Che materia stai cercando?

Diritto civile - la qualificazione dei contratti Appunti scolastici Premium

Appunti di Diritto civile per l'esame del professor Biscontini sulla qualificazione dei contratti. Gli argomenti trattati sono i seguenti: i contratti a prestazioni corrispettive e i contratti ad effetti reali, la bilateralità, l'onerosità, l'interesse del creditore, l'equivalenza soggettiva delle prestazioni, la corrispettività. Vedi di più

Esame di Diritto civile docente Prof. G. Biscontini

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

IL MUTUO ONEROSO

X NEGARE CHE LA DONAZIONE MODALE (CON CLAUSOLA RISOLUTIVA ESPRESSA ART793 4° )

SIA CONTRATTO CON PRESTAZIONI CORRISPETTIVE SI E’ PERO SOSTENUTO CHE NON SOLO

CONTRATTI CORRISPETTIVI MA ANCHE ALTRI TIPI CONTRATTI SAREBBERO RISOLVIBILI X

INADEMPIMENTO , QUALE ad.es IL CONTRATTO DI MUTUO ONEROSO FENERATIZIO.

NON SI TIENE CONTO PERO CHE ANCHE IN TAL CASO L’ASSENZA O LA PRESENZA DELLA

CORRISPETTIVITA FRA LE PRESTAZIONI CONSENTE DISTINGUERE IL MUTUO ONEROSO DA

QUELLO GRATUITO. L’ART.1820 NEL DISCIPLINARE LA RISOLUZIONE X MANCATO

PAGAMENTO DEGLI INTERESSI INTENDE CHIARAMENTE INSERIRE IL MUTUO ONEROSO TRA

I CONTRATTI A PRESTAZIONI CORRISPETTIVE.

SI E’ COSI DISTINTA LA CAUSA NEI 2 TIPI DI MUTUO : 1) FUNZIONE DI SCAMBIO NEL CASO

DI MUTUO ONEROSO , 2) FUNZIONE DI LIBERALITA NEL MUTUO GRATUITO. ULTERIORE

DIVERSITA FRA I 2 TIPI DI MUTUO SI RISCONTRA NEL MOMENTO PERFEZIONATIVO. LA

DOTTRINA E LA GIURISPRUDENZA MAGGIORITARIE SOSTENGONO CHE IL MUTUO SAREBBE

SEMPRE CONTRATTO REALE ( CIOE CONTRATTO CHE SI PERFEZIONA CON LA CONSEGNA

DELLA COSA CHE NE E’ OGGETTO). IN REALTA, SOLO IL CONTRATTO DI MUTUO GRATUITO E’ 1

CONTRATTO REALE, CHE SI PERFEZIONA CIOE CON LA CONSEGNA DELLA COSA, MENTRE IL

CONTRATTO DI MUTUO ONEROSO E’ 1 CONTRATTO CONSENSUALE: SI PERFEZIONA CIOE CON

IL SOLO SCAMBIO DEI CONSENSI, MENTRE LA CONSEGNA DELLA COSA COSTITUISCE 1

OBBLIGAZIONE CHE SCATURISCE DAL CONTRATTO GIA PERFEZIONATO. ANCHE QUESTO

SPIEGA PERCHE IL CONTRATTO DI MUTUO ONEROSO E’ CONTRATTO CON PRESTAZIONI

CORRISPETTIVE, IN QUANTO DAL CONTRATTO GIA CONCLUSO COL SEMPLICE SCAMBIO DEI

CONSENSI SCATURISCONO 2 OBBLIGHI RECIPROCI : DA 1 PARTE L’OBBLIGO DI CONSEGNARE

LA COSA OGGETTO DEL MUTUO, DALL’ALTRA L’OBBLIGO DI PAGARE 1 CORRISPETTIVO( GLI

INTERESSI). PROPRIO IN RAGIONE DI CIO SI GIUSTIFICA L’APPLICABILITA DELLA

RISOLUZIONE X INADEMPIMENTO, PERCHE TALE RIMEDIO E’ APPLICABILE AI SOLI

CONTRATTI IN CUI ESISTE 1 COLLEGAMENTO FUNZIONALE FRA LE PRESTAZIONI(c.d

SINNALAGMATICI).

VICEVERSA NEL MUTUO GRATUITO SUSSISTE 1 SOLA PRESTAZIONE : LA CONSEGNA DELLA

COSA DAL MUTUANTE AL MUTUATARIO, NON POTENDO ESSERE QUALIFICATA COME

CONTROPRESTAZIONE L’OBBLIGO DI RESTITUZIONE DELLA COSA MUTUATA DEL

MUTUATARIO. IN TAL CASO SI E’ IN PRESENZA DI 1 CONTRATTO CON OBBLIGAZIONI A

CARICO DEL SOLO PROPONENTE.

TALE DIFFERENZA CONSENTE DI SPIEGARE ANCHE CHE MENTRE NON E’ POSSIBILE LA

STIPULA DI 1 CONTRATTO PRELIMINARE DI MUTUO GRATUITO IN QUANTO DOVENDO IL

PRELIMINARE ESSERE PERFEZIONATO NELLA FORMA RICHIESTA X IL CONTRATTO

DEFINITIVO, GIA NEL PRELIMINARE DOVREBBE ESSERE PRESENTE IL REQUISITO DELLA

CONSEGNA CON LA CONSEGUENTE IMPOSSIBILITA DI DISTINGUERE FRA PRELIMINARE E

DEFINITIVO, ANALOGO PROBLEMA NON SI PONE CON RIGUARDO AL MUTUO ONEROSO CHE E’

CONTRATTO CONSENSUALE.

TRASPORTO-NOVAZIONE,COMPENSAZIONE E REMISSIONE.

TRASPORTO.

ANALOGAMENTE ANCHE NEL CONTRATTO DI TRASPORTO IL CARATTERE DELLA

CORRISPETTIVITA CONTRIBUISCE A FORNIRE 1 ELEMENTO UTILE AI FINI DELLA

QUALIFICAZIONE DEL CONTRATTO.

L’ART 1678 STABILISCE CHE COL CONTRATTO DI TRASPORTO IL VETTORE SI OBBLIGA VERSO

CORRISPETTIVO A TRASFERIRE PERSONE O COSE DA 1 LUOGO ALL’ALTRO. 7

NEL ART 1681 3° IL LEGISLATORE STABILISCE CHE LE NORME DI QUESTO ART. SI

OSSERVANO ANCHE NEI CONTRATTI A TITOLO GRATUITO.

