Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

• POSS. CIVILIS = animus + corpus + buona fede (consapevolezza di non ledere dir.

Altrui a inizio possesso) + iusta causa (idoneità a acquisto proprietà a scadenza del

termine).

INTERDETTI

Tutelata con pretori successivamente schematizzati, in origine caso per caso.

RITINENDI POSS RECUPERANDE POSS

( mantenimento poss vs rivendiche e turbative),

UTI POSSIDETIS UTRUBI

(reintegrazione a seguito di violenza o mano armata), x cose immobili,

per cose mobili

PROPRIETA ’

• IURE CIVILIS: MANCIPIUM,

solo Romani per beni in Italia. Concetto + antico è poi

DOMINIUM PROPRIETAS. ASSOLUTEZZA

e infine Presenta caratteri ( tutte le facoltà

ELASTICITA’

esercitabili sulla res comprese) e ( esiste nuda proprietà che si può ristendere

a cessare diri reali).

• IURE HONORARIUM: ACTIONES

per non rmani e provinciali. In bonis Habere. Tramite

UTILES. TRADITIO POSSESSIONIS

Date anche per = traditio di res mancipi e

ACQUISTO A NON DOMINO = quando compratore in buona fede. Anche eccezione rei

vindicate et tradita per tenersi il bene.

ACTIO PUBLICIANA: consisteva in finzione che fosse trascorso tempo necessario a usucapione

per possesso civile turbato prima dello scadere del termine. Estesa a sanare in bonis habere: in t.p.

prevaleva anche su proprietario, in a. n. d. no; poteva ottenere solo prezzo da venditore per

garanzia per evizione.

Si distingue da interdica perché è esperibile vs tutti.

CODIFICAZIONI:

• 1140 C.C: coincide con dir. Reale, situazione di fatto (concezione animus di Savigny, come

proprio)

• BGB: animosa di Jhering generica intenzione di avere la res

• C.N: anche se si parla di diritto rileva sempre il suo rapporto materiale con la res ( V.

origine con Pothier e divisione dominio utile/diretto).

3. DIRITTI REALI, lezione del 21 Novembre 2008.

• SERVITU ’, 1027 c.c.: nozione di servitù prediale (= fondo servente pesa su quello dominante).

Doppia inerenza reale, attiene al fondo e non al dominus = che per i Romani che distinguevano

le servitù rustiche (mancipi) dalle urbane ( edilizie nec mancipi solo con in iure cessio. Si

caratterizzavano per doppia inerenza reale, utilità, vicinanza, indivisibilità. Modalità di

ADIUDICATIO

costituzione: (nella formula si indicava a giudice di dividere oggetto

DESTINAZIONE BUON PADRE DI FAMIGLIA, PACTIONES ET

controversia),

STIPULATIONES (province). Non si potevano usucapire perché incorporali, poi divieo

esplicito con Lex Scribonia.

IN IURE CESSIO CONFUSIONE, DISTRUZIONE DI

Modalità di estinzione: a titolare,

UNO DEI FONDI, USUCAPIO LIBERTATIS ( x servitù negative non viene rispettato

obbligo di non fare e passano due anni).

VINDICATIO SERVITUTIS

Tutela: (legis actio sacramento in rem, agere per sponsionem,

actio confessoria in processo formulare) dove legittimato attivo era titolare fondo o

OPERIS NOVI NUNCIATIO

usufruttuario e passivo chiunque ostacolasse la servitù + che

impediva prosecuzione opera che ostacolava servitù.

NB1: tutela x servitù no iure civilis (a compravendita segue traditio non valida perché sono

incorporali) comunque protette da actio publiciana e interdetti possessori, si applica

equivalenza con traditio possessionis. Tolleranza del dominus giustifica tutela pretoria.

NB2: servitù personae ( costituite per utilità di una persona e non del fondo) derivano da

particolare valorizzazione della volontà del testatore o della conventio delle parti.Esse sono

l’apertura verso atipicità dei diritti reali.

