Che materia stai cercando?

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

TITOLO: LA FOGLIA

Testo di riferimento: Raven cap. 26

La foglia è l’organo dedicato alla fotosintesi

La sua forma, struttura e dimensione sono

quindi strettamente connesse a questa funzione

Al fine di adattarsi ai diversi ambienti e con

l’obiettivo di catturare la luce, scambiare gas

ma al tempo stesso non perdere troppa acqua

le diverse specie di piante hanno sviluppato

foglie molto differenti.

Dalla grande variabilità cerchiamo di trarre alcuni modelli principali:

Fogli di EUDICOTILEDONI E MAGNOLIIDI:

sono costituite da una parte espansa detta

LEMBO o LAMINA, e da una parte peduncolata

detta PICCIOLO.

Queste foglie possono essere semplici (il lembo

fogliare non è suddiviso in parti distinte) oppure

composte ovvero il lembo fogliare è diviso in tante

foglioline ognuna con un picciolo.

Per distinguere foglie dalle foglioline bisogna guardare

le gemme che sono presenti solo nelle vere foglie.

Fogli di MONOCOTILEDONI: sono costituite da una

LAMINA con diversi gradi di espansione che a volte avvolge

il fusto. Il picciolo è assente.

Le Monocotiledoni hanno prevalentemente un portamento

verticale o obliquo della lamina fogliare, pertanto le 2 facce

fogliari risulteranno esposte allo stesso tipo di illuminazione.

FOGLIE DI GIMNOSPERME: Le Gimnosperme hanno foglie a forma di stretti e

allungati cilindri aghiformi (es. foglie di pino). Hanno stomi distribuiti su tutta la

superficie.

Spesso hanno cospicui strati epidermici e sono ampiamente cutinizzate.

Fillotassi: è la disposizione delle foglie sul fusto

Le foglie si originano ai nodi e possono avere disposizione differenti:

ELICOIDALE o ALTERNE: una sola foglia ad ogni nodo.

Foglie inserite in punti diversi ai diversi nodi secondo una

spirale. OPPOSTE o DISTICHE: Foglie inserite a coppie sul

ramo, alla stessa altezza, l'una di fronte all'altra.

DECUSSATE: Disposizione simile alle distiche ma con una

rotazione di 90° tra le foglie di un nodo ed il successivo.

VERTICILLATE: Foglie inserite allo stesso nodo in numero

superiore a tre.

CONNESSIONE FOGLIA - FUSTO

I fasci conduttori iniziano a svilupparsi dal procambio

l’apice

in prossimità delle bozze fogliari, subito sotto

meristematico.

Ad ogni nodo, uno o più fasci del fusto divergono dal

cilindro centrale ed entrano nelle foglie.

I prolungamenti dei fasci del fusto che vanno verso la

foglia sono detti tracce fogliari.

Le regioni parenchimatiche associate ai fasci e poste

subito sopra le tracce fogliari sono dette lacune delle

tracce fogliari.

Sopra tutto questo vi possono essere i rami che si

all’ascella

originano dalle gemme poste della foglia.

STRUTTURA DELLA FOGLIA Tegumentale

La foglia è composta da 3 sistemi di tessuti: Fondamentale

Vascolare

L’epidermide (3; 8) è costituta da cellule a stretto

Nell’epidermide

contatto ricoperte di cuticola (1). sono

presenti gli stomi (4) che possono essere su entrambe le

superfici della foglia o solamente su una delle due

(solitamente su quella inferiore). Gli stomi regolano la loro apertura in

L’apertura

base alle loro esigenza. da

un lato rifornisce le cellule di ossigeno

dall’altro produce perdita di acqua. In

caso di eccessiva perdita di acqua si ha

la morte per disidratazione.

Solitamente gli stomi sono sulla faccia

inferiore della foglia.

A volte possono essere infossati in

invaginazioni dette cripte sul lato inferiore

della foglia. l’epidermide

Le cripte (o tutta della foglie)

possono essere ricoperte di peli (tricomi)

dall’evaporazione

che proteggono la foglia

eccessiva ma anche dalla luce.

In Eudicotiledoni e Magnoliidi (a) la disposizione degli stomi non è ordinata mentre nelle

all’asse

Monocotiledoni gli stomi sono disposte in file parallele maggiore della foglia (b).


PAGINE

28

PESO

2.65 MB

AUTORE

giu92d

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze biologiche
SSD:
A.A.: 2013-2014

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher giu92d di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Biologia vegetale e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Milano Bicocca - Unimib o del prof Labra Massimo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Biologia vegetale

Biologia vegetale - la cellula vegetale
Appunto
Biologia vegetale - alghe e cicli riproduttivi
Appunto
Biologia vegetale - parete cellulare
Appunto
Biologia vegetale - angiosperme
Appunto