DAL QUADRO NORMATIVO SOPRA CITATO SI SAREBBE INDOTTI A CREDERE CHE LA

CORRISPETTIVITA/NON CORRISPETTIVITA NON INCIDANO SULLA QUALIFICAZIONE DEL

CONTRATTO DI TRASPORTO. QUINDI IL RAPPORTO PAREBBE UNICO ED IL CONTRATTO

SEMBREREBBE POTER ESSERE GRATUITO O ONEROSO. INVECE ANCHE NEL CASO DEL

CONTRATTO DI TRASPORTO, COME X IL CONTRATTO DI MUTUO E’ DA ESTINGUERE :

1) UN CONTRATTO DI TRASPORTO ONEROSO CHE ASSUME I CARATTERI DI CONTRATTO

CORRISPETTIVO

2) UN CONTRATTO DI TRASPORTO GRATUITO CHE ASSUME I CARATTERI DI CONTRATTO

NON CORRISPETTIVO.

ANCHE NEL CASO DI CONTRATTO DI TRASPORTO SI HA QUINDI COINCIDENZA FRA

ONEROSITA/CORRISPETTIVITA E FRA GRATUITA/NON CORRISPETTIVITA.

SI VUOLE DISTINGUERE 3 TIPI DI TRASPORTO

1)ONEROSO

2)GRATUITO

3)DI MERA CORTESIA. I PRIMI 2 TIPI HANNO NATURA CONTRATTUALE,MENTRE IL 3° DA

LUOGO A RESPONSABILITA EXTRACONTRATTUALE E CMQ SI COLLOCA AL DI FUORI DELLA

DISCIPLINA CODICISTICA.

AI FINI DEL NOSTRO DISCORSO PERO E’ SUFFICIENTE DISTINGUERE 2 TIPI DI CONTRATTO

DI TRASPORTO : IL TRASPORTO ONEROSO/CORRISPETTIVO, E IL TRASPORTO

GRATUITO/NON CORRISPETTIVO.

NOVAZIONE,COMPENSAZIONE,REMISSIONE.

MEDESIME CONSIDERAZIONI VALGONO ANCHE X I CONTRATTI ESTINTIVI.

LE FATTISPECIE ESTINTIVE SONO :

1) LA NOVAZIONE

2) LA COMPENSAZIONE VOLONTARIA

3) LA REMISSIONE

LA NOVAZIONE E LA REMISSIONE, SPECIE QUELLA VOLONTARIA, SI DISTINGUONO DALLA

REMISSIONE X L’ESSENZIALE CORRISPETTIVITA DEGLI EFFETTI ESTINTIVI PRESENTI SOLO

NELLE PRIME 2 FATTISPECIE.

LA CORRISPETTIVITA DEGLI EFFETTI ESTINTIVI RILEVA PERTANTO SICURAMENTE PER LA

QUALIFICAZIONE DI ALCUNE FATTISPECIE. IN PARTICOLARE NELLA NOVAZIONE SI HA

L’ESTINZIONE DI 1 OBBLIGAZIONE A FRONTE DELLA COSTITUZIONE DI 1 OBBLIGAZIONE

DIVERSA X TITOLO E X OGGETTO. IN QUESTA FATTISPECIE QUINDI E’ EVIDENTE IL

CARATTERE DELLA CORRISPETTIVITA, IN QUANTO L’OBBLIGAZIONE CHE SI ESTINGUE E

QUELLA CHE SORGE SONO LEGATE DA 1 VINCOLO DI SINALLAGMATICITA.

NELLA COMPENSAZIONE INVECE SI ESTINGUONO DEBITI E CREDITI RECIPROCI E

RIMANGONO IN VITA SOLTANTO QUELLI RESIDUI. ANCHE IN QUESTA FATTISPECIE E’

EVIDENTE LA CORRISPETTIVITA NEL SENSO CHE SI ESTINGUE 1 DEBITO A FRONTE

DELL’ESTINZIONE DI 1 ALTRO DEBITO.

NELLA REMISSIONE INVECE, CARATTERIZZATA DALLA RINUNZIA DEL CREDITORE AL

PROPRIO CREDITO, NON C’E’ SICURAMENTE CORRISPETTIVITA. NELLA REMISSIONE INFATTI,

LA MINIMA UNITA EFFETTUALE E’ COSTITUITA SEMPLICEMENTE DALLA ESTINZIONE DI 1

OBBLIGAZIONE O DI 1 DEBITO A DIFFERENZA DELLA NOVAZIONE E DELLA COMPENSAZIONE

IN CUI L’EFFETTO ESTINTIVO E’ INDISSOLUBILMENTE LEGATO AD 1 ALTRO EFFETTO

CORRISPETTIVO. 8

NOVAZIONE E COMPENSAZIONE SONO PERTANTO 2 FATTISPECIE + COMPLESSE RISPETTO

ALLA REMISSIONE POICHE LA LORO MINIMA UNITA EFFETTUALE CONSISTE NEL LEGAME DI

CORRISPETTIVITA DI CUI SI E’ DETTO SOPRA. LA VALUTAZIONE ESPRESSA IN TERMINI DI

ONEROSITA O GRATUITA E’ INVECE INIFLUENTE ANCHE CON RIGUARDO AI CONTRATTI

ESTINTIVI, INSUFFICIENTE AI FINI DELLA QUALIFICAZIONE.

L’APPOSIZIONE DI 1 MODUS ALLA REMISSIONE, X ESEMPIO, PUO VANIFICARE LA NORMALE

GRATUITA DELLA FATTISPECIE, SICCHE LA REMISSIONE PUO ESSERE AL PARI DI TUTTI GLI

ALTRI CONTRATTI GRATUITA O ONEROSA, SENZA CHE CIO INCIDA SULLA CAUSA DEL

NEGOZIO.

IL MANDATO

LE FATTISPECIE DEL DEPOSITO,DEL MANDATO,DEL CONTRATTO DI AMMINISTRAZIONE, DEL

SEQUESTRO CONVENZIONALE, SONO INSENSIBILI ALLA VALUTAZIONE ECONOMICA

DELL’ASSETTO DI INTERESSI CHE, SIA ESSO GRATUITO O ONEROSO E’ INIDONEO AD

INCIDERE SULLA MINIMA UNITA EFFETUALE DEL CONTRATTO. TUTTAVIA SI RITIENE CHE

LA PATTUIZIONE DI 1 COMPENSO RENDEREBBE A PRESTAZIONI CORRISPETTIVE IL

CONTRATTO GRATUITO. NON SI AVVEDE PERO CHE COSI RAGIONANDO SI IDENTIFICA LA

CORRISPETTIVITA CON L’ONEROSITA. IL COMPENSO NON SEMPRE SVOLGE LA FUNZIONE DI

CORRISPETTIVO. NEL MANDATO A DIFFERENZA CHE NEL CONTRATTO D’OPERA, IL

COMPENSO NON E’ ELEMENTO ESSENZIALE,NE SI PONE COME CORRISPETTIVO. LA PRESENZA

DI 1 CORRISPETTIVO DETERMINA LA FUNZIONE DI SCAMBIO CHE E’ PROPRIA DEL

CONTRATTO D’OPERA CON CONSEGUENTE APPLICAZIONE DELLA RELATIVA DISCIPLINA.

