   due   anni   di   periodi   con   sintomi  

depressivi  e  ipomaniacali  alternati.  

   

 

I  DISTURBI  DEL  COMPORTAMENTO  PSICOMOTORIO  

Il   comportamento   psicomotorio   è   espressione   della   vita   relazionale   e   del   mondo   affettivo-­‐

pulsionale  dell’individuo.  È  la  traduzione  sul  piano  della  motricità  dei  più  svariati  aspetti  della  vita  

psichica.    

  Impulsività:   alterazione   comportamentale   per   cui   il   paziente   può   compiere   azioni  

• improvvise,  imprevedibili  e  prive  di  controllo.  

Fuga:  improvviso  allontanamento,  consapevole  o  deliberata  in  stati  confusionali.  

• Eccitamento  psicomotorio:  aumentata  attività  psicomotoria,  poco  produttiva,  alterazione  

• del  pensiero,  difficoltà  di  controllo.  (maniacale,  catatonico  o  confusionale).    

Rallentamento  psicomotorio:  riduzione  generale  dell’attività  motoria.    

• Arresto   psicomotorio:   quadro   estremo   del   rallentamento   psicomotorio.   Il   soggetto   non  

• risponde  agli  stimoli.    

Catatonia:   arresto   psicomotorio   con   apparente   inconsapevolezza   dell’ambiente  

• circostante,  rigidità  muscolare.    

Catalessia:   possibilità   di   far   assumere   al   soggetto   posizioni   corporee   anche   scomode   che  

• vengono  mantenute  a  lungo.  

Sitofobia:  rifiuto  dell’alimentazione.    

• Automatismo  al  comando:  automatica  esecuzione  passiva  di  ordini  anche  privi  di  senso.  

• Negativismo:   mancata   risposta   o   risposta   di   tipo   opposto   a   stimoli   esterni   di   qualunque  

• tipo;  disobbedienza  patologica.    

Manierismi:  modalità  artificiose  per  eseguire  movimenti  di  per  sé  normali.  

• Stereotipie:  comportamento  senza  apparente  finalità.  

• Acatisia:   sensazione   soggettiva   di   tensione   muscolare,   bisogno   di   camminare   o   sedersi  

• ripetutamente.    

Distonie:  contrazioni  lente  e  persistenti  del  troco/arti.    

• Astasia:  deambulazione  alterata,  bizzarra  in  assenza  di  lesioni  organiche.    

• Cataplessia:  caduta  a  terra  improvvisa,  temporanea  riduzione  o  perdita  del  tono  muscolare  

• in  particolari  stati  emotivi.    

Tics:  movimenti  involontari,  rapidi,  ripetitivi.  

• Balbuzie:  difficoltà  nell’espressione  verbale  resa  difficile  da  contrazioni  spastiche.    

 

 

 

 

 

 

  12  

I  DISTURBI  DELL’ATTENZIONE  

L’attenzione  è  la  capacità  e  la  disponibilità  di  focalizzare  la  propria  attività  psichica  verso  specifici  

argomenti  o  situazioni.  Rappresenta  la  capacità  di  selezionare  il  compito  da  eseguire  o  lo  stimolo  

da  elaborare.  Stretti  legami  tra  attenzione  e  vigilanza.    

Attenzione  di  base:  tipica  dello  stato  di  veglia.  

Attenzione  spontanea:  tensione  affettiva  selettiva  verso  l’oggetto.  

Attenzione  volontaria  o  indotta:  risultante  da  stimoli  interni  o  esterni.    

 

Principali  alterazioni  dell’attenzione:  

DISTRAIBLITA’:   diminuita   capacità   di   concentrare   attenzione   in   modo   stabile,   deviazione   su   altri  

stimoli.  

DISATTENZIONE:   diminuzione   globale   delle   capacità   di   attenzione   in   condizioni   che   comportano  

riduzione  del  livello  di  vigilanza  e  in  corso  di  patologie  psichiatriche.  

IPERPROSESSIA:  stato  di  aumentata  attenzione,  stati  tossici  da  farmaci  psicostimolanti  o  disturbi  

psichiatrici.    

 

 

I  DISTURBI  DELLA  COSCIENZA  

La   coscienza   rappresenta   uno   stato   di   consapevolezza   di   sé,   del   proprio   mondo   interno,   del  

proprio  corpo  e  dell’ambiente  esterno.  È  la  consapevolezza  di  esistere  qui  ed  ora.  È  una  condizione  

che   da   un   senso   di   continuità   alla   nostra   vita   mentale   e   alla   nostra   realtà   nel   complesso.   La  

coscienza  è  influenzata  da  stimoli  esterni  e  interni.    

Coscienza   di   malattia:   è   la   capacità   o   meno   del   soggetto   di   riconoscere   lo   stato   patologico  

 e  disturbato  del  suo  funzionamento  mentale.    

Suggestionabilità:   è   la   disponibilità   dell’attività   cosciente   di   modificarsi   essendo  

 influenzata.  Entra  in  gioco  in  tutte  le  relazioni  umane.    

 

DISTURBI  DELLO  STATO  DI  COSCIENZA  

Lo   stato   di   coscienza   rappresenta   la   somma   degli   effetti   dei   vari   processi   psichici   vissuti   dal  

soggetto   in   un   determinato   momento   per   una   valutazione   delle   sue   alterazioni   si   devono  

considerare:  

L’ampiezza   del   campo   di   coscienza:   il   numero   dei   contenuti   consapevoli   presenti   in   quel  

 momento.    

