Test Professioni Sanitarie 2018 identikit del candidato: ecco che tipo di studente sei

Carla Ardizzone
Di Carla Ardizzone

Si parla di 75mila candidati al test per l'accesso ai corsi delle Professioni Sanitarie 2018. Oggi 12 settembre, per questi aspiranti matricole è il momento di dare il tutto e per tutto per giocarsi un posto in facoltà. Le statistiche dicono che, complessivamente, 1 su 3 riuscirà a passare. Ma non in tutti gli atenei e per tutti i corsi di laurea sarà così semplice. Per Fisioterapia, infatti, la concorrenza è spietata e passerà solo 1 su 13. Logopedia è un'altro corso "impossibile", dove passerà solo 1 su 9. Per comprendere Questo spiega la determinazione con cui gli iscritti al test proveranno a conquistare l'ammissione per l’anno accademico 2018/2019: Skuola.net ha intervistato circa 500 di loro: pur di entrare, si è pronti a tutto. Anche a far valere i propri diritti con un eventuale ricorso.

  • Test Professioni Sanitarie 2018: domande, risposte, soluzioni

  • Graduatoria professioni sanitarie 2018: tutte le università
  • Professioni sanitarie, passione e... guadagno

    Il 36% ha iniziato a studiare tra i 7 e i 9 mesi prima del test, mentre un altro 16% ha ritenuto necessari 4-6 mesi. Tutti gli altri si sono allenati sui quiz da 1 a 3 mesi, e solo il 2% è ricorso allo studio last-minute. Questa forte motivazione è per molti frutto di autentica passione per la materia ma, per altrettanti, di un certo spirito pratico. Meno della metà, infatti - il 44% - è mosso dall'amore per gli argomenti del corso e sogna di lavorare nel campo della salute. I restanti sono attirati per lo più dalle opportunità di guadagno future (21%) o dalla (presunta) possibilità di trovare lavoro facilmente (22%). Non manca però chi è stato letteralmente "spinto" da genitori e familiari (5%).

    Test Professioni Sanitarie, quanto mi costi!

    Che sia per realizzare il sogno della vita o per avere maggiori prospettive occupazionali, gran parte degli intervistati ha investito fior di quattrini per riuscire bene nel test. Per prepararsi, il 32% ha utilizzato in particolare testi specifici, e un buon 17% ha frequentato corsi di preparazione. In più, se il 18% ha preferito attingere dal web, per fare pratica grazie alle simulazioni on line, il 31% si è rivolto a lezioni private ad hoc. Risultato: se pochissimi (5%) hanno speso più di 500 euro per affrontare la prova di ammissione a Medicina, ben 1 su 10 si è assestato tra i 300 e i 500 euro. Il 23%, invece, è nella fascia tra i 100 e i 300 euro. Niente male se consideriamo che - tra le spese da contare - c'è anche la quota di iscrizione per partecipare alla prova, da pagare all'ateneo: in media si parla di una 50ina di euro, ma si può arrivare addirittura a 100 euro per il tentativo (nelle università pubbliche).

    Test Professioni Sanitarie 2018, tanti al secondo tentativo

    I neodiplomati sono il 55% del campione. Questo vuol dire che quasi la metà dei candidati intervistati sono "ripetenti", che tornano a provarci dopo i fallimenti degli anni scorsi, o "delusi" dal percorso intrapreso, e vogliono cambiare aria: infatti, la maggioranza di loro è già universitario, ma proviene da un altro corso. Tra di loro, ben il 39% è al secondo tentativo di professioni sanitarie, a cui bisogna aggiungere un 6% addirittura alla terza opportunità. Per il 55% di loro, invece, si tratterà di una novità.

    E se non passo? Ritento
    E se i test dovessero andare male? L’alternativa è già pronta: iscriversi ad un’altra facoltà (magari di un’area didattica simile) in attesa di ritentare la fortuna l’anno prossimo. Seguirà questa strada 1 su 3 dei (possibili) delusi. Il 22%, invece, si prenderà una pausa dall’università ma si ripresenterà comunque tra dodici mesi. Il 6% proverà a intraprendere la stessa carriera ma all’estero. Ma un buon 31% dirà basta, e si rivolgerà ad altre strade.

    Comunque una cosa è certa: prima di arrendersi venderanno cara la pelle. Più di 8 ragazzi su 10 sono pronti a fare ricorso se dovessero accorgersi che qualcosa, durante le prove, non sia stata fatta secondo le regole: il 57% si opporrà anche di fronte alla minima infrazione, il 27% ricorrerà solo per palesi irregolarità. Appena i 17% accetterà passivamente il responso.

    Skuola | TV
    Angelica Massera ospite della Skuola Tv!

    La webstar, molto apprezzata dai più giovani grazie ai suoi video esilaranti, ci racconterà dei suoi progetti futuri! Non solo, cerchremo di capire quali sono i segreti per avere successo sul web! Non perdere la puntata!

    21 novembre 2018 ore 15:00

    Segui la diretta