Che materia stai cercando?

816 ter c p c Istruzione probatoria Appunti scolastici Premium

Appunti di procedura civile su 816 ter c p c Istruzione probatoria basati su appunti personali del publisher presi alle lezioni del prof. Bove dell’università degli Studi di Perugia - Unipg, Facoltà di Giurisprudenza, Perugia - Unipg. Scarica il file in formato PDF!

Esame di Procedura civile docente Prof. M. Bove

Anteprima

ESTRATTO DOCUMENTO

Istruzione probatoria nell’arbitrato rituale

ART. 816-ter c.p.c.

Considerazione preliminare: l’articolo in commento è una disposizione particolarmente scarna,

dobbiamo avviarci ad una lettura dell’istituto in termini sistematici ed in particolare in termini di

volontà delle parti. Volontà da cui deriva il potere degli arbitri e le regole del procedimento, volontà

che è chiave di lettura non solo dell’istruzione probatoria, ma anche dell’arbitrato rituale nel suo

complesso.

Comma 1: “ L’istruttoria o i singoli atti d’istruzione possono essere delegati dagli arbitri ad uno di

essi”.

Qual è l’ampiezza della delega? L e interpretazioni relative a suddetta norma sono tre:

1. Interpretazione restrittiva: la delega può riguardare solo l’assunzione non l’ammissione.

2. Interpretazione estensiva: sono delegabili entrambe.

3. Interpretazione intermedia: delega possibile in virtù dell’art. 816-bis comma 2, in base al

quale le parti o gli arbitri possono delegare al presidente del tribunale ordinanze circa lo

svolgimento del procedimento => a questi sarà delegabile anche il compito di pronunciare

ordinanze che ammettono ammissione dei mezzi di prova.

La disposizione in esame non dà alcuna indicazione a riguardo, ciascuna lettura potrebbe essere

quella corretta, per cui sembra opportuno concludere che: la scelta dell’ampiezza del potere

delegato spetta solo ed esclusivamente agli arbitri.

Le parti possono influire su tale potere? Sì, potendo queste decidere le regole da seguire da parte

degli arbitri nel procedimento istruttorio, possono anche escludere l’operatività dell’816-ter comma

1.

Comma 2: “Gli arbitri possono assumere presso di sé la testimonianza, ovvero deliberare di

assumere la deposizione del testimone ove questi vi consenta, nella sua abitazione o nel suo

ufficio. Possono altresì deliberare di assumere la deposizione richiedendo al testimone di fornire

per iscritto risposte a quesiti nel termine che essi stabiliscono.” Le possibilità sono quindi due:

1. Acquisizione diretta / presso abitazione o ufficio

2. Acquisizione scritta

Quest’ultima è una prova cd. rappresentativa, poiché l’arbitro ha una percezione non dei fatti che si

intendono provare, quanto di una rappresentazione degli stessi, il documento, appunto. Questa

tipologia di mezzi di prova hanno il medesimo valore di quelli diretti, non scadono cioè in semplici

argomenti di prova, per due ragioni: in primo luogo nessuna disposizione dispone in tal senso, in

secondo luogo nel giudizio arbitrale non sussiste la distinzione tra prova e argomento di prova,

poiché tutto è rimesso al libero apprezzamento del privato.

Comma 3: Testimone riottoso “Se un testimone rifiuta di comparire di fronte agli arbitri, questi

quando lo ritengono opportuno secondo le circostanze, possono richiedere al presidente del

tribunale della sede dell’arbitrato, che ne ordini la comparizione davanti a loro.” La richiesta

dell’ordine di comparizione è effettuata mediante ordinanza dagli arbitri, che ne curano anche il

deposito. Il termine per la pronuncia del lodo rimane sospeso fino alla data dell’udienza per

l’assunzione della testimonianza (comma 4). Se il testimone continua a non collaborare? Ulteriore

richiesta per un secondo ordine di comparizione al giudice statale, che può anche disporre in

questo secondo caso l’accompagnamento coattivo del testimone. Il termine per la pronuncia

rimane allora sospeso fino all’udienza in cui il testimone compare (e non quella inizialmente

fissata, dove non si è presentato reiterando il comportamento non collaborativo).

Comma 5: Gli arbitri possono avvalersi della consulenza tecnica (schema 13-ter).

Comma 6: “Gli arbitri possono chiedere alla p.a. le informazioni scritte relative ad atti e documenti

dell’amministrazione stessa, che è necessario acquisire in giudizio”.


PAGINE

3

PESO

22.63 KB

AUTORE

martim16

PUBBLICATO

+1 anno fa


DETTAGLI
Corso di laurea: Corso di laurea magistrale in giurisprudenza
SSD:
Docente: Bove Mauro
Università: Perugia - Unipg
A.A.: 2017-2018

I contenuti di questa pagina costituiscono rielaborazioni personali del Publisher martim16 di informazioni apprese con la frequenza delle lezioni di Procedura civile e studio autonomo di eventuali libri di riferimento in preparazione dell'esame finale o della tesi. Non devono intendersi come materiale ufficiale dell'università Perugia - Unipg o del prof Bove Mauro.

Acquista con carta o conto PayPal

Scarica il file tutte le volte che vuoi

Paga con un conto PayPal per usufruire della garanzia Soddisfatto o rimborsato

Recensioni
Ti è piaciuto questo appunto? Valutalo!

Altri appunti di Corso di laurea magistrale in giurisprudenza

Diritto urbanistico - Aspetti fondamentali
Dispensa
Riassunto esame Diritto privato comparato, prof. Marini, libro consigliato Modello di proprietà inglese, Moccia
Appunto
Procedimento amministrativo
Dispensa
Stabilizzazione delle carceri
Dispensa