Parola tesina

Descrizione de La parola è la città che sale è una tesina semplice e breve da studiare fatta per tutti e per tutti e completa

Allegati
Questo appunto contiene 1 file allegato

Questo download è disponibile soltanto per gli utenti registrati.
Dimensione: 522 kB, scaricato 50 volte

E io lo dico a Skuola.net

ARTE

Il futurismo è stato un movimento artistico e culturale italiano del XX secolo. Ebbe influenza su movimenti artistici che si svilupparono in altri Paesi, in particolare in Russia e Francia. I futuristi esplorarono ogni forma di espressione, dalla pittura alla scultura, alla letteratura (poesia e teatro), la musica, l'architettura, la danza, la fotografia, il cinema e persino la gastronomia. La denominazione ufficiale del movimento si deve al poeta italiano Filippo Tommaso Marinetti.

Nel 1910 a Milano i giovani artisti d'Italia avevano pubblicato i manifesti sulla pittura futurista. Boccioni si occupò principalmente del dinamismo e del superamento del cubismo, mentre Balla passò dallo studio delle vibrazioni luminose (divisionismo) alla rappresentazione sintetica del moto. Nel 1912 Boccioni, Carrà e Russolo esposero a Milano le prime opere futuriste alla "Mostra d'arte libera" nella fabbrica Ricordi.

Il Futurismo diede il meglio di sé nelle espressioni artistiche legate alla pittura, al mosaico e alla scultura, ma anche architettoniche.
L'artista futurista più attivo nel campo della scultura è Umberto Boccioni, la cui ricerca pittorica corre sempre parallela a quella plastica.
Nel 1912, lo stesso Boccioni pubblica il Manifesto tecnico della scultura futurista. Punto di arrivo di questa ricerca può essere considerato Forme uniche della continuità nello spazio, del 1913


TECNICA
l grattacielo è una struttura  che emana forza per via della sua altezza, per lo slancio verso l’alto. Eppure si tratta di una struttura delicata da costruire, se pensiamo che poggia a terra  per una porzione ridottissima  della sua stazza.
Il Grattacielo deve essere saldamente ancorato al terreno, meglio se si tratta di un sottosuolo roccioso.
Le fondamenta devono essere molto profonde e fortificate .
La struttura deve supportare tutto il peso del grattacielo
La struttura esterna in muratura.
Riveste  il palazzo ,isola e crea gli ambienti. Prima era staccata, quasi come appoggiata sullo scheletro. Ora si preferisce agganciare la struttura esterna a quella interna.
Alla costruzione di un grattacielo vengono applicate tecnica e scienza.
Tecnica per erigere la struttura e scienza per lo studio dei pesi, degli scarichi , acustica, dinamica,   illuminotecnica, scienza dei materiali per capire come reagiscono agli stimoli dell’ambiente, ad esempio : la struttura deve essere elastica, deve oscillare per resistere al vento
Le tecniche per la costruzione dei grattacieli di expo 2015 sono nuove e rivoluzionarie,le nuove strutture hanno forme mai progettate nella storia delle architettura e inoltre utilizzano materiali di nuova generazione.
I nuovi grattacieli hanno anche nuovi tipi di impianti elettrici a basso consumo e più ecologici e un nuovo impianto di smaltimento rifiuti in grado di preservare maggiormente l’ambiente naturale circostante.
in oltre le nuove costruzioni hanno un profilo in grado di sopportare le correnti di vento a cui sono sottoposti a quelle altezze,perchè altrimenti crollerebbero sotto la forza del vento