La  lucidità  dello  stato  di  coscienza:  la  precisione  dei  contenuti  osservabili  coscientemente.  

 L’orientamento   nel   tempo,   nello   spazio,   nelle   persone:   la   capacità   di   collocare  

 correttamente  in  tali  parametri  i  contenuti  coscienti.    

 

ALTERAZIONI  QUALITATIVE  

Ampliamento   dello   stato   di   coscienza:   percezioni   più   ricche   di   maggiori   capacità  

• intellettive  e  mnesiche.  

 

Alterazione   ipnoide   della   coscienza:   alterazioni   quantitative   dello   stato   di   coscienza   con  

• innalzamento  della  soglia  della  stessa.  

Alterazione   onirica   della   coscienza:   destrutturazione   della   coscienza   con   perdita   della  

• capacità  di  discriminazione  tra  realtà  e  fantasia.  

 

Alterazione   oniroide   della   coscienza:   alterazione   prevalentemente   quantitativa   in   cui  

• esiste   una   abbondante   produzione   delirante,   allucinatoria,   mescolata   a   esperienze   di  

realtà.    

  13  

Alterazione   crepuscolare   della   coscienza:   restringimento   dell’estensione   del   campo   di  

• coscienza,  circoscritto  e  focalizzato  solo  su  alcuni  eventi  e  idee.  

 

Stato  confusionale  acuto:  disorientamento,  disturbi  dell’attenzione,  alterazioni  percettive  

• con   fenomeni   allucinatori,   affettività   labile,   pensiero   disorganizzato,   anomalie   del  

comportamento.    

Stati  di  alterazione  della  coscienza  in  corso  di  epilessia  

• Sonnambulismo  

• Stati  confusionali  secondari.    

 

 

I  DISTURBI  DELLA  COSCIENZA  DELL’IO  

La   coscienza   dell’Io   è   la   modalità   in   virtù   della   quale   l’Io   prende   coscienza   di   sé   stesso.   L’individuo  

diviene  cosciente  della  propria  personalità.  Quattro  aspetti  della  coscienza  dell’Io:  

1. Coscienza   dell’attività:   un   soggetto   riconosce   come   propri   i   vari   accadimenti   psichici   (sono  

io  che  parlo,  ascolto,  etc..)  

2. Coscienza  dell’unità:    gli  accadimenti  psichici  e  tutte  le  diverse  manifestazioni  del  soggetto  

sono   comunque   espressione   di   un   nucleo   unitario.   Il   soggetto   si   riconosce   nella   sua  

unitarietà.  

3. Coscienza   dell’identità:   l’individuo   si   riconosce   sé   stesso   in   un   continuum   dell’attività  

mentale.  

4. Coscienza  della  diversità  e  della  limitazione:  il  soggetto  si  riconosce  distinto  e  delimitato  

dal  mondo  esterno  e  dalle  altre  persone.    

 

Principali  disturbi:  

DEPERSONALIZZAZIONE:  esperienza  di  distacco  e  estraneità  del  proprio  mondo  interno,  in  cui  si  

avvertono  sensazioni  di  cambiamento  nella  percezione  della  realtà.  

TRANSITIVISMO:   disturbo   tipico   della   schizofrenia   per   cui   il   paziente   nega   le   proprie   esperienze  

attribuendole  a  un’altra  persona.  

DISTURBO  DISSOCIATIVO  DELL’IDENTITA’:  disturbo  dell’identità  dell’Io  nel  tempo.  Presenza  di  più  

identità  diverse  che  coesistono  nel  paziente  con  l’identità  di  base.    

 

 

I  DISTURBI  DI  PERSONALITA’  

La  personalità  rappresenta  l’insieme  delle  caratteristiche  psicologiche  profonde,  sostanzialmente  

stabili,  in  gran  parte  inconsapevoli,  che  si  esprimono  in  tutta  la  vita  psichica  e  nel  comportamento.  

La   personalità   è   determinata   dal   temperamento   (disposizione   affettiva   fondamentale   e  

caratteristica   di   ognuno,   precede   l’esperienza)   e   dal   carattere   (derivante   dagli   effetti   delle  

relazioni   interpersonali   e   dalle   esperienze   precoci).   La   personalità   si   sviluppa   ed   evolve   dalla  

nascita   fino   all’età   adulta   (18   anni).   Dopo   tale   età   è   lecita   la   diagnosi.   È   presente   un   disturbo   di  

personalità   quando:   la   totalità   dei   tratti   emozionali   e   comportamentali   caratteristica   di   una  

persona  relativamente  stabile,  si  discosta  dai  limiti  culturalmente  attesi  e  accettati  a  causa  di  gravi  

disfunzioni  sociali  e  ambientali.    

I  disturbi  di  personalità  si  possono  classificare  in  

tre  grandi  gruppi  (clousters).    

 

 

 

 

 

  14  

GRUPPO  A  (add  clouster)    

Sono  i  disturbi  di  personalità  contraddistinti  da  stravaganza  ed  eccentricità.    

