Che materia stai cercando?

Azione smarrimento ed estasi nel cinema

Appunti di teorie e tecniche del cinema basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Lando dell’università degli Studi Suor Orsola Benincasa - Unisob, della facoltà di Scienze della formazione. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Teorie e tecniche del cinema docente Prof. A. Lando

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

R.Rossellini(1906-1977) ed è innanzitutto legata al contesto socio-economico

dell’Italia del dopoguerra.

Il cinema neorealista destruttura lo schema precedente di Deleuze e inaugura la

forma dell’erranza(Ladri di biciclette-1948).Subentra,cioè ,una nuova situazione in

cui lo stimolo è troppo forte per generare un’azione in grado di modificarla

positivamente Vedere>agire scissione del legame uomo-mondo

Ci troviamo difronte all’Intollerabile che non è solo qualcosa di troppo ingiusto ma

anche,in altri casi,di troppo bello(Stromboli terra di Dio-1949).

Troviamo,anche,una destrutturazione:

 Dello spazio:ora dispersivo e indeterminato.

 Del movimento e del montaggio:a differenza del cinema classico il

montaggio si basa sul piano sequenza,cioè su lunghe inquadrature che

filmano ampie porzioni di movimento e su una narrazione non

lineare,apparentemente disordinata.

 Del tempo:il tempo si concentra sulla memoria dei personaggi in cui

confluiscono passato,presente,futuro e sogno(Bergson).Inoltre il

movimento è subordinato al tempo immagine tempo

diretta(Deleuze).

Sono presenti stati d’animo diffusi anche in ambito letterario:

 Romanticismo:i romantici di fine 700 già avevano mostrato che l’uomo è

in balia del reale(a differenza degli eroi classici che domavano la

realtà).Tra i manifesti letterari di questa nuova tendenza rientra il Tonio

Kroger(1903) di T.Mann(1875-1955).

 Esistenzialismo:gli esistenzialisti del ventesimo secolo si distanziavano

dal mondo circostante e si ripiegavano unicamente nella loro interiorità

come luogo dei loro valori

Tuttavia A.Maslow(1908-1970) sospetta che gli esistenzialisti ,non

menzionando mai le cosiddette peak experiences,esperienze di gioia ed

estasi,siano persono che non hanno mai provato tali sensazioni.

P.P.Pasolini(1922-1975) criticò la deformazione del mondo attraverso il

montaggio cinematografico e si dichiarò alla ricerca di un cinema di poesia

lirica(1967).Un cinema che mostri i sentimenti che emergono dalla semplice

vita quotidiana come una serata romana passata piacevolmente tra i

suonatori di mandolino,di Moravia e del suo piatto di Cicoria

ricongiungimento con il mondo.

CINEMA POSTMODERNO

Innanzitutto il termine postmoderno è un po’ambiguo in quanto fa riferimento

anche al ritorno a generi del cinema classico(neoclassicismo di Spielberg e Lucas)e

ad un intrattenimento che si serve di moderne tecnologie.

In particolare verso la metà degli anni 80 è emblematico di questo terzo stadio un

film di W.Wenders:Il cielo sopra Berlino(1986).

Il protagonista è un angelo di nome Damiel che,in quanto tale,è destinato da Dio a

rimanere uno spettatore del mondo terreno:non è,quindi in grado di mutare la

propria situazione.Tuttavia Damiel,dopo essersi innamorato di una donna in carne

ed ossa,si immerge nel mondo terreno,visto come un mondo a colori,finalmente.E’

stato in grado,quindi,di trasformare un sentimento in azione senza farsi sopraffare

dalla passione,come avveniva nel cinema del secondo stadio percettivo.L’uomo si

riappropria del mondo,però,a seguito dell’attraversamento di una sofferenza come

possiamo notare bene in un libro di P.Handke,coautore del film,L’ora del vero

sentire(1992)in cui l’approdo ad una nuova vita è preceduto da una sorta di morte

interiore.Ricorderei anche l’Attimo fuggente del 1989.

Vengono proposti,quindi,sentimenti riproducibili nella vita quotidiana di tutti,a

differenza del cinema moderno che si limitava a denunciare la distanza uomo-

mondo.

Il tema dell’innamoramento è presente anche in Lezioni di Piano(1993) di

J.Campion.

La protagonista è Ada,una donna muta che fin da piccola comunicava unicamente

tramite il suo pianoforte.Inoltre,dopo che il padre l’ha data in sposa ad un colono


PAGINE

5

PESO

404.99 KB

AUTORE

Simocis

PUBBLICATO

8 mesi fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea in scienze della comunicazione
SSD:
A.A.: 2018-2019

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher Simocis di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Teorie e tecniche del cinema e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Suor Orsola Benincasa - Unisob o del prof Lando Arturo.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea in scienze della comunicazione

Lingua spagnola - prova di traduzione
Esercitazione