SCIENZE

La struttura del modello a doppia elica del DNA venne per prima pubblicata nella rivista Nature da James D. Watson e Francis Crick nel 1953], basata su dati forniti da Rosalind Franklin e Raymond Gosling, Maurice Wilkins,Alexander Stokes e Herbert Wilson, come pure l'informazione chimica e biochimica base-pairin di Erwin Chargaff.
La doppia elica del DNA è un polimero a spirale destrorsa di acidi nucleici,tenuti insieme dai nucleotidi. Un singolo giro di elica costituisce dieci nucleotidi.La struttura a doppia elica del DNA contiene un solco maggiore e un solco minore, il primo essendo più ampio del secondo. Considerata la differenza in larghezza tra i solchi maggiore e minore, molte proteine che si allacciano al DNA lo fanno attraverso il solco più ampio.
L'ordine, o sequenza, dei nucleotidi nella doppia elica di un gene specifica la struttura primaria di una proteina.
Il termine entrò nella cultura popolare con la pubblicazione nel 1968 di La doppia elica: un apporto personale riguardo alla scoperta della struttura del DNA, di James 


STORIA

Il Novecento è stato il secolo delle grandi scoperte dal telefono al cinema, dalla radio alla televisione, dai transistor ai computer.
Il Novecento si sviluppa all’insegna del mito del progresso e si caratterizza come il secolo del movimento, della velocità, dello spostamento sempre più veloce e agevole di persone, merci, denaro e informazioni. Il secolo vive sotto il segno dell’auto e dell’aereo, presto destinati a divenire strumenti di massa.
Il Novecento è stato anche il secolo della grande estensione della partecipazione politica, durante il quale l’elettorato (cioè l’insieme di coloro che hanno diritto al voto), è aumentato, tanto, che in quasi tutti i paesi si vota con il suffragio universale maschile e femminile. All’inizio del secolo, invece, la possibilità di partecipare alle consultazioni elettorali era in gran parte limitata dal censo o dall’estrazione sociale, oppure dal sesso (le donne, infatti, non potevano votare), mentre in molti paesi non esisteva affatto.
Il secolo dell’indipendenza.
Le rivoluzioni industriali
Il secolo delle rivoluzioni
Il secolo del benessere
Il Novecento è un secolo di crisi, ossia di trasformazione, passaggio dal vecchio al nuovo, distacco dal passato.

LETTERATURA


Filippo Tommaso Marinetti trascorse i primi anni di vita ad Alessandria d'Egitto, dove il padre (Enrico Marinetti) e la madre (Amalia Grolli) convivevano. L'amore per la letteratura emerge sin dagli anni del collegio: a 17 anni fonda la sua prima rivista scolastica, Papyrus; i gesuiti lo minacciano di espulsione per aver introdotto a scuola gli scandalosi romanzi di Émile Zola. È inviato così dalla famiglia a diplomarsi a Parigi, dove ottiene il Baccalaureato nel 1893. Si iscrive alla facoltà di legge di Pavia, insieme al fratello maggiore Leone.
La morte di quest'ultimo, appena ventunenne, è il primo vero trauma della vita di Marinetti, che dopo aver conseguito la laurea (a Genova nel 1899), decide di abbandonare il diritto e assecondare la sua vocazione letteraria. Da questo momento non cesserà di sperimentare incessantemente in ogni campo della letteratura (poesia, narrativa, teatro, parole in libertà), firmandosi sempre "Filippo Tommaso Marinetti". Nel 1902 ha un altro grave lutto familiare: muore la madre, Amalia Grolli, che da sempre lo aveva incoraggiato a praticare l'arte della poesia.
Zang Tumb Tumb è un'opera letteraria del xx secolo.
Venne pubblicata a Milano a cura delle Edizioni futuriste di Poesia, nel 1914.
In questo poemetto, ispirato all'assedio di Adrianopoli durante la guerra bulgaro-turca, l'autore utilizza metodi di stampa particolari inserendocaratteri tipografici di varie dimensioni, nonché grassetto e corsivo creando in tal modo un effetto visivo in grado di riportare il lettore al centro della battaglia del 1912.
Il testo, dal forte carattere visivo, si compone delle parole in libertà, tecnica di scrittura futurista che prevede l'abolizione dei nessi sintattici tradizionali, il rifiuto di articoli, avverbi e aggettivi e l'uso di termini onomatopeici per riprodurre i suoni della guerra

Registrati via email
In evidenza