 

DISTURBO  PARANOIDE:  sono  soggetti  caratterizzati  da  sospettosità  e  sfiducia  nei  confronti  delle  

altre  persone  le  cui  azioni  vengono  interpretate  come  intenzionalmente  minacciose  o  umilianti  nei  

propri  confronti.  Sono  soggetti  estremamente  sensibili  alle  critiche  e  ai  giudizi  altrui.  Il  soggetto:  

Sospetta  senza  una  base  sufficiente  di  informazioni    

 Dubita  della  lealtà  e  dell’affidabilità  di  amici  e  colleghi  

 E’   riluttante   a   confidarsi   con   altri   per   timore   che   le   informazioni   possano   essere   usate  

 contro  di  lui  

Scorge  significati  nascosti,  umilianti  e  minacciosi    

 Porta  costantemente  rancore    

 Percepisce  attacchi  al  proprio  ruolo    

 Sospetta  anche  della  fedeltà  del  coniuge  o  del  partner.    

 

DISTURBO  SCHIZOIDE:  tendenza  all’isolamento  sociale  che  persiste  per  tutta  la  vita,  disagio  nelle  

interazioni.  Il  soggetto:  

Non  desidera,  ne  prova  piacere  nelle  relazioni  intime.  

 Quasi  sempre  sceglie  attività  solitarie.  

 Dimostra  poco  o  nessun  interesse  per  le  attività  sessuali.  

 Prova  piacere  per  poche  attività.  

 Non  ha  molti  amici  stretti.  

 Mostra  freddezza  emotiva  e  distacco.  

 

DISTURBO  SCHIZOTIPICO:  soggetti  strani  ed  eccentrici,  in  cui  il  pensiero  e  la  comunicazione  sono  

disturbati.  (suicidio  nel  10%  dei  casi).    

Credenze  strane,  pensiero  magico,    

 Esperienze  percettive  isolite  

 Pensiero  e  linguaggio  strani.  

 Sospettosità  o  ideazione  paranoide.  

 Affettività  inappropriata.    

 Nessun  amico  stretto  o  confidente.  

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  15  

GRUPPO  B  (drammatic  clouster)  

Marcata   espressività   delle   manifestazioni   cliniche,   alterazione   affettiva   e   del   controllo   degli  

impulsi.    

DISTURBO   ANTISOCIALE:   inosservanza   e   violazione   dei   diritti   degli   altri,   trasgressione  

accompagnata   da   assenza   di   senso   di   colpa.   Picco   massimo   durante   l’adolescenza.   (più   comune  

negli  uomini)  

Incapacità  di  conformarsi  alle  norme  sociali.    

 Disonestà.  

 Impulsività,  incapacità  di  pianificare.    

 Irresponsabilità  abituale.  

 Instabilità  e  aggressività.  

 Mancanza  di  rimorso.    

 

DISTURBO   BORDERLINE:   grande   instabilità   affettiva   e   dell’umore,   mancanza   di   controllo  

sull’impulsività   e   aggressività   (più   comune   nelle   donne).   Sentimenti   cronici   di   noia,   vuoto   che  

rimandano  ad  una  mancanza  di  un  coerente  senso  di  identità.  

Sforzi  disperati  per  evitare  un  reale  o  immaginario  abbandono.  

 Relazioni  interpersonali  instabili.  

 Alterazione  dell’identità:  immagine  di  sé  e  percezione  del  sé  instabili  e  incoerenti.  

 Ricorrenti  minacce,  gesti  comportamenti  suicidari,  comportamenti  auto  mutilanti.  

 Impulsività  in  almeno  due  aree  potenzialmente  dannose  per  il  soggetto:  spendere,  sesso,  

 sostanze,  etc..    

Sentimenti  cronici  di  vuoto.    

 Rabbia  immotivata.    

 Ideazione  paranoide  legata  allo  stress.    

 

DISTURBO   ISTRIONICO:   particolare   bisogno   di   essere   appariscenti,   di   ricercare   l’attenzione  

attraverso   l’esagerazione   dei   sentimenti,   della   seduttività,   incapacità   di   mantenere   legami  

profondi   e   duraturi.   Stile   comportamentale   e   comunicativo   teatrale   (la   vita   è   un   palcoscenico).  

Forte  bisogno  di  ammirazione  e  attenzione.  

Disagio  in  situazioni  in  cui  non  è  al  centro  dell’attenzione.    

 Interazione  con  gli  altri  spesso  caratterizzata  da  comportamenti  sessualmente  provocanti.    

 Espressione  delle  emozioni  mutevole  e  superficiale.    

 Utilizzo  dell’aspetto  fisico  per  attirare  l’attenzione  su  di  sé.  

 Stile  dell’eloquio  impressionistico.  

 Teatralità.  

 Suggestionabile.  

 Considera  le  relazioni  più  intime  di  quanto  non  siano  realmente.    

 

DISTURBO  NARCISISTICO:  senso  di  sé  grandioso,  eccessiva  ricerca  di  ammirazione,  sentimenti  di  

invidia,   arroganza   sprezzante.   Relazioni   superficiali   vissute   e   gestite   alla   ricerca   costante   di  

ammirazione.   Sono   soggetti   che   tendono   a   manipolare   l’altro   per   conseguire   i   loro   obiettivi.  

Tollerano  poco  il  rifiuto  e  le  critiche.    

Senso  grandioso  di  importanza.  