NB3: VETUSTAS

servitù d’acqua quando non si può dimostrare il titolo la per Labeone

permette di provare servitù, per Ulpiano addirittura la modalità d’acquisto.

• USUFRUTTO

, 981 c.c.: per Paolo è diritto di godere della cosa altrui percependone i frutti

acquistandone la proprietà al momento della loro materiale apprensione senza attaccare

destinazione del bene usufruito. L’unico limite è non potere in nessun modo modificare bene.

Per tutti i tipi di res tranne consumabili.

Fino a termine pattuito, max alla morte usufruttuario.

IN IURE CESSIO, LEGATO PER DAMNATIONEM O VINDICATIONEM,

Costituzione:

PACTIONES ET STIPULATIONES.

SCADENZA TERMINE, CAPITIS DIMINUTIO, CONFUSIONE, NON USO,

Estinzione:

RINUNCIA CON IN IURE CESSIO.

Divisibile.

Cautio con garanti a proprietario per garantire restituzione bene come era in origine.

VINDICATIO USUFRUTTO TUTELA INTERDITTALE

Tutela: (= actio confessoria) e

POSSESSORIA.

• USO : come usufrutto solo che non ne percepisce i frutti. Nel 530 d.C. Giustiniano crea

HABITATIO che rispetto a uso consentiva di dare edificio in locatio vs canone.

Per costituzione e tutela = usufrutto.

• ENFITEUSI , 959+960 c.c.: nasce nel Dominato con Zenone che prescrive tutela reale erga

omnes per locatio in perpetum (= precaristi solo che fondo era privato). Dietro il pagamento di

un canone se ne poteva disporre a tempo indeterminato e non c’era l’obbligo di migliorare il

fondo come oggi. In caso di alienazione proprietario aveva prelazione, se ne poteva disporre

anche mortis causa.

CONCESSIONE.

Costituzione:

NO CANONE X 3 ANNI, CONFUSIONE.

Estinzione:

ACTIO IN REM.

Tutela:

• SUPERFICIE , 952 c.c.: ius aedificandi su suolo altrui, impediva accessione in caso di

costruzione edificio su suolo altrui.

ACCORDO

Costituzione: simile a locatio

RINUNCIA INFORMALE

Estinzione:

INTERDICTA POSSESSORI + ACTIO IN FACTUM

Tutela: di tipo reale a tutela dello ius

aedificandi. Limite della tutela possessoria era che se proprietario lo espelleva dal territorio

non c’era tutela, è Giustiniano che da azione relae.

Diritto alienabile e trasferibile mortis causa.

PROBLEMA TIPICITA ’ DEI DIRITTI REALI

In ci.l primazia del diritto di proprietà e principio numero chiuso dei diritti reali (figure atipiche solo

nei contratti).


ACQUISTATO

1 volte

PAGINE

5

PESO

226.91 KB

AUTORE

vipviper

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

L'appunto fa riferimento alle lezioni di Diritto Romano, tenute dal Prof. Vincenzo Mannino nell'anno accademico 2009.
Il documento schematizza i seguenti argomenti trattati a lezione dalla Dott. ssa Brunet: mancipatio, in iure cessio, traditio, contratto, compravendita, possesso, proprietà e relative tutele, diritti reali e tipicità.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
A.A.: 2009-2010

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher vipviper di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto Romano e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Roma Tre - Uniroma3 o del prof Mannino Vincenzo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto romano

Riassunto esame Diritto Romano, prof. Rossetti, libro consigliato Possesso e Tempo nell'Acquisto della Proprietà, Vacca
Appunto
Scuola storica e Pandettistica
Appunto
Riassunto esame diirtto romano, prof. Vacca, libro consigliato La giurisprudenza delle fonti del diritto romano, Vacca
Appunto
Diritto Romano - possesso e proprietà
Appunto