Che materia stai cercando?

Appunti:3 - Occupazione e disoccupazione. Esame di Economia Politica, M. Grillo Appunti scolastici Premium

File 3di10 - Il file contiene una più che esaustiva raccolta di TUTTE LE DEFINIZIONI ALLE PAROLE CHIAVE fornite dal Prof. Michele Grillo durante tutta la durata del corso e raccomandate per la preparazione all'esame. Secondo il professore stesso, infatti, ''questo file rappresenta il più importante strumento di studio per la vostra preparazione all’esame di Economia Politica. Attraverso... Vedi di più

Esame di Economia politica docente Prof. M. Grillo

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

nazione  si  impoverirà  facendo  m eno  figli  e  facendone  m orire  di  più.  

La  ricchezza  porterà  a  distruggere  la  ricchezza

2. Prima  m età  del  19sec  -­‐ Legge  bronzea  dei  salari

I  salari  saranno  costretti  al  valore  m inimo  =  livello  di  sussistenza:  quanto   basta  per  comprare  

riparo  e  cibo  per  poter   lavorare  ancora  domani.

Qual'ora  il  salario  aumentasse,  i  capitalisti  preferiranno  sostituire  i  lavoratori  con  le  m acchine.  

A  loro  volta,  se  i  lavoratori  si  accorgono   che  il  capitalista  si  arricchisce,  chiederanno   un  salario  

maggiore  e  il  capitalista.

Il  capitale  scaccia  il  lavoro.

3. Esercito  industriale  di  riserva  -­‐ Marx

Se  è  possibile  sostituire  il  lavoro  al  capitale,  va  benissimo.

Se  non   fosse  possibile,  creazione  di  forza  m olto  forte  del  sistema  capitalista:  la  disoccupazione.  

Il  sistema  nel  suo  complesso  crea  condizioni   di  disoccupazione  in  cui  c'è  sempre  qualcuno  che  

vuole  lavoro   ma  non   ha  lavoro.   Creare  disoccupazione  per   poter  m antenere  i  salari  bassi.

Nel  corso  del   XX  sec tutte  le   nazioni  industrializzate   hanno  registrato  una  

crescita  

rilevante  dei  salari  reali dovuto  alla   crescita  sostenuta  della  produttività: livelli   di  

produttività  più  elevati  fanno  crescere  la  domanda  di  lavoro,  con  un  conseguente  

aumento  dell'occupazione  e  dei  salari  reali.  Tra   i  fattori  che   hanno  contribuito  alla  

crescita   della   produttività  nel  mondo  industrializzato  troviamo:

1. lo  

straordinario  progresso  tecnologico nel  corso  del   Novecento

2. un  grande  

ampliamento  dello  stock  di  capitale,  che  ha  consentito  ai  

lavoratori  di   disporre  di  

strumenti  di  lavoro  in  quantità  maggiore  e  di   qualità  

migliore

Naturalmente  nello   stesso  periodo  è   andata     aumentando  anche  l'offerta  di  lavoro;  

tuttavia  l'incremento   della   domanda  di  lavoro,  frutto  del   rapido  miglioramento  

della   produttività,  si  è   mostrato  talmente   consistente  da  neutralizzare   gli   effetti  

negativi  sui   salari   reali   dovuti  appunto  all'espansione   dal  lato   dell'offerta.

(1)Sebbene  il  periodo  successivo  alla   Seconda  Guerra   Mondiale  abbia  visto  una  

crescita   impressionante  dei  salari   reali,   i  tassi  di   crescita   più  alti   si   sono  registrati  

durante  gli   anni  Sessanta  e   nei  primi   anni  Settanta  del   XX  sec  -­‐ incremento  annuo  

del   5,1%  per  lavoratore.

Dal  1973 il  

tasso   di  crescita  dei  salari  reali  è  diminuito sia  negli   Stati  Uniti  sia   in  

Europa  -­‐ 3%  negli   anni  Settanta,  1%  negli   anni  Ottanta,  fino  al   0,8%  negli  anni  

Novanta.

In  base  all'analisi   della   domanda  e  dell'offerta   sappiamo  che  un  rallentamento   della  

crescita   dei   salari   reali   dev'essere   la  conseguenza  di  un'espansione  meno  rapida  

della   domanda  li   lavoro,  di  un  incremento  più  rapido  dell'offerta  di   lavoro  oppure  di  

Novanta.