 Fantasie  di  illimitato  successo  e  fascino.  

 Sensazione  che  tutto  gli  sia  dovuto.  

 Sfruttamento  interpersonale.  

 Manca  di  empatia  

  16  

GRUPPO  C  (anxious  clouster)  

Comprende   le   personalità   patologiche   caratterizzate   dall’ansia,   dall’insicurezza   e   uno   scarso  

controllo  emotivo.    

 

DISTURBO   EVITANTE:   sentimenti   autosvalutativi,   di   inadeguatezza,   estrema   sensibilità   al   rifiuto,  

isolamento  sociale  pur  desiderando  le  interazioni  sociali.  Grande  bisogno  di  sicurezza:  

Evitano  lavori  che  implicano  un  significativo  contatto  interpersonale.  

 Riluttanza  a  entrare  in  relazione,  se  non  vi  è  la  certezza  di  piacere.    

 Inibito  nelle  relazioni  intime  per  timore  di  essere  umiliato.  

 Si  preoccupa  per  critiche  e  rifiuti  sociali.  

 Si  vede  inferiore  agli  altri,  personalmente  non  attraente.    

 

DISTURBO  DIPENDENTE:  tendenza  a  mettersi  in  rapporto  con  gli  altri  con  modalità  di  dipendenza  

e   sottomissione.   Comportamento   dubbioso   e   pessimista,   paura   di   prendere   decisioni,  

perennemente  alla  ricerca  di  qualcuno  a  cui  appoggiarsi  totalmente.    

Richiesta  eccessiva  di  consigli  e  rassicurazioni.    

 Bisogno  che  gli  altri  prendano  le  responsabilità  per  la  sua  vita.  

 Difficoltà  nell’esprimere  disaccordo  dagli  altri.    

 Disagio  in  solitudine.  

 Al  termine  di  una  relazione  stretta  necessitano  immediatamente  di  un’altra  persona.  

 Preoccupazioni  non  realistiche  di  essere  lasciato  solo.  

 

DISTURBO   OSSESSIVO-­‐COMPULSIVO:   esagerata   ricerca   dell’ordine,   perseveranza,   ostinazione,  

indecisione,  eccessivamente  preoccupati  per  le  regole.  Soggetti  che  mancano  di  flessibilità,  forte  

senso  del  dovere  e  delle  responsabilità.    

Attenzione  per  i  dettagli,  regole,  fino  a  smarrire  lo  scopo  principale  di  attività.    

 Perfezionismo  e  interesse  per  il  completamento  dei  compiti.    

 Eccessiva  dedizione  al  lavoro,  alla  produttività,  fino  ad  escludere  attività  di  svago.    

 Esageratamente  coscienzioso,  scrupoloso,  inflessibile  in  tema  di  moralità,  etica  e  valori.    

 Incapace  di  gettare  via  oggetti  consumati  o  di  nessun  valore.  

 Riluttante  a  delegare  i  compiti  o  lavorare  con  altri.  

 Avarizia.  

 Manifesta  rigidità  e  testardaggine.    

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

 

  17  

I  DISTURBI  DEL  COMPORTAMENTO  ALIMENTARE  

Aumento  dell’incidenza  nei  paesi  occidentali.  I  disturbi  del  comportamento  alimentare  colpiscono  

il  2/4%  dei  soggetti  giovani,  tra  i  10  e  i  30  anni  con  due  picchi  tra  i  14  e  i  18  anni.  Sono  malattie  

prevalentemente   femminili.   Vi   è   una   sorta   di   imprinting   patologico   dato   dalla   pressione   della  

richiesta  sociale  che  esalta  ideali  di  femminilità  che  sollecitano  il  raggiungimento  della  magrezza.  

Vi   sono   diversi   livelli   di   sofferenza   psichica   che   trovano   espressione   psicopatologica   in   un   disturbo  

del   comportamento   alimentare.   Incidenza   di   molti   fattori   (ultimi   60   anni)   muta   il   modello  

  

femminile:  

Incremento  della  disponibilità  alimentare  che  facilità  la  possibilità  che  il  cibo  possa  essere  

o oggetto  di  uso  perverso,  abuso,  dipendenza.    

Magrezza  come  stereotipo  di  bellezza.  

o Necessità  di  controllo  del  corpo.  

o

 

ANORESSIA   NERVOSA:   è   il   disturbo   psicopatologico   che   prevede   il   rifiuto   nel   mantenere   il   peso  

corporeo  entro  i  limiti  del  normale,  intensa  paura  di  aumentare  di  peso,  interpretazione  erronea  

del  proprio  corpo  e  della  propria  forma  fisica.    

Il  0,3%  delle  adolescenti  occidentali  e  delle  donne  ne  soffre.    

 Oggi  ricopre  tutte  le  fasce  sociali  (anni  ’60  solo  quelle  più  agiate).  

 95%  dei  casi  è  femminile.  

 Esordio  tra  i  12  e    25  anni.  

 Professioni  tipiche  legate  al  mondo  della  moda  e  della  danza.    

 

Fattori   psicologici   e   psicodinamici   ruolo   fondamentale   dei   fattori   psicologici,   esordio  

  

adolescenziale   che   riconduce   alle   problematiche   tipiche   dell’età   (conflittualità   personali   e  

strategie  difensive,  confronto  con  richiesta  ambientale,  bassi  livelli  di  autostima,  relazioni  familiari  

disturbate).    