I CONTRATTI DI GARANZIA

I CONTRATTI DI GARANZIA SONO L’UNICO CASO IN CUI LA PRESENZA O MENO DELLA

CORRISPETTIVITA NON INCIDE SULLA QUALIFICAZIONE DEL CONTRATTO.

X NEGOZI DI GARANZIA SI INTENDONO LA FIDEUSSIONE,L’AVALLO,IL

PEGNO,L’IPOTECA,L’ANTICRESI,IL MANDATO DI CREDITO.

LA DISCIPLINA CODICISTICA RELATIVA A TALI FATTISPECIE NON CONTIENE NESSUN TIPO

DI RIFERIMENTO ALL’ONEROSITA,ALLA GRATUITA,ALLA CORRISPETTIVITA,E ALLA NON

CORRISPETTIVITA. DA CIO SI DEDUCE CHE QUESTI ELEMENTI SONO DEL TUTTO INUTILI AI

FINI DELLA QUALIFICAZIONE DEL TIPO CONTRATTUALE, NEL SENSO CHE LA

QUALIFICAZIONE DEL NEGOZIO DI GARANZIA PRESCINDE DA TALI CARATTERI. QUINDI, AD

ESEMPIO NEL CASO DEL PEGNO E’ IRRILEVANTE AI FINI DELLA QUALIFICAZIONE DEL

NEGOZIO L’ESISTENZA DI 1 NESSO DI SINNALAGMATICITA TRA LA CONCESSIONE DELLA

GARANZIA REALE ED 1 DETERMINATO COMPENSO. LA CIRCOSTANZA,INFATTI CHE LA

GARANZIA SIA STATA PRESENTATA DIETRO CORRISPETTIVO NON INCIDE SULLA MINIMA

UNITA EFFETTUALE CHE QUALIFICA IL NEGOZIO DI PEGNO.

LA DISTINZIONE ONEROSITA-GRATUITA E QUELLA DELLA CORRISPETTIVITA-NON

CORRISPETTIVITA TORNERANNO UTILI INVECE X LA DISCIPLINA DA APPLICARE AI NEGOZI

DI GARANZIA, NON GIA X LA QUALIFICAZIONE DELLA FATTISPECIE.

I NEGOZI DI GARANZIA RAPPRESENTANO 1 ECCEZIONE, PERCHE IN TUTTI GLI ALTRI CASI AI

FINI DELLA SUA QUALIFICAZIONE GIURIDICA, E’ SEMPRE NECESSARIO STABILIRE SE 1

CONTRATTO SIA CORRISPETTIVO O MENO. SAPPIAMO POI CHE IN LINEA GENERALE

ONEROSITA E GRATUITA NON QUALIFICANO IL NEGOZIO(A PARTE IL COMODATO),MENTRE

RILEVANTI AI FINI DELLA QUALIFICAZIONE SONO I CARATTERI DELLA CORRISPETTIVITA E

NON CORRISPETTIVITA. 9

IL NEGOZIO MISTO

IN GENERALE X NEGOZIO MISTO INTENDIAMO QUEL NEGOZIO IN CUI APPARENTEMENTE

C’E’ UNA COMMISTIONE DI CAUSA DI VARI CONTRATTI CHE IN CASO CONCRETO CI

POSSONO APPARIRE ESSERE PRESENTI ALL’INTERNO DI 1 MEDESIMA FATTISPECIE

CONTRATTUALE. LA DOTTRINA HA CERCATO + VOLTE DI DARE 1 CONFIGURAZIONE

AUTONOMA A QUESTO CONTRATTO MISTO. MA NEL RESTO QUESTA PROSPETTIVA VIENE

ASSOLUTAMENTE CRITICATA PERCHE SI DICE CHE IL CONTRATTO MISTO NON PUO

ESISTERE COME CATEGORIA AUTONOMA. VEDIAMO PERCHE NON PUO ESISTERE.

(LA CATEGORIA AUTONOMA LA INTENDIAMO RISPETTO AI CONTRATTI TIPICI E

ATIPICI,QUINDI IL CONTRATTO MISTO SAREBBE UNA CATEGORIA INTERMEDIA FRA I 2 ).

IN REALTA PERCHE NON E’ POSSIBILE PARLARE DI 1 CATEGORIA GIURIDICA AUTONOMA?

PERCHE TUTTE LE VARIE TEORIE CHE HANNO CERCATO DI SPIEGARLA NON ARRIVANO A

DELLE SOLUZIONI SODDISFACENTI. X ESEMPIO ABBIAMO,

SE IN 1 CONTRATTO CI SI PRESENTANO

-LA TEORIA DELL’ASSORBIMENTO:

APPARENTEMENTE 2 CAUSE TIPICHE DI 1 CONTRATTO, E 1 SEMBRA ESSERE PREVALENTE

RISPETTO ALL’ALTRA, QUESTA ASSORBE L’ALTRA. L’EFFETTO SARA CHE APPLICHEREMO LA

DISCIPLINA DEL CONTRATTO ASSORBENTE, E ALLA FINE IL CONTRATTO MISTO AVRA 1

DISCIPLINA TIPICA. ECCO CHE NON C’E’ CATEGORIA AUTONOMA PERCHE ANDIAMO IN 1

CONTRATTO TIPICO. ABBIAMO POI,

X LA QUALE QUANDO NOI ABBIAMO 1 CONTRATTO ATIPICO

-LA TEORIA DELL’ANALOGIA,

(CHE NON HA 1 SUA DISCIPLINA), CI RIFACCIAMO AL TIPO CONTRATTUALE + ANALOGO,CHE

ABBIA CIOE + SIMILITUDINI DI DISCIPLINA. ANCHE QUI USIAMO DISCIPLINE DI

CONTRATTI TIPICI, QUINDI NON C’E’ 1 CATEGORIA AUTONOMA. ABBIAMO POI,

-LA : AVENDO 2 CAUSE TIPICHE CHE CONVIVONO

TEORIA DELLA COMBINAZIONE

ALL’INTERNO DELLO STESSO REGOLAMENTO, SI CERCA DI CONCILIARLE INSIEME, MA CIO

COMPORTERA CHE NON APPLICHEREMO DI PRECISO NE’ LA DISCIPLINA DI QUELLA CAUSA,

NE’ QUELLA DI QUELL’ALTRA CAUSA, MA FACENDO 1 SINTESI DELLE 2 CAUSE AVREMMO

ANCORA 1 VOLTA 1 DISCIPLINA ATIPICA, QUINDI ANCHE IN QUESTO NON ABBIAMO

AUTONOMIA X IL CONTRATTO MISTO. POI ABBIAMO,

-LA CHE E’ 1 TEORIA INTERPRETATIVA IN CUI 1 FATTISPECIE

TEORIA DELLA SUSSUNZIONE,

CONCRETA VIENE SUSSUNTA NELLA FATTISPECIE ASTRATTA. NEL CASO DI CONTRATTO

MISTO SUCCEDE CHE ABBIAMO QUESTE 2, O + CAUSE TIPICHE CHE CONVIVONO ALL’INTERNO

DELLO STESSO CONTRATTO, E CHE DOVREMMO SUSSUMERLE IN 2 DIFFERENTI TIPI

CONTRATTUALI, CIOE’ INCASELLARE LE 2 CAUSE IN 2 CONTRATTI( 1 CAUSA+1 CONTRATTO E

1 CAUSA +1 CONTRATTO). COSI FACENDO PERO VIENE MENO L’UNITARIETA DELLA CAUSA E CI

SAREBBE 1 PROBLEMA DI DISCIPLINA NOTEVOLE : QUALE SI APPLICHERA, L’UNA O L’ALTRA?

