Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

PROF. ENRICA CULASSO GASTALDI

STORIA GRECA B – M o d u l o I

00. Le periodizzazioni della storia greca__________________________________________

Civilità Minoica 2000-1450 a.C.

Civilità Micenea inizi 1600 a.C.; apogeo 1450-1200 a.C.; declino 1050 a.C.

Alto Arcaismo (età buia) XI sec. a.C. - prima metà VIII sec. a.C.

Età Arcaica: seconda metà VIII sec. - 490 a.C.

Età Classica 490-323 a.C.

Età Ellenistica: 323-31 a.C. I. La civiltà Minoica

La civiltà minoica ebbe il suo centro nell’isola di Creta (Cnosso, Festo), ma la sua influenza si espanse sulle isole

circostanti (Thera, Melos) e sul continente.

Il periodo minoico viene suddiviso in grandi fasi:

 Fase dei primi palazzi (2000-1600 a.C.): si osserva la formazione di una civiltà già di tipo urbano, incentrata

attorno al palazzo, fulcro del potere politico e dell’organizzazione economica. Intensi e diffusi erano gli scambi

commerciali con l’Egitto e il Vicino Oriente.

 Fase dei secondi palazzi (1600-1450 a.C.): a un periodo di profonda crisi (distruzione di Thera in seguito a

maremoti, incursioni di popoli esterni), seguì la fase dei “secondi palazzi”, che vide un ulteriore sviluppo e

specializzazione dell’architettura palaziale in connessione con l’intensificarsi delle attività economiche,

commerciali, oltre che burocratiche (moltiplicazione degli ambienti abitativi per la nobiltà cretese). Assenza di

fortificazioni.

La civiltà minoica produsse un’arte di grande raffinatezza (si vedano le pitture murali, la ceramica, l’oreficeria): i temi

mostrano uno stretto rapporto con la natura e denotano una società prospera e ben organizzata.

La burocrazia dei palazzi minoici fece uso di due tipi di scrittura sillabica: la geroglifica e la Lineare A (a tutt’oggi non

decifrata); dalla seconda derivò la Lineare B, impiegata dai Micenei.

I Minoici estesero sull’Egeo una “talassocrazia”, ossia una supremazia dei mari, con il controllo delle rotte

commerciali.

L’epoca si chiuse con il crollo dei palazzi (primi decenni del XIV secolo). Alla metà del XV secolo la civiltà micenea

subentrò nel controllo dell’isola. 2. La civiltà Micenea

La civiltà micenea si sviluppò sul continente greco (in particolare con irradiazione dal Peloponneso) a partire dal 1600

a.C., durante il periodo dominato dalla talassocrazia minoica. L’apogeo della civilità micenea si situa tra il 1450 a.C.,

quando i Micenei subentrarono ai Minoici nel controllo di Creta, e il 1200 a.C., periodo dopo il quale si aprì una lunga

fase di crisi e instabilità (periodo sub-miceneo), sino al definitivo crollo dei regni micenei (1050 a.C.).

Le fonti per lo studio della civiltà micenea sono di varia natura:

 archeologica: in particolare la documentazione proviene dalle rocche micenee di Micene e Tirinto (Argolide),

Pilo (Messenia), Gla e Tebe (Beozia) ecc.;

 letteraria: nella complessa stratificazione letteraria che caratterizza i poemi omerici, e in particolare l’Iliade,

sopravvive una descrizione di oggetti e di tradizioni micenee;

 epigrafica: i palazzi di Cnosso, Pilo e Tebe ci hanno restituito un grande numero di tavolette in Lineare B

(scrittura costituita da segni sillabici o sillabogrammi e da segni ideografici o ideogrammi), derivata dalla

Lineare A cretese. La Lineare B venne decifrata da Michael Ventris e John Chadwick nel 1952 e costituisce

una documentazione di tipo burocratico connessa con l’amministrazione palaziale (nelle tavolette sono

enumerati oggetti, prodotti agricoli, merci, ma anche artigiani, funzionari ecc.).

L’organizzazione politica del mondo miceneo era basata sulla suddivisione in regni indipendenti e in rapporto di

equilibrio reciproco, i cui sovrani potevano riunirsi sotto la guida di un primus inter pares per l’organizzazione di

comuni imprese militari (vd. i re achei e Agamennone per la spedizione contro Troia).

La società aveva un carattere fortemente piramidale, che prevedeva:

a livello centrale

 wanax: era il sovrano supremo della regione e del palazzo, con funzioni civili e religiose;

 lawagetas: il suo ruolo non è del tutto chiaro; doveva tuttavia trattarsi di un alto funzionario o ufficiale

militare, che affiancava il re; fu forse il condottiero del popolo in armi, contrapposto al damos territoriale;


PAGINE

2

PESO

251.16 KB

AUTORE

flaviael

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

Appunti di storia greca utili per il ripasso dell’esame della Professoressa Culasso. Il documento contiene uno schema sulle periodizzazioni della storia greca ed una sintesi sulle principali caratteristiche della civiltà Minoica (fase dei primi palazzi, fase dei secondi palazzi, due tipi di scrittura, la talassocrazia) e della civiltà Micenea (organizzazione politica, espansione, struttura sociale).


DETTAGLI
Esame: Storia greca
Corso di laurea: Corso di laurea in lettere
SSD:
Università: Torino - Unito
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher flaviael di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Storia greca e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Torino - Unito o del prof Culasso Enrica.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Storia greca

Riassunto esame Storia greca, prof. Culasso, libro consigliato Manuale di Storia greca, di C. Bearzot
Appunto
Guerra del Peloponneso
Appunto
Rivolta ionica e guerre persiane
Appunto
Alessandro Magno
Appunto