Fattori   di   ordine   socio   culturale   (anoressia   come   disturbo   etnico:   Davereux).   Fenomeno   che  

  

può   esprimere   le   contraddizioni   cruciali   e   le   angosce   delle   attuali   società   dei   paesi   industrializzati.  

Cultura   del   corpo:   modelli   di   riferimento   idealizzati   dalla   nostra   società.   mantenimento  

dell’identificazione   e   dell’autostima   attraverso   l’organizzazione   di   meccanismi   di   controllo   del  

corpo.    

Criteri  diagnostici  del  DSM:  

Rifiuto  di  mantenere  il  peso  al  di  sopra  o  al  minimo  normale  per  l’età  stabilita.    

• Paura  di  acquisire  peso  o  diventare  grassi,  anche  se  sottopeso.  

• Alterazioni  nel  modo  in  cui  il  soggetto  vive  il  peso  e  la  forma  del  corpo.  

• Assenza  di  almeno  tre  cicli  mestruali  consecutivi.  

Fasi  dell’anoressia:  

1. Esordio   della   malattia   caratterizzato   da   un   comportamento   scarsamente   consapevole   di  

preoccupazione   per   il   proprio   aspetto   fisico.   Nel   70%   dei   casi   è   presente   una   condizione   di  

sovrappeso   o   un’insoddisfazione   del   proprio   aspetto   fisico.   Restrizione   dietetica  

inizialmente   periodica.   In   questa   fase   c’è   la   possibilità   di   un   intervento   terapeutico   che  

colga  il  disagio  e  la  sofferenza  dell’adolescente  che  può  evitare  lo  svilupparsi  della  malattia.      

2. Comportamento   anoressico   come   modalità   esistenziale,   idea   prevalente   del   controllo  

onnipotente   del   peso   e   delle   misure   corporee.   Abiti   e   atteggiamenti   dissimulanti   la  

magrezza,  aumento  della  disabilità  lavorativa,  sociale  e  familiare;  alterazioni  dell’umore.    

 

(Prognosi    morte  nel  5%  dei  casi;  guarigione  46%,  miglioramento  29%,  cronicizzazione  20%.).    

 

  18  

BULIMIA   NERVOSA:   “ fame   da   bue”     presenza   di   episodi   ricorrenti   di   abbuffate   di   cibo   associate  

a  modalità  inappropriate  per  impedire  l’aumento  di  peso.    

I’1,3%  delle  giovani  donne  ne  soffro  non  intorno  ai  18  e  dopo  i  25  anni.    

 Colpisce  prevalentemente  le  donne.  

 Durata  media  della  malattia  dal  momento  delle  richiesta  di  aiuto:  5  anni.    

   

Fattori   psicologici   e   psicodinamici   difficoltà   rispetto   alle   esigenze   adolescenziali,   frustrazioni  

  

vissute   come   minacce   importanti   alla   propria   autostima;   sensazione   di   disagio   per   il   proprio  

aspetto  fisico;  rifiuto  e  disprezzo  per  se  stesse;  competizione  e  conflitto  con  la  madre  con  aspetti  

di  forte  dipendenza  regressiva;  storia  personale  di  difficoltà  di  separazione.  

Criteri  diagnostici  del  DSM:  

Ricorrenti   abbuffate:   mangiare   in   un   definito   periodo   di   tempo   una   quantità   di   cibo  

 superiore  alla  norma.    

Condotte  compensatorie.  

 Abbuffate  e  condotte  compensatorie  almeno  due  volte  la  settimana  per  3  mesi.    

 L’alterazione  non  si  manifesta  solo  nel  corso  di  episodi  di  anoressia  nervosa.    

 

 

BINGE   EATING   DISORDER   (BED):   disturbo   da   alimentazione   incontrollata.   Episodi   di   assunzioni  

ricorrenti   e   protratte   di   cibo,   non   seguite   da   manovre   di   eliminazione   o   altri   comportamenti  

compensatori.    insorgenza  in  tarda  adolescenza  e  frequente  associazione  con  l’obesità.    

Criteri  diagnostici  DSM:  

Episodi  ricorrenti  di  alimentazione  incontrollata  con:  assunzione  di  cibo  molto  maggiore  di  

 quello   che   normalmente   un   soggetto   consuma;   sensazione   di   perdita   di   controllo  

sull’assunzione  del  cibo  durante  l’episodio.      

  Gli  episodi  di  alimentazione  incontrollata  sono  associati  a  3  o  più  dei  seguenti  elementi:  

 Mangiare  molto  più  rapidamente  del  normale.  

• Mangiare  fino  a  sentirsi  spiacevolmente  pieni.  

• Mangiare  moltissimo  anche  senza  sentimento  di  fame.  

• Mangiare  soli  per  imbarazzo  di  fronte  ad  altri.    

• Disgusto  per  se  stesso,  senso  di  colpa  dopo  l’evento.    

  Marcato  disagio  per  la  propria  alimentazione  incontrollata.    

 Almeno  due  giorni  la  settimana  in  un  periodo  di  sei  mesi.  

 Non  associazione  di  condotte  compensatorie.    