In  base  all'analisi   della   domanda  e  dell'offerta   sappiamo  che  un  rallentamento   della  

crescita   dei   salari   reali   dev'essere   la  conseguenza  di  un'espansione  meno  rapida  

della   domanda  li   lavoro,  di  un  incremento  più  rapido  dell'offerta  di   lavoro  oppure  di  

entrambi  i   fattori.  Una  possibile  spiegazione  della   riduzione  del  ritmo  con  cui   i   salari  

reali   sono  andati  aumentando  può  quindi  essere   rappresentata  dal  fatto  che,   a  

partire   dai  primi   anni    Settanta,  tutti  i   paesi  industrializzati   hanno  registrato  un  

rallentamento  della  crescita  della  produttività.

Possiamo  dunque  affermare  che  esiste   una  chiara   relazione  tra  produttività  e  

redditi  reali;  tuttavia,  non  possono  essere  l'unico   fattore  in  gioco  

(2)La  crescita   del   numero  degli   occupati  è   stata  significativamente  più  bassa  in  

Europa  che  negli   Stati  Uniti.

La  quasi  stagnazione  nel  livello   dell'occupazione   a  partire   dagli   anni  Ottanta  -­‐ che   si  

è   tramutato  in  una  diminuzione  del  tasso  di  occupazione  e   in  un  aumento  del   tasso  

di  disoccupazione  -­‐ può  essere   spiegata  dal   forte  rallentamento  della   crescita   della  

produttività  e   quindi  da  una  conseguente  crescita   molto  contenuta  della   domanda  

di  lavoro.  Inoltre,  a  causa  dell'effetto   scoraggiamento,  a  fronte  di  una  forte  crescita  

della   popolazione  in   età  lavorativa,  si   è  registrato   solo  un  ridotto  incremento   della  

forza  lavoro  e   quindi  di  offerta  di   lavoro.  Ancora,  nella   maggior  parte  dei   paesi  

europei,  il   numero  di  nuovi  posti  di   lavoro  creati   è   stato  notevolmente  inferiore   alla  

crescita   della   popolazione    attiva,  dando  luogo  a  un  forte  calo  del   tasso  di  

occupazione.

La  crescita  della  diseguaglianza  salariale

Fattori  che  contribuiscono   alla  diseguaglianza  salariale:

1. La  globalizzazione:   avvantaggia   e  accresce  i  salari  dei  lavoratori   occupati  nelle  industrie  di  

esportazione,  per  effetto  di  un   incremento  della  domanda  di  tali  lavoratori,  riducendo   al  tempo  

stesso  le  retribuzioni  nelle  industrie  di  importazione.

2. Il  progresso   tecnologico di  tipo   skill-­‐biased:  avvantaggia   la  manodopera   più  qualificata  

provocando   un  aumento   della  domanda   di  questi  lavoratori,   facendo  salire  di  conseguenza  i  

loro  livelli  salariali  rispetto  a  quelli  dei  lavoratori  m eno  qualificati.

Il  tentativo   di  arrestare  il  fenomeno  della  globalizzazione  o  il  progresso  tecnologico   non  rappresenta  

tuttavia  la  soluzione  m igliore  per  affrontare  il  problema  della  disuguaglianza  salariale.  In  certa  m isura  

la  

mobilità  dei  lavoratori -­‐ ovvero   il  flusso  di  lavoratori  che  passano  da  settori  caratterizzati  da  bassi  

livelli  salariali  a  lavoratori  che  offrono   salari  elevati  -­‐ effettivamente  controbilancia  le  disparità  create  

dalle  suddette  forze.  Laddove   la  m obilità  non   è  realizzabile,  il  ricordo  a  sussidi  durante   la  fase  di  

transizione  può   essere  la  scelta  m igliore.

Il  mercato  del  lavoro

Dal   momento  che  il   mercato   del  lavoro  è  

eterogeneo:  tipi  di  impiego   e  lavoratori   differiscono  tra  loro   per  quanto  

-­ riguarda  la   collocazione   geografica,  le   abilità   richieste,   le   condizioni  e  gli   orari  

previsti,  carriera,   competenze  ed  esperienza

dinamico:  in  costante  mutamento  ed  evoluzione  per   adattamento  al  

-­ progresso  tecnologico,  alla   globalizzazione   e   ai  cambiamenti   dei  consumatori

l'incontro  tra   domanda  e  offerta  di  lavoro  spesso  richiede   tempo.

eterogeneo:  tipi  di  impiego   e  lavoratori   differiscono  tra  loro   per  quanto  

-­ riguarda  la   collocazione   geografica,  le   abilità   richieste,   le   condizioni  e  gli   orari  

previsti,  carriera,   competenze  ed  esperienza

dinamico:  in  costante  mutamento  ed  evoluzione  per   adattamento  al  

-­ progresso  tecnologico,  alla   globalizzazione   e   ai  cambiamenti   dei  consumatori

l'incontro  tra   domanda  e  offerta  di  lavoro  spesso  richiede   tempo.