ECCO CHE QUESTA TEORIA NON VIENE ACCETTATA NEL TESTO.

IN CONCLUSIONE QUANDO NOI SIAMO DI FRONTE AD 1 CONTRATTO MISTO, SAREMO IN

PRESENZA : 1) DI UN CONTRATTO TIPICO 2)DI UN CONTRATTO ATIPICO 3) DI NEGOZI

COLLEGATI NEI QUALI CIASCUNA DI QUESTE CAUSE CHE CONVIVONO ALL’INTERNO DELLO

STESSO REGOLAMENTO MANTENGONO LA PROPRIA AUTONOMIA(NON SI FONDANO

INSIEME), E OPERA IL FENOMENO DEL COLLEGAMENTO NEGOZIALE TRA DI LORO. QUINDI +

CONTRATTI TIPICI CHE PREVEDONO APPLICATA LA DISCIPLINA DEI SINGOLI CONTRATTI,

ALL’INTERNO PERO DI 1 DISEGNO UNITARIO DI COLLEGAMENTO NEGOZIALE, OPPURE 1

CONTRATTO ATIPICO IN CUI QUESTI ELEMENTI SONO COSI LEGATI FRA LORO DA DARE

ORIGINE AD 1 REGOLAMENTO ATIPICO, E SE IL REGOLAMENTO E’ ATIPICO, ALLORA

APPLICHEREMO IL CONTRATTO ANALOGO, CIOE CI COMPORTEREMO DI CONSEGUENZA, COSI

COME SI FA X TUTTI I CONTRATTI ATIPICI. 10

QUINDI IL NEGOZIO MISTO AUTONOMO NON ESISTE ASSOLUTAMENTE, O SARA TIPICO O

ATIPICO O AVREMO IL COLLEGAMENTO NEGOZIALE FRA LE VARIE CAUSE. DATO QUESTO

PRINCIPIO COME CI PONIAMO DI FRONTE AI NEGOZI MISTI CON DONAZIONE?

INTENDIAMO QUEL CONTRATTO DOVE

X NEGOZIO MISTO CON DONAZIONE

APPARENTEMENTE SI HA 1 COMMISTIONE FRA LA CAUSA DELLA COMPRAVENDITA E LA

CAUSA DELLA DONAZIONE. ES : VENDITA FATTA X PREZZO IRRISORIO.(COME ESEMPIO DI

NEGOZIO MISTO CON DONAZIONE : VENDITA DI 1 CASA AL PREZZO DI 1 EURO). SI PONE IL

PROBLEMA DI COME QUALIFICARLO. ABBIAMO VISTO CHE IL NEGOZIO MISTO NON E’

AMMISSIBILE,CIOE NON E’ AMMISSIBILE LA COMMISTIONE FRA LE 2 CAUSE.

BISCONTINI SOSTIENE CHE SOSTANZIALMENTE IL NEGOZIO MISTO CON DONAZIONE,

QUESTA VENDITA X 1 PREZZO IRRISORIO E’ 1 CONTRATTO CORRISPETTIVO ( E CHE QUINDI

DA 1 PUNTO DI VISTA DELLA QUALIFICAZIONE RIMANE COMPRAVENDITA), MA CHE DA 1

PUNTO DI VISTA ECONOMICO E’ 1 CONTRATTO GRATUITO. ECCO CHE QUI TROVIAMO

APPLICATA L’ESEMPLIFICAZIONE DELLA DISTINZIONE FRA CORRISPETTIVITA E

ONEROSITA E TRA CORRISPETTIVITA E GRATUITA. IN QUESTO CASO INFATTI ABBIAMO 1

CONTRATTO CORRISPETTIVO MA GRATUITO. IMMOBILE CHE VALE 500MILIONI LO VENDO E

NE RICEVO 10, QUINDI DALL’ALTRA PARTE NON C’E’ LO STESSO SACRIFICIO E QUINDI NON

E’ ONEROSO MA GRATUITO, PERCHE IL SACRIFICIO-VANTAGGIO NON E’ UGUALE PER LE PARTI

MA E’ SOLO A CARICO DI 1 PARTE ( DEL VENDITORE). DAL PUNTO DI VISTA DELLA

QUALIFICAZIONE QUESTO CONTRATTO E’ 1 VENDITA CON CORRISPETTIVO, ANCHE SE

QUESTO CONTRATTO APPARE 1 DONAZIONE DAL PUNTO DI VISTA ECONOMICO.

QUINDI QUESTA SPECIALE FATTISPECIE LA FACCIAMO RICADERE NELLE DONAZIONI

CHE SONO PREVISTE DALL’ART 809 ANCHE SE IN REALTA QUESTO ARTICOLO

INDIRETTE

PARLA DI “ATTI GENERICI” E DICE : “LE LIBERALITA ANCHE SE RISULTANO DA ATTI DIVERSI

DA QUELLI DELL’ART 769 SONO SOGGETTI ALLE STESSE NORME CHE REGOLANO LA

REVOCAZIONE DELLE DONAZIONI X CAUSA D’INGRATITUDINE E X SOPPRAVENIENZA DEI

FIGLI, NONCHE QUELLE SULLA RIDUZIONE DELLE DONAZIONI ecc.”

LE DONAZIONI INDIRETTE QUINDI SONO DELLE FATTISPECIE CHE DAL PUNTO DI VISTA

FUNZIONALE MANTENGONO LA LORO AUTONOMIA, CIOE’ CIASCUNA SI QUALIFICHERA COL

SUO PROPRIO NOME, QUESTA X ESEMPIO RIMARRA UNA VENDITA, POI POTREMMO PARLARE

DI UNA REMISSIONE, O ANCHE DI 1 QUALSIASI CONTRATTO NON CORRISPETTIVO, MA

TUTTI QUESTI CASI SARANNO CMQ CONSIDERATI COME DONAZIONI INDIRETTE, QUELLO

CHE CI INTERESSA PERO E’ DA 1 PUNTO DI VISTA ECONOMICO, DAL PUNTO DI VISTA DEL

RISULTATO CHE VIENE RAGGIUNTO QUESTO E’ ANALOGO A QUELLO DELLA DONAZIONE E SI

GIUSTIFICA GETTANDO L’APPLICAZIONE DELLE NORME USATE X LA DONAZIONE(ART. 769).