 

 

DISTURBI  DA  USO  DI  SOSTANZE  PSICOATTIVE  

Le   sostanze   psicoattive   sono   sostanze   capaci   di   alterare   lo   stato   psichico,   umorale,   reagendo  

diversamente   da   persona   a   persona,   nel   tempo.   Importante   il   contesto   culturale   e   luogo   di  

appartenenza  del  soggetto.  In  Europa  la  sostanza  più  diffusa  è  la  cannabis,  in  Italia  la  seconda  più  

diffusa  è  l’anfetamina,  con  largo  aumento  della  diffusione  di  cocaina  (stabile  l’eroina).    

L’uso  di  sostanze  si  può  suddividere  in:  

Uso   episodico:   a   volte   isolato   e   sperimentale   con   sostanze   come   l’alcol.   Diffuso   tra   i  

 giovani.    

Uso  diffuso:  rivolto  a  droghe  specifiche  (sostanze  dopanti;  dance  drugs).    

 

  19  

Funzioni:    

Gratificazione.    

 Ricerca  sensazioni  intense.  

 Sollievo  da  depressione/ansia.  

 Miglioramento  di  performance.    

 

DISTURBO   DA   ABUSO   DI   SOSTANZE:   sindrome   comportamentale   con   effetti   negativi   psicologici,  

sociali,   relazionali   derivanti   da   una   modalità   di   uso   che   per   frequenza,   intensità,   conseguenze  

trascende  i  desideri  e  le  aspettative  del  soggetto.    

 

DIPENDENZA  DA  SOSTANZE:  durata  maggiore  di  un  anno.  Ha  carattere  di  compulsione  e  perdita  

del  controllo,  talvolta  intossicazione  o  astinenza.    

L’uso  episodico  è  distinto  dall’uso  problematico  (abuso)  o  dall’uso  compulsivo  (dipendenza).    

Zimberg  inquadra  la  questione  in  tre  fattori:  

1. Caratteristiche  farmacologiche  della  sostanza.    

2. Caratteristiche  della  persona,  congenite  o  acquisite.    

3. Caratteristiche  dell’ambiente:  stressante,  incentivante,  disponibilità  della  sostanza.  

I  diversi  fattori  devono  essere  messi  in  relazione.    

 

UNDICI  CLASSI  DI  SOSTANZE  PSICOATTIVE:  

1. 3  droghe  domestiche:  caffeina,  nicotina,  alcol.  

2. 2  psicostimolanti:  cocaina,  anfetamina.    

3. 3  psicodislettici:  cannabis,  allucinogeni,  feuciclidina.  

4. 2  sedativi:  oppioidi,  sedativi-­‐ipnoidi,  tranquillanti.    

5. Droghe  dei  poveri,  inalanti.    

 

Ogni   sostanza   è   attiva   su   diversi   sistemi   neuronali.   Le   vie   di   assunzione   diverse   garantiscono  

rapidità  d’azione  e  quindi  diversa  intensità  nell’effetto:  

Via  inalatoria.                                                                    

 Via  venosa.    

 Via  endonasale.  

 Via  orale.  

Le  prime  due  sono  le  più  efficaci.  

   

Rilevante  peso  del  fattore  genetico,  diversi  fattori  ereditari:  

Come  debolezza  dell’Io.  

 Come  inclinazione  alla  ricerca  di  sensazioni  di  novità.  

 Come  tendenza  alla  replicazione  degli  effetti  di  ricomparsa.    

 Come  automedicazione  di  stati  di  sofferenza  psichica.    

 

Influenza  rilevante  dell’ambiente:  famiglia,  gruppo,  società.    

DIPENDENZE  INNATE:  dalle  sostanze  che  tengono  in  vita  l’organismo,  relative  ai  principi  alimentari  

che  l’organismo  non  è  in  grado  di  produrre  (vitamine)  la  cui  carenza  produce  malattie.    

DIPENDENZE   ACQUISITE:   relative   ad   abitudini   che   sono   state   assunte   a   seguito   di   effetti  

gratificanti   (attraverso   la   stimolazione   del   sistema   cerebrale   della   ricompensa).   Possono   diventare  

patologiche.    

DIPENDENZE   TERAPEUTICHE:   sono   associate   a   terapie   sostitutive   dei   soggetti   dipendenti   da  

eroina    consumo  di  metadone.    

  20  

DSM  IV    capitolo  dei  DISTURBI  CORRELATI  A  SOSTANZE  

Distinzione  tra:  

Disturbi  da  uso  di  sostanze:  abuso  e  dipendenza.  

• Disturbi  indotti  da  sostanze:  intossicazione  e  astinenza.  

   

Criteri   diagnostici   per   la   dipendenza:   modalità   patologica   d’uso   che   conduce   a   menomazione   o  

disagio  clinicamente  significativo  (durata  di  12  mesi  che  mostri  almeno  3  condizioni  seguenti):  

Tolleranza:   marcato   bisogno   di   aumentare   la   quantità   di   sostanza   per   raggiungere  

 l’intossicazione   o   l’effetto   voluto.   Marcato   calo   dell’effetto   con   uso   continuato   del  

medesimo  dosaggio.    

Astinenza:   sviluppo   di   una   sindrome   caratteristica   per   la   sostanza   usata,   a   seguito   di  

 sospensione  o  marcata  riduzione.  La  stessa  sostanza,  o  sostanze  affini  vengono  assunte  per  

eliminare  o  attenuare  tale  sindrome.    

