Test professioni sanitarie 2019, come funziona: date, domande, punteggio

Redazione
Di Redazione
test professioni sanitarie

Il giorno del test professioni sanitarie 2019 è praticamente dietro l'angolo. Quello che è fatto, è fatto? Forse. Meglio comunque ricapitolare tutte le informazioni più importanti per non arrivare impreparati alla prova di ammissione che segnerà il vostro destino. Skuola.net vi aiuta con un piccolo recap su come funziona il test professioni sanitarie : dalla data test professioni sanitarie ai posti disponibili, dagli argomenti delle domande al punteggio, e tanto altro.

Data test professioni sanitarie 2019


Sicuramente già la saprete, ma per esserne certi e dormire sonni tranquilli vi ricordiamo noi la data in cui dovrete presentarvi nell'università prescelta per svolgere il test professioni sanitarie: l'11 settembre 2019 alle ore 11:00. Pronti?

Domande test professioni sanitarie 2019


Il questionario del test di professioni sanitarie 2019 è preparato da ogni ateneo: a differenza quindi del test di medicina, non si tratta di una prova unica per contenuto in tutta Italia, ma predisposta a livello locale dalle diverse università. Unica è invece, come abbiamo visto, la data del test, così come la struttura del questionario composto da 60 quesiti: si tratta di 12 domande di Cultura generale,10 di logica, 18 di biologia, 12 di chimica, 8 di matematica e fisica. Anche il programma su cui si basano le domande è unico e prestabilito dal ministero.

Guarda anche:



Argomenti test ingresso professioni sanitarie 2019


Avete studiato per bene il programma ministeriale del test professioni sanitarie 2019? Vi ricordiamo che i quesiti, scelti in autonomia da ogni ateneo, riguarderanno argomenti di queste aree: Cultura generale e Ragionamento logico, Biologia - La Chimica dei viventi, Chimica, Fisica, Matematica.
Guarda tutti i gli argomenti da studiare nel dettaglio per ogni materia del test:

Test professioni sanitarie 2019: il programma MIUR degli argomenti >>

Punteggio test professioni sanitarie 2019


Avrete 100 minuti per rispondere a 60 quesiti test ingresso professioni sanitarie 2019. Ogni risposta esatta vi farà guadagnare 1.5 punti, ogni risposta non data 0 punti, e ognuna errata vi costerà una penalità di -0.4 punti. Il punteggio massimo totalizzabile è pari a 90 punti mentre la soglia minima per essere inseriti in graduatoria è pari a 20 punti.

Posti disponibili test ingresso professioni sanitarie 2019


Quest'anno sono complessivamente 25.365 i posti messi a bando, di cui 15.069 per infermieristica, 2117 per Fisioterapia, 771 per Logopedia.
Guarda tutti i posti disponibili per ateneo per tutti i corsi di laurea:

Posti disponibili test professioni sanitarie 2019: tabella atenei >>

Test professioni sanitarie 2019 cosa portare


Le regole cambiano da ateneo ad ateneo, ma in ogni caso è fondamentale ricordarvi di andare a svolgere il test professioni sanitarie 2019 con un documento valido (Carta di Identità o Passaporto in corso di validità: ci risulta che la Patente di guida non possa essere accettata come documento identificativo, quindi non rischiate), la ricevuta dell’avvenuto pagamento del test professioni sanitarie e la copia del modulo di iscrizione. Ricordatevi di portarvi un orologio analogico (e non uno smartwatch!)per avere un idea del tempo che passa durante la prova e lasciate, invece, a casa i libri: il ripasso last minute serve solo per far crescere l'ansia.

I corsi più quotati per il test ingresso professioni sanitarie 2019


Solitamente i corsi dove si indirizzano le preferenze della maggior parte degli aspiranti universitari decisi a passare il test professioni sanitarie, sono quelli di infermieristica e fisioterapia. Ecco perché sono anche quelli dove è più difficile accedere. Importante è tenerne conto al momento di inserire le preferenze oltre la prima!

Graduatoria test professioni sanitarie 2019 come funziona


Le graduatorie per stabilire i candidati del test professioni sanitarie 2019 ammessi possono essere stilate in 2 modi differenti, per preferenza o per punteggio. Nel primo caso, la prima scelta tra i corsi di laurea preferiti prevale sul punteggio totale. In breve, ogni università compila differenti graduatorie per ogni singolo corso di laurea, sulla base dell'ordine di preferenze indicato dai candidati. Per infermieristica, ad esempio, verrà stilata una prima graduatoria tra coloro che hanno indicato come prima scelta per l'appunto infermieristica. I restanti posti saranno divisi in base al punteggio tra coloro che hanno scelto Infermieristica come seconda scelta, e così via. In questo modo si hanno più probabilità, in caso di punteggio alto, di entrare nel corso di laurea preferito. Al contrario però è più difficile entrare nei corsi di laurea di seconda e terza preferenza. Nel caso in cui invece le università stilino le graduatorie del test professioni sanitarie 2019 per punteggio, il punteggio totale prevale sul criterio della prima scelta, l'ateneo compila una graduatoria generale sulla base del punteggio di ogni partecipante al test di ingresso professioni sanitarie. Partendo dal punteggio più alto si assegnano i posti disponibili seguendo l'ordine di preferenza indicato al momento dell'iscrizione. Questo tipo di graduatoria tende a premiare il punteggio finale e dà pari probabilità di entrare per le preferenze indicate. Tutto chiaro?



Serena Rosticci
Skuola | TV
Buone vacanze ragazzi!

La Skuola Tv torna a ottobre. Buone vacanze a tutti gli studenti!

1 ottobre 2019 ore 16:00

Segui la diretta