L’ART.809 E’ 1 TIPICO ESEMPIO DI NORMA MATERIALE. LE NORME MATERIALI(COME LART809

O QUELLO CHE PREVEDE IL CONTRATTO IN FRODE ALLA LEGGE) SONO NORME CHE

PRESCINDONO DALLA FATTISPECIE X VEDERE INVECE IL RISULTATO ECONOMICO CHE SI

VA A RAGGIUNGERE CON QUELLA OPERAZIONE CONTRATTUALE.

X INCISO IL CONTRATTO IN FRODE ALLA LEGGE E’ 1 CONTRATTO FUNZIONALMENTE

AUTONOMO E LECITO, CHE PERO SOSTANZIALMENTE, COME RISULTATO FINALE REALIZZA 1

FINALITA ILLECITA E QUINDI VA OVVIAMENTE CONTRO LA SANZIONE DELLA NULLITA.

QUINDI IL NEGOZIO MISTO CON DONAZIONE RIENTRA NELLE DONAZIONI INDIRETTE.

PERO ATTENZIONE PERCHE LA DONAZIONE INDIRETTA NON VA CONFUSA CON IL NEGOZIO

INDIRETTO, PERCHE QUEST’ULTIMO E’ QUEL CONTRATTO LA CUI CAUSA VIENE USATA X

REALIZZARE UNO SCOPO DIVERSO DA QUELLO X IL QUALE LA CAUSA DI QUEL CONTRATTO

TRADIZIONALMENTE E’ DESTINATA, QUINDI QUI C’E’ 1 SNATURAMENTO DELLA CAUSA,

COSA CHE NON SUCCEDE NELLE DONAZIONI INDIRETTE CHE SONO QUELLE SERIE DI ATTI

CHE MANTENGONO 1 LORO AUTONOMIA A LIVELLO FUNZIONALE, QUINDI RIMANGONO X

ESEMPIO COMPRAVENDITA,REMISSIONE ecc ,MA REALIZZANO A LIVELLO ECONOMICO LO

STESSO RISULTATO O 1 ANALOGO A QUELLO DELLA DONAZIONE. 11

NEL TESTO VIENE AFFRONTATO IL PROBLEMA DI QUALIFICAZIONE DEL CONTRATTO DI

DONAZIONE. CIO PERCHE’? PERCHE L’ART.769 DICE : “ LA DONAZIONE E’ IL CONTRATTO CON

IL QUALE X SPIRITO DI LIBERALITA 1 PARTE ARRICHISCE L’ALTRA, DISPONENDO A FAVORE

DI QUESTA DI 1 SUO DIRITTO O ASSUMENDO VERSO LA STESSA 1 OBBLIGAZIONE “. SULLA

QUALIFICAZIONE DI QUESTO CONTRATTO SI E’ DETTO CHE APPARENTEMENTE DALL’ART 769

QUELLO CHE SEMBRA QUALIFICARE LA DONAZIONE E’ LO SPIRITO DI LIBERALITA

( L’ANIMUS DONANDI), E LA PRESENZA DI 1 ARRICHIMENTO A FAVORE DELL’ALTRA PARTE

SENZA 1 CORRISPETTIVO.

NEL TESTO QUESTA PROSPETTIVA VIENE CRITICATA E SI DICE CHE NE’ L’ANIMUS DONANDI,

NE’ L’ARRICHIMENTO VALGONO A QUALIFICARE IL CONTRATTO DI DONAZIONE, CHE INVECE

VEDREMO,SI QUALIFICA SOLO X LA NON CORRISPETTIVITA, CIOE SI DISPONE DI 1 DIRITTO

O SI ASSUME 1 OBBLIGAZIONE SENZA CORRISPETTIVO. DUNQUE COME VEDREMO LA NON

CORRISPETTIVITA E’ LA CAUSA DEL CONTRATTO DI DONAZIONE.

VEDIAMO IN PARTICOLARE PERCHE L’ANIMUS DONANDI NON PUO QUALIFICARE.

X ANIMUS DONANDI SI PUO INTENDERE LA LIBERA SCELTA DEL DONANTE(CIOE A CHI

NON QUALIFICA, PERCHE LA LIBERA SCELTA DEL DONATARIO E’ PRESENTE IN

DONARE).

TUTTI I CONTRATTI. LA REGOLA INFATTI, E’ CHE TUTTI I CONTRAENTI SONO LIBERI DI

SCEGLIERE LA PARTE CON LA QUALE VOGLIONO CONTRATTARE.

D’ALTRA PARTE NOI ABBIAMO LA FIGURA DELLA DONAZIONE REMUNERATORIA NELLE QUALE

MANCHEREBBE LA LIBERA SCELTA DEL DONATARIO,PERCHE IO DONO A TIZIO,NON PERCHE

SONO COSTRETTO GIURIDICAMENTE, MA X RICONOSCENZA,X GRATITUDINE, E QUINDI HO 1

PERSONA BEN DETERMINATA ALLA QUALE RIVOLGERE LA MIA DONAZIONE.

QUINDI,L’ANIMUS DONANDI COME LIBERA SCELTA DEL DONATARIO NON PUO ESSERE

ACCETTATO.

INOLTRE L’ANIMUS DONANDI POTREBBE ESSERE INTESO COME SPONTANEITA

CHE IL DONANTE FA AL DONATARIO. ANCHE LA SPONTANEITA,OSSIA

DELL’ATTRIBUZIONE

LA MANCANZA DI COAZIONE, NON SEMBRA ESSERE IDONEA A QUALIFICARE IL CONTRATTO

DI DONAZIONE : PERCHE? PERCHE LO TROVIAMO ANCHE IN ALTRE FATTISPECIE. INFATTI

QUANDO PARLIAMO DI ELEMENTI CHE QUALIFICHINO, DOBBIAMO PARLARE DI ELEMENTI

CHE SONO SOLO ALL’INTERNO DI QUEL CONTRATTO, E SE LI TROVIAMO ANCHE IN ALTRI

CONTRATTI NON QUALIFICANO, IN QUANTO NON INDIVIDUANO LA SUA MINIMA UNITA

EFFETTUALE. ECCO CHE LA SPONTANEITA LA TROVIAMO ANCHE NELLE OBBLIGAZIONI

NATURALI,OPPURE NELLA REMISSIONE, E NELLA VOLONTA DI SOCCOMBENZA IN GIUDIZIO.

PER DI PIU NELLA DONAZIONE QUESTA SPONTANEITA POTREBBE MANCARE, COSI COME

SUCCEDE NELLA DONAZIONE REMUNERATORIA, DOVE NON C’E’ COERCIZIONE, MA C’E’ 1

SPINTA QUANTOMENO MORALE A FARE 1 DONAZIONE CHE CONSEGUENTEMENTE LIMITA LA

MIA SPONTANEITA.