Uso  di  quantità  maggiori  e  più  a  lungo  del  desiderato.    

 Desiderio  e  vani  tentativi  di  smettere.  

 Grande  quantità  di  tempo  impiegata  nella  ricerca  della  sostanza.    

 Riduzione  e  interruzione  di  importanti  attività    

 Uso  quantitativo  nonostante  i  problemi  generati  dalla  sostanza.    

 

Criteri  diagnostici  per  l’abuso:  modalità  patologica  d’uso  che  conduce  a  menomazione  o  disagio  

clinicamente  significativo  (entro  12  mesi  almeno  una  delle  seguenti  condizioni):  

Uso  che  causa  incapacità  del  ruolo.    

 Uso  ricorrente  in  situazioni  rischiose.    

 Problemi  legali.    

 Uso  nonostante  i  problemi.    

 

 

DISTURBI  DA  USO  DI  ALCOL  

L’alcol  è  la  sostanza  psicoattiva  più  largamente  consumata  in  occidente.  Problemi  emergenti  che  

riguardano   il   consumo   alcolico   delle   casalinghe,   donne   in   gravidanza   e   adolescenti   guida   in  

  

stato  di  ebbrezza,  relazione  tra  alcol  e  violenza.    

Due  tipologie  di  alcolismo:  

1. Prevale   l’effetto   ambientale:   insorgenza   tardiva,   influenza   delle   esperienze   e  

dell’ambiente,   minor   perdita   del   controllo,   associazione   con   sensi   di   colpa,   elevata  

dipendenza  da  ricompensa.    

2. Maggior   carico   energetico:   insorgenza   precoce,   incapacità   di   astenersi,   atteggiamenti  

anormali  e  frequenti  litigi,  violenze  e  arresti,  basso  evitamento  del  pericolo.    

 

INTOSSICAZIONE   ACUTA:   ebbrezza,   modificazioni   del   comportamento   sessuale,   aggressività,  

caduta  delle  capacità  critiche  e  del  funzionamento  sociale,  scarso  coordinamento  motorio,  deficit  

mnesico,   coma   ed   eventuale   morte.     eventuale   evoluzione   in   delirium   da   intossicazione   alcolica  

(alterazione  della  coscienza  e  della  cognizione).  Quantità  di  alcol  ingerita  variabile  da  soggetto  a  

soggetto,   anche   in   rapporto   alla   tolleranza   sviluppata   (intorno   ai   300   ml   –>   possibile   coma   e  

morte).    

 

 

 

 

  21  

ANDAMENTO  INTOSSICAZIONE  IN  DUE  FASI:    

1. Atteggiamento   euforico   ad   impronta   ipomaniacale,   possibili   oscillazioni   emotive   e   umorali,  

possibili  atteggiamenti  impulsivi  e  aggressivi,  deficit  della  critica.    

2. Di   tipo   sedativo:   il   soggetto   appare   sonnolento,   assopito,   in   casi   estremi   perdita   della  

coscienza,  e  coma.    

 

ASTINENZA  DA  ALCOL:  si  manifesta  dopo  10/12  ore  dalla  cessazione  o  riduzione  del  bere:  

Tachicardia.  

 Pressione  arteriosa  elevata.  

 Irritabilità.  

 Sudorazione.  

 Tremore,  insonnia,  nausea,  vomito.    

 Ansia,  agitazione    

 Possibili  convulsioni.  

 Esaurimento  tra  le  96  e  le  120  ore.    

Possibile  residuo  malessere  anche  per  diverse  settimane.    

DELIRIUM   DA   ASTINENZA:     quadro   trattabile   ma   potenzialmente   fatale.   Esordisce   come   astinenza  

semplice,  MA    disturbo  della  coscienza,  disorientamento,  fenomeni  allucinatori,  confabulazioni,  

tremori  diffusi.    

DISTURBI  MENTALI  INDOTTI  DALL’ALCOL:    

Disturbo  psicotico  con  deliri.  

 Demenza  persistente.  

 Disturbo  dell’umore.  

 Disturbo  dell’ansia.  

 Disturbo  sessuale.    

 Disturbo  del  sonno.    

POSSIBILI   EFFETTI   NEGATIVI   SUL   FETO   maggior   rischio   di   interruzione   di   gravidanza   o   di  

     

nascita  prematura,  di  deficit  di  sviluppo  fetale,  e  pre-­‐post  natale.  Altra  possibilità:  sindrome  feto-­‐

alcolica    deficit  nella  crescita,  anomalie  cranio  facciali  disfunzioni  e  possibili  malformazioni.    

 

DISTURBI  DA  USO  DI  OPPIOIDI  

È   tra   le   più   diffuse   e   devastanti   dipendenze   in   Italia,   caratterizzata   da   uno   sviluppo   rapito   di  

dipendenza  sia  fisica  che  psicologica,  di  tolleranza  di  un  definito  stile  di  vita.  Situazione  Italiana:  

gli   adolescenti   e   giovani   adulti   iniziano   per   pressione   di   gruppo,   con   un’evoluzione   dell’uso  

saltuario,   ricreativo   passaggio   a   un   uso   regolare   e   frequente,   fino   a   quello   quotidiano,  

  

pluriquotidiano,  dipendente.  Assunzione:  inizialmente  endonasale,  poi  solitamente  endovenosa.    

