Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Nel caso specifico di originator di matrice finanziaria le operazioni di cartolarizzazione:

Favoriscono un’elevata flessibilità nell’asset liability management, consentendo una

gestione attiva delle diverse tipologie di rischio;

Forniscono una risposta alle esigenze di crescita e di diversificazione in presenza di

problemi di finanziamento;

Consentono di ridurre i costi derivanti dal rispetto degli obblighi di vigilanza;

Permettono una gestione dinamica del rischio di credito.

Tramite la cartolarizzazione si liberano risorse da destinare alla ricomposizione della struttura

patrimoniale, sia rimborsando passività sia finanziando attività.

Nell’ambito di una strategia di crescita, la cartolarizzazione può contribuire ad aumentare le

potenzialità commerciali del cedente perché l’operazione consente di mantenere intatta la relazione

con la clientela ceduta nel caso in cui l’originator svolga anche la funzione di servicing, sia perché

rende possibile l’espansione dei volumi di attività senza aumentarne l’indebitamento.

Ai fini delle problematiche di vigilanza, se la cessione avviene a titolo definitivo, l’operazione ha

un impatto positivo sui coefficienti patrimoniali qualora le risorse liberate siano utilizzate per

ridurre l’indebitamento o per finanziare investimenti meno rischiosi delle attività cedute.

La cartolarizzazione genera vantaggi sia per il sistema finanziario nel suo complesso, sia per il

pubblico degli investitori.

I costi

L’organizzazione di un’operazione di cartolarizzazione può rivelarsi onerosa e complessa.

Il successo dell’operazione dipende dalla capacità di dotarsi di un efficiente sistema informativo in

grado di operare durante tutto il processo di securitisation, dalla fase di selezione degli impieghi a

quella di gestione del portafoglio cartolarizzate, al fine di generare flussi di cassa sufficienti a

prestare il servizio del debito.

Le attività sottostanti

Sono frequenti le operazioni costruite intorno alla cessione di portafogli di:

Mutui;

Crediti al consumo;

Crediti originati da contratti di leasing;

Crediti commerciali;

Crediti fiscali, previdenziali, governativi;

Contratti di affitto di immobili;

Diritti relativi allo sfruttamento di attività immateriali;

Crediti futuri verso i consumatori finali.

L’aspetto più critico risiede in primo luogo nell’individuazione di un insieme di attività che

presentino un carattere di omogeneità in termini di durata, di piani rimborso e di condizioni di tasso;

occorre inoltre valutare la qualità degli impieghi ceduti, intesa come attitudine dei medesimi a

generare flussi alle scadenze e nell’ammontare previsti.

La scelta delle attività da cartolarizzate dovrebbe ricadere tra operazioni omogenee e standardizzate

dal punto di vasta giuridico e finanziario, in modo da generare flussi di cassa regolari e

predeterminabili; diversificate dal punto di vista economico-tecnico in modo da determinare un

grado di rischio stabile e quantificabile. 2


ACQUISTATO

2 volte

PAGINE

3

PESO

19.93 KB

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in economia (MILANO)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher valeria0186 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Finanza aziendale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Rigamonti Silvia.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Finanza aziendale

Crediti di firma
Appunto
Servizi agli emittenti
Appunto
Finanziamento in valori mobiliari
Appunto
Titoli azionari
Appunto