SI E POI PARLATO DI ANIMUS DONANDI COME LEGATO AD 1 INTERESSE NON

NEL SENSO CHE IL DONANTE DONA X SPIRITO DI

PATRIMONIALE DEL DONANTE,

LIBERALITA, COSI DA REALIZZARE 1 PROPRIO INTERESSE NON PATRIMONIALE. MA ANCHE

QUESTO NON E’ 1 ELEMENTO ADATTO, PERCHE L’INTERESSE NON PATRIMONIALE LO

RITROVIAMO ANCHE IN ALTRI CONTRATTI, COME NEL CONTRATTO A FAVORE DI 3°,CON IL

QUALE SI HA 1 DEVIAZIONE DEGLI EFFETTI ESSENZIALI DEL CONTRATTO A FAVORE DI 1

ALTRA PERSONA, E QUESTA DEVIAZIONE DEGLI EFFETTI POTREBBE ANCHE ESSERE MOSSA

DA 1 INTERESSE NON PATRIMONIALE. QUINDI VISTO CHE LO TROVIAMO ANCHE IN ALTRE

FATTISPECIE,L’ANIMUS DONANDI COSI INTESO(COME INTERESSE NON PATRIM.) NON PUO

QUALIFICARE LA DONAZIONE.

ALTRI HANNO VISTO L’ANIMUS DONANDI COME “ELEMENTO INTEGRATIVO

PERO SE COSI FOSSE SUCCEDE CHE SE L’ANIMUS DONANDI LO

DELL’OGGETTO”,

RICOLLEGHIAMO ALL’OGGETTO ALLORA SIAMO GIA FUORI DAL PROBLEMA DELLA

12

QUALIFICAZIONE ( PERCHE X QUALIFICARE ABBIAMO BISOGNO DELLA CAUSA E NON

DELL’OGGETTO DEL CONTRATTO).

ALLA FINE QUANDO PARLIAMO DI SPIRITO DI LIBERALITA, DIRE CHE ESSO O RIMANE

CONFINATO NEI MOTIVI X CUI IN QUANTO TALI GIURIDICAMENTE IRRILEVANTI, O SE LO

INTENDIAMO NELLE VARIE ACCEZIONI( DELLA SCELTA DEL DONATARIO,DELLA MANCANZA

DI COAZIONE), NON QUALIFICA LA DONAZIONE, PERCHE :

1) E’ PRESENTE ANCHE IN ALTRE FATTISPECIE DIVERSE DALLA DONAZIONE.

2) ANCHE NELLA DONAZIONE REMUNERATORIA( CHE E’ 1 TIPO DI DONAZIONE A TUTTI

GLI EFFETTI) POTREBBE MANCARE.

L’ANIMUS DONANDI QUINDI NON QUALIFICA LA DONAZIONE.

POI C’E’ 1 ALTRO ELEMENTO, L’ARRICCHIMENTO CHE PUO ESSERE INTESO SIA IN SENSO

E CON QUEST’ULTIMO SI INTENDE

ECONOMICO CHE IN SENSO GIURIDICO,

L’ATTRIBUZIONE DI 1 DIRITTO AD 1 ALTRO SOGGETTO. MA L’ARRICCHIMENTO INTESO IN

SENSO GIURIDICO PUO QUALIFICARE IL CONTRATTO DI DONAZIONE? NO, PERCHE LO

TROVIAMO ANCHE NEGLI ALTRI CONTRATTI GRATUITI DOVE ANCHE QUI C’E’ 1

ATTRIBUZIONE DI DIRITTO SENZA AVERE NULLA IN CAMBIO ( COSI SUCCEDE NEL

DEPOSITO GRATUITO,MANDATO GRATUITO,E COMODATO). CON L’ARRICCHIMENTO IN

SENSO ECONOMICO SI INTENDE NON SOLO L’ATTRIBUZIONE DI 1 DIRITTO, MA ANCHE

L’ATTRIBUZIONE DI 1 VALORE ECONOMICO SENZA CORRISPETTIVO. PERO ANCHE IN QUESTO

CASO IL FENOMENO DI ARRICCHIMENTO DI 1 PARTE E D’IMPOVERIMENTO DELL’ALTRA, LO

TROVIAMO ANCHE NEGLI ALTRI CONTRATTI GRATUITI E INOLTRE POTREBBE VENIRE A

MANCARE ANCHE NELLA STESSA DONAZIONE, ANZI MEGLIO NELLA DONAZIONE cd MODALE,

PERCHE QUI SE IL MODUS HA 1 PESO ECONOMICO DI 1 CERTO TIPO, ALMENO COMPARABILE

CON L’ATTRIBUZIONE DEL DONANTE, NON AVREMMO 1 FENOMENO DI ARRICCHIMENTO-

IMPOVERIMENTO, PERCHE ENTRAMBI SI ARRICCHIRANNO E ENTRAMBI SI IMPOVERIRANNO.

IN QUESTO CASO L’ARRICCHIMENTO MANCA FIN DALL’ORIGINE, MA C’E’ ANCHE IL CASO IN

CUI VENGA A MANCARE SUCCESSIVAMENTE ALLA STIPULA DEL CONTRATTO DI DONAZIONE,

SE SI FA 1 AZIONE DI RIDUZIONE IN CASO DI LESIONE DELLA LEGITTIMA.

L’ARRICCHIMENTO NON QUALIFICA LA DONAZIONE.

L’ARRICCHIMENTO

L’ART.769 FA RIFERIMENTO ALL’ARRICCHIMENTO CHE SECONDO ALCUNI SAREBBE LA

CARATTERISTICA ESSENZIALE DEL CONTRATTO DI DONAZIONE. ANCHE QUESTA

CARATTERISTICA NON E’ PROPRIA DEL SOLO CONTRATTO DI DONAZIONE, IN QUANTO SI

RISCONTRA IN ALTRI NEGOZI, E VICEVERSA PUO MANCARE O VENIR MENO NELLA

DONAZIONE. TALE ARRICCHIMENTO PUO DEL TUTTO MANCARE NELLA DONAZIONE, COME

NEL CASO DI DONAZIONE MODALE IN CUI IL DONATARIO SIA TENUTO AD EDEMPIERE IL

MODUS, E CIO COMPORTI X LUI UN SACRIFICIO ECONOMICO DI PARI ENTITA RISPETTO A

QUELLO RICEVUTO CON LA DONAZIONE. OPPURE TALE ARRICCHIMENTO PUO VENIR MENO IN

SEGUITO, SI PENSI ALL’ESERCIZIO DELL’AZIONE DI RIDUZIONE DELLA DONAZIONE X

INTEGRARE LE QUOTE DI LEGITTIMA, DEGLI EREDI, O ALL’ADEMPIMENTO

DELL’OBBLIGAZIONE ALIMENTARE CUI E’ TENUTO IL DONATARIO.