   

EFFETTI  ACUTI:  calda  sensazione  cutanea,  viscerale,  fisica  di  forte  intensità  accompagnata  da  un  

senso   di   gradevole   serenità.   (spesso   durante   la   prima   assunzione:   nausea   e   vomito).   Insorgenza  

rapida  di  breve  durata,  segue  un  periodo  di  pace  di  poche  ore,  dovuto  all’effetto  analgesico  degli  

oppiacei,  rallentamento  psicomotorio,  dell’eloquio.    

 

EFFETTI  CRONICI:  dimagrimento,  pallore,  inappetenza,  riduzione  della  libido  e  delle  mestruazioni,  

prurito,  tremori.    

 

OVERDOSE:   coma,   depressione   respiratoria,   pericolo   di   vita   soprattutto   quando   un   soggetto  

  

riprende  dopo  un  periodo  di  astensione.    

 

  22  

ASTINENZA:  scatenato  dalla  sospensione  o  riduzione  dell’uso  abituale  pesante  o  prolungato:  

Prime  8/10  ore:  lacrimazione,  sbadigli,  sudorazione.    

• 12/24  ore:  sonnolenza  agitata.    

• 18/25  ore:  anoressia,  irritabilità,  tremori,  dolori  muscolari.    

• 48/72  ore:  tutti  i  sintomi  precedenti  esaperati.    

 

OPPIOIDI    GRAVIDANZA  E  MATERNITA’  

Nel   1972   la   donna   doveva   sottoporsi   a   disintossicazione   più   o   meno   forzata   prima   del   parto;   se  

questo  non  era  possibile  la  disintossicazione  avveniva  dopo  il  parto.    

Nel  1997  si  raggiunge  uno  stato  di  drug-­‐free:  si  utilizza  il  mantenimento  metadonico  della  donna  

fino  al  parto  per:  

ridurre  l’uso  illegale  di  sostanze  oppioidi.    

• Togliere  la  donna  da  un  ambiente  drug-­‐seeking.  

• Prevenire  le  fluttuazioni  del  livello  di  droga  nella  giornata.    

• Migliorare  la  nutrizione  materna.  

• Aumentare  la  probabilità  di  una  buona  cura  prenatale  

• Aiutare  la  donna  nel  prepararsi  alla  nascita  del  bambino.  

• Ridurre  il  rischio  di  complicazioni.    

SINDROME   DA   ASTINENZA   NEONATALE   (S.A.N.):   è   un   evento   non   obbligatorio   in   rapporto   al  

trattamento   con   metadone   della   donna   in   gravidanza.   Sintomi:   irritabilità,   pianto   eccessivo,  

tremori,   suzione   frenetica,   vomito,   febbre.   comparsa:   prime   24   ore   se   la   madre   assumeva  

  

eroina,   fino   a   due   settimane   se   assumeva   metadone.   Non   vi   è   correlazione   tra   probabilità   della  

comparsa  della  SAN  e  i  livelli  di  dosaggio  del  metadone  nel  terzo  trimestre  di  gravidanza.    

 

DISTURBI  DA  USO  DI  COCAINA  

 

EFFETTI   DA   INTOSSICAZIONE   ACUTA:   inizio   quando   entra   in   contratto   con   l’encefalo   le   aree  

funzionali   di   alterazione   sono:   l’umore,   le   funzioni   cognitive,   le   funzioni   istintuali   e   della  

consapevolezza.   Immediata   e   intensa   euforia   (da   alcuni   secondi   a   qualche   minuto),   capogiri,  

aumentata   fiducia   in   sé   stessi.   euforia   media   con   ansia   per   30-­‐90   minuti:   i   pensieri   si  

  

accumulano,  la  persona  parla  troppo,  l’eloquio  è  incoerente,  non  c’è  appetito.    

In  basse  dosi:  libido  stimolata,  performance  maschile  migliorata.    

In  alte  dosi:  potrebbe  esserci  un’eiaculazione  spontanea.    

Irrequietezza  motoria,  stato  di  veglia  accentuato  sino  all’insonnia.    

 

EFFETTI   DI   INTOSSICAZIONE   CRONICA:   può   scatenare   tutte   le   possibili   forme   di   disordine  

psichiatrico:  disturbi  affettivi,  disturbi  schizofrenici,  disturbi  di  personalità.    

 

Quattro  fasi:  

1. Euforia:  fase  piacevole.  

2. Disforia:  umore  irritabile.  

3. Paranoia:  pensieri  persecutori  riferiti  a  se  stessi.    

4. Psicosi:  deliri  e  allucinazioni.    

All’inizio   dell’intossicazione   sensazioni   più   gradevoli,   poi   diminuzione   dell’euforia,   nonostante  

l’aumento   delle   dosi.   Si   arriva   sino   ad   un’assenza   di   euforia,   con   predominio   di   ansia   e  

depressione,   con   sensazione   di   disperazione   sino   a   idee   di   suicidio   (deliri   persecutori   come   esiti  

dei  disturbi  più  comuni).    

 

  23  


ACQUISTATO

5 volte

PAGINE

36

PESO

320.57 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in servizio sociale (BIELLA - CUNEO - TORINO)
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2014-2015

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher eleonora.demarco di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Elementi di Psichiatria e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Ruo Roch Gabriele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!