(I)  Disoccupazione   frizionale

La  disoccupazione  a  

breve   termine dovuta  al   tempo  necessario  agli  individui  per  

trovare  l'impiego  più  conforme  alle  loro  capacità,  il   tempo  necessario   per  far  si  che  

domanda  e  offerta  si  incontrino.  

I  

costi della   disoccupazione  frizionale   sono  bassi e  possono  risultare   addirittura  

negativi:  un  certo  grado  di  disoccupazione  frizionale   risulta  in  verità   essenziale  per  

l'efficace  funzionamento  di  un'economia  dinamica  e  in  rapida  evoluzione:  in  primo  

luogo,  trattandosi  di  un  fenomeno  di  breve   termine,  le   conseguenze  psicologiche  e  

le   perdite   economiche  dirette   che  ne   derivano,  sono  minime;  in  secondo  luogo,  la  

ricerca   che  consente  a  un  individuo  di  trovare  un  lavoro  che  meglio   corrisponde  alle  

sue  caratteristiche,   è   sinonimo  di  un  livello  di  prodotto  marginale  più  elevato  nel  

lungo  periodo.

(II)  Disoccupazione   strutturale*  

La  disoccupazione  a  

lungo  termine e   cronica   -­‐ generalmente   di   durata  superiore  a  

sei  mesi -­‐ presente  

anche  quando  l'economia  produce  un  tasso  normale.

A  questo  fenomeno  concorrono  diversi   fattori:

mancanza  di  competenze,  presenza  di  barriere  linguistiche  o  di  problemi  di  

• discriminazione

mancata  corrispondenza  a  lungo  termine   tra  le   capacità   di  alcuni   lavoratori   e  i  

• posti  di  lavoro  disponibili  causata  dai   mutamenti  economici

**presenza  di  barriere  all'occupazione  determinate  da  

caratteristiche  

• strutturali  del  mercato  del  lavoro:

presenza  di  

leggi  sui  minimi  salariali o  di   contratti  collettivi stipulati  dai  

-­ sindacati,  che  fissando  i   salari   al   di  sopra  dei  livelli   di   equilibrio,  

penalizzano  i  lavoratori   con  un  basso  livello   di   specializzazione

esistenza  di   sistemi  di  assicurazione  contro  la  disoccupazione che  

-­ consentono  a  chi   è  senza  lavoro  di  prolungare  la   ricerca   di  un  impiego  o  

portarla  avanti  con  minore  impegno  ( es.  

cassa  integrazione:  possibilità  

per  i   dipendenti  di  essere   licenziati   per   un  periodo  limitato   dall'impresa  

che   necessità  di  far  fronte  a  particolari   difficoltà  economiche  e  

percepire   ugualmente  uno  stipendio  ridotto  pagato  dallo   stato)

norme  regolamentari   statali  che   impongono  costi  aggiuntivi  ai   datori  di  

-­ lavoro  o  

costi  non  salariali

Sindacati

Organizzazioni  che,  per  conto  dei  lavoratori,   conducono  le  negoziazioni  con  i   datori  

di  lavoro  su  questioni  quali  le   retribuzioni,   le   regole   per  l'assunzione/licenziamento  

dei   dipendenti,  le   mansioni…  Tutti  i   punti  sono  inseriti   nei   contratti   collettivi che  le  

organizzazioni  sindacali  redigono  insieme   alle   aziende.  Il  

potere  di  contrattazione


ACQUISTATO

3 volte

PAGINE

7

PESO

319.36 KB

AUTORE

BestNote

PUBBLICATO

+1 anno fa


DESCRIZIONE APPUNTO

File 3di10 - Il file contiene una più che esaustiva raccolta di TUTTE LE DEFINIZIONI ALLE PAROLE CHIAVE fornite dal Prof. Michele Grillo durante tutta la durata del corso e raccomandate per la preparazione all'esame. Secondo il professore stesso, infatti, ''questo file rappresenta il più importante strumento di studio per la vostra preparazione all’esame di Economia Politica. Attraverso lo studio di tutte le definizione potrete essere fiduciosi di avere raggiunto una ottima preparazione per sostenere l’esame''. Argomento trattato: OCCUPAZIONE E DISOCCUPAZIONE (slide3)


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza (MILANO - PIACENZA)
SSD:

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher BestNote di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Economia politica e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Cattolica del Sacro Cuore - Milano Unicatt o del prof Grillo Michele.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Economia politica

Economia politica - Domande di Microeconomia
Esercitazione
Appunti:Esame di Economia Politica, Macroeconomia, M. Grillo
Appunto
Appunti:10 - Modello IS LM. Esame di Economia Politica, M. Grillo
Appunto
Appunti:5 - Decisioni di investimenti. Esame di Economia Politica, M. Grillo
Appunto