NEMMENO PUO DIRSI CHE ALL’ARRICCHIMENTO DEBBA CORRISPONDERSI 1

IMPOVERIMENTO,PERCHE CIO E’ PRESENTE ANCHE IN ALTRI CONTRATTI. COSI AD ES. NEL

MUTUO GRATUITO, OVE C’E’ 1 ARRICCHIMENTO DEL MUTUATARIO CHE DISPONE

GRATUITAMENTE DI 1 SOMMA DI DENARO X 1 CERTO TEMPO, E 1 IMPOVERIMENTO DEL

MUTUANTE, CHE SI PRIVA X LO STESSO TEMPO DELLA SOMMA SENZA AVERE NULLA IN

CAMBIO. LO STESSO DICASI X IL COMODATO CHE E’ SEMPRE GRATUITO, X IL DEPOSITO

GRATUITO,SPECIE QUANDO IL DEPOSITARIO INCONTRI DELLE SPESE. 13

LA MINIMA UNITA EFFETTUALE DELLA DONAZIONE.

ESCLUSO CHE SPIRITO DI LIBERALITA E ARRICCHIMENTO CON CONSEGUENTE

IMPOVERIMENTO RAPPRESENTINO LA MINIMA UNITA EFFETTUALE, ESSA, VA

CORRETTAMENTE INDIVIDUATA NELLA PRODUZIONE DI 1 EFFETTO REALE O OBBLIGATORIO

SENZA 1 CORRISPETTIVO.

LA NORMA DEL c.c DEFINISCE INFATTI LA DONAZIONE COME “IL CONTRATTO COL QUALE, X

SPIRITO DI LIBERALITA 1 PARTE ARRICCHISCE L’ALTRA DISPONENDO A FAVORE DI QUESTA

DI 1 SUO DIRITTO O ASSUMENDO VERSO LA STESSA 1 OBBLIGAZIONE “.(ART769).

PERTANTO OLTRE A PRODURRE EFFETTI REALI ESSA PUO PRODURRE ANCHE EFFETTI

OBBLIGATORI. CON LA DONAZIONE AD EFFETTI OBBLIGATORI IL DONANTE SI OBBLIGA

SENZA CORRISPETTIVO AD 1 DETERMINATA PRESTAZIONE, CHE PUO CONSISTERE OLTRE CHE

IN 1 DARE, IN 1 FARE O IN 1 NON FARE VERSO IL DONATARIO. IL FATTO CHE LA DONAZIONE

POSSA AVERE X OGGETTO 1 CONTENUTO COSI AMPIO NON COMPORTA PERO 1 INTERFERENZA

CON ALTRI TIPI CONTRATTUALI GRATUITI, PERCHE VISTA LA PARTICOLARITA DELLA LORO

FUNZIONE NON E’ POSSIBILE RINVENIRE CONTEMPORANEAMENTE IN 1 DETERMINATO

CONTRATTO, 1 MINIMA UNITA EFFETTUALE PROPRIA DI 2 TIPI DIFFERENTI.

DONAZIONE E CONTRATTI GRATUITI PUR APPARTENENDO ALLA CATEGORIA DEI CONTRATTI

NON CORRISPETTIVI HANNO 1 LORO SPECIFICA FUNZIONE. PERTANTO L’INTERPRETE IN

PRESENZA DI 1 CONTRATTO NON SINNALAGMATICO, INDIVIDUATANE LA MINIMA UNITA

EFFETTUALE, DOVRA RICONDURLO AL TIPO LEGALE AD ESSO CORRISPONDENTE, SICCHE AD

ESEMPIO, SE GLI EFFETTI SONO QUELLI DEL COMODATO IL CONTRATTO DOVRA ESSERE

QUALIFICATO COMODATO E NON DONAZIONE. LA DONAZIONE VA DISTINTA INOLTRE DA

QUELLE FATTISPECIE CHE PUR REALIZZANDO 1 ARRICCHIMENTO PER L’ALTRA PARTE, HANNO

DIVERSE MINIME UNITA EFFETTUALI, QUALI LA RINUNZIA E LA REMISSIONE. LA RINUNZIA

PRODUCE 1 EFFETTO DISMISSIVO. LA REMISSIONE 1 EFFETTO ESTINTIVO. LA DONAZIONE

INVECE, E’ CARATTERIZZATA DALLA PRESTAZIONE DEL DONANTE E CONSISTE O IN 1

TRASFERIMENTO DI 1 DIRITTO O NELLE COSTITUZIONE DI 1 RAPPORTO SENZA

CORRISPETTIVO. NELLA RINUNZIA L’EFFETTO DISMISSIVO NON E’ INDIRIZZATO, E LA

RIPROVA E’ DATA DAL FATTO CHE LA RINUNZIA A FAVORE NON E’ VERA RINUNZIA.

COSI ANCORA X LA REMISSIONE IN CUI LA SCELTA DEL SOGGETTO CUI INDIRIZZARE GLI

EFFETTI E’ DEL TUTTO INESISTENTE. E’ ANCHE VERO CHE TRAMITE LA REMISSIONE SI

AVVANTAGGIA 1 DETERMINATO SOGGETTO, MA TALE RISULTATO POTENDO ESSERE

CONSEGUITO ANCHE CON ALTRI MEZZI GIURIDICI, NON E’ ESSENZIALE ALLA

QUALIFICAZIONE DELLA FATTISPECIE. IN TALI IPOTESI PERTANTO NON PUO DISCORRERSI

DI DONAZIONE MA TUTT’AL PIU DI DONAZIONI INDIRETTE.

CAP.III PROFILI APPLICATIVI

L’AVER ESCLUSO LA CONFIGURABILITA DELL’AUTONOMIA DEL NEGOZIO MISTO E IN

PARTCOLARE DEL NEGOZIO MISTO CON DONAZIONE, PONE IN OGNI CASO IL PROBLEMA

DELLA DISCIPLINA DA APPLICARE. IN TALE PROSPETTIVA L’UTILIZZAZIONE DELLA

CATEGORIA DEI CONTRATTI ATIPICI NONCHE LA PRESA D’ATTO DELL’ESISTENZA DI 1

COLLEGAMENTO NEGOZIALE , CONSENTONO DI RICERCARE SOLUZIONI SUFFICIENTEMENTE

CERTE SULLA RELATIVA DISCIPLINA DA APPLICARE.

IL NEGOZIO MISTO CON DONAZIONE PRESENTA DELLE CARATTERISTICHE TALI DA

LEGITTIMARE L’APPLICAZIONE SIA DI NORME CHE ATTENGONO AL TIPO CONTRATTUALE

UTILIZZATO, SIA DI NORME CHE SI GIUSTIFICANO X LA SOSTANZIALE GRATUITA

DELL’ATTO. IN PRESENZA DI TALI FATTISPECIE OCCORRERA AI FINI DELLA DETRMINAZIONE

14

DELLA DISCIPLINA TENERE DISTINTI IL PROFILO FORMALE DELLA QUALIFICAZIONE DELLA

FATTISPECIE, DA QUELLO SOSTANZIALE DELLA VALUTAZIONE ECONOMICA DEGLI EFFETTI.

LA DISTINTA VALUTAZIONE DEL FATTO RISPETTO AL RAPPORTO NON IMPEDISCE CHE L’UNA

INCIDE SULL’ALTRA. ESAURITO IL PROCEDIMENTO DI QUALIFICAZIONE SARA NECESSARIO

VALUTARE LA SUA LICEITA EX ART 1344. E’ NECESSARIO INFATTI CHE TALI REGOLAMENTI

NON SI PONGANO IN CONTRASTO CON NORME IMPERATIVE, L’ORDINE PUBBLICO E IL BUON

COSTUME. E’ INFATTI POSSIBILE CHE 1 TALE OPERAZIONE NASCONDA 1 FRODE ALLA LEGGE

CHE PERO E’ SANZIONATA CON LA NULLITA. AL GIUDIZIO DI LICEITA SI ACCOMPAGNA

ANCHE LA MERITEVOLEZZA DI TUTELA DEL REGOLAMENTO DI INTERESSI CON RIFERIMENTO

AI VALORI FONDAMENTALI.

LA DISCIPLINA APPLICABILE PUO ESSERE DESUNTA DAL COLLEGAMENTO FUNZIONALE DI +

ATTI. CIO AVVIENE ANCHE IN QUEI CONTRATTI IN CUI AD 1 PRESTAZIONE TIPICA

REGOLATA DALLA LEGGE, CORRISPONDE 1 ALTRA PRESTAZIONE CHE CARATTERIZZA 1

DIFFERENTE RAPPORTO. SI PENSI AD 1 LOCAZIONE IL CUI CORRISPETTIVO CONSISTE NON

GIA IN 1 SOMMA DI DENARO BENSI IN 1 PRESTAZIONE DI FARE ( ESECUZIONE DI ALCUNE

OPERE). IN TAL CASO NON SI AVRA 1 UNICA FATTISPECIE CON CAUSA MISTA(LOCAZIONE E

CONTRATTO D’OPERA), MA 2 AUTONOME FATTISPECIE DALLE QUALI HANNO ORIGINE 2

RAPPORTI FUNZIONALMENTE COLLEGATI, CON CONSEGUENTE APPLICAZIONE DI ENTRAMBI

LE NORMATIVE. LE IPOTESI DI CONFLITTO TRA LE 2 NORMATIVE(LOCAZIONE E CONTRATTO

D’OPERA) SARANNO COSI RISOLTE : LA FORMA CONTRATTUALE SARA QUELLA DEL

CONTRATTO CHE SI INTENDE CONCLUDERE. SE SI TRATTA DI LOCAZIONE ULTRANOVENNALE

PERTANTO , SARA NECESSARIA LA FORMA SCRITTA. DAL PUNTO DI VISTA SOSTANZIALE

INVECE OCCORRE VALUTARE L’ASSETTO DI INTERESSI NEL SUO INSIEME. NEL CASO IN CUI

INVECE IL RICORSO AL CONTRATTO D’OPERA SIA ISPIRATO NEL TENTATIVO DI ELUDERE

L’APPLICAZIONE DI NORME INDEROGABILI, IL CONTRATTO E’ NULLO PERCHE IN FRODE ALLA

LEGGE.

NORME APPLICABILI AL “NEGOTIUM MIXTUM CON DONAZIONE “

ANCHE NEL IPOTESI DEL NEGOZIO MISTO CON DONAZIONE OCCORRE DISTINGUERE IL

PIANO FORMALE DA QUELLO SOSTANZIALE X CUI LA FORMA SARA QUELLA DI VOLTA IN

VOLTA RICHIESTA X IL CONTRATTO CHE SI INTENDE CONCLUDERE. CON RIGUARDO ALLA

DISCIPLINA DA APPLICARE AL RAPPORTO, OCCORRE DISTINGUERE LE IPOTESI IN CUI RILEVA

LA CORRISPETTIVITA DELLE PRESTAZIONI DA QUELLA IN CUI LA DISCIPLINA E’ DETTATA IN

FUNZIONE DELLA GRATUITA O DELL’ONEROSITA.

IN PRESENZA DI 1 CONTRATTO A PRESTAZIONI CORRISPETTIVE GRATUITO CHE PUO DAR

LUOGO ALLA FIGURA DELLA DONAZIONE INDIRETTA, SI APPLICHERA LA DISCIPLINA

DELL’ART 809. TALE NORMA NON DISCIPLINA 1 CATEGORIA UNITARIA, ESSA FA INVECE

RIFERIMENTO A REGOLAMENTI DI INTERESSI ETEROGENEI ANCHE X IL TITOLO NEL QUALE

TROVANO GIUSTIFICAZIONE. IL NEGOZIO MISTO CON DONAZIONE NON PUO ESSERE

ASCRITTO ALLA CATEGORIA DEL NEGOZIO INDIRETTO, PERCHE QUESTA NOZIONE INDICA

IL NEGOZIO UTILIZZATO X PERSEGUIRE 1 SCOPO GIURIDICO DIVERSO DA QUELLO X IL

QUALE DOVREBBE ESSERE PREORDINATO. QUI, INVECE, LA MINIMA UNITA EFFETTUALE E’ E

RESTA QUELLA PERSEGUITA DALLE PARTI. PERTANTO LA DONAZIONE MISTA PUR ESSENDO

RICONDUCIBILE ALLE POSSIBILI IPOTESI DI DONAZIONE INDIRETTA, NON REALIZZA 1

NEGOZIO INDIRETTO.

DA CIO NE CONSEGUE L’APPLICAZIONE ALLA DONAZIONE MISTA DELLA DISCIPLINA

DELL’ART 809 IL QUALE PREVEDE L’APPLICAZIONE DI ALCUNI ISTITUTI PREVISTI X LA

DONAZIONE ANCHE ALLE LIBERALITA CHE RISULTINO DA ATTI DIVERSI DALLE DONAZIONI

(REVOCAZIONE X INGRATITUDINE,SOPPRAVENIENZA DI FIGLI,RIDUZIONE DELLA

15


PAGINE

20

PESO

139.17 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di Diritto civile per l'esame del professor Biscontini sulla qualificazione dei contratti. Gli argomenti trattati sono i seguenti: i contratti a prestazioni corrispettive e i contratti ad effetti reali, la bilateralità, l'onerosità, l'interesse del creditore, l'equivalenza soggettiva delle prestazioni, la corrispettività.


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Università: Camerino - Unicam
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Diritto civile e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Camerino - Unicam o del prof Biscontini Guido.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Diritto civile

Diritto Civile - Appunti
Appunto
Diritto civile - Appunti tematiche varie
Appunto
Diritto civile - la bilateralità
Appunto
Tesi diritto del lavoro
Tesi