Ominide 33 punti

Sport e doping - Tema

Lo sport nella nostra società svolge un ruolo importantissimo nella formazione, nello sviluppo e nell’educazione, per molti esso è un’opportunità con cui tenere in allenamento il fisico e la mente, per altri ancora una guida educativa molto importante la quale insegna fin da piccoli alcuni valori utili da grandi per affrontare la vita quotidiana al meglio; ad esempio la lealtà verso gli altri, il rispetto delle regole, l'impegno e la volontà che bisogna mettere, per poter riuscire ad ottenere buoni risultati in uno sport, cosi come nella vita.
Purtroppo però negli ultimi anni si sta sviluppando un fenomeno molto negativo : il doping.
Oltre a fare male all'atleta che lo assume da un esempio negativo a chi guarda perché il messaggio che passa è quello di prendere scorciatoie per arrivare al risultato finale.
Purtroppo l’ideologia del successo a tutti i costi, le esigenze di sponsor e tifosi, e la stessa ambizione degli sportivi, spinge gli atleti a ricorrere ad aiuti che vanno contro l'etica sportiva. L’insuccesso agonistico provoca frustrazione, mentre il successo provoca una gratificazione che però a lungo andare nuoce. Bisogna domandarsi però se il vero problema sia il doping o che questa sia solo una conseguenza dell'eccessivo stress a cui l'atleta è sottoposto magari perché gli obbiettivi che gli si pongono sono troppo alti ed irraggiungibili.

Ma dietro l’uso di queste sostanza non c’è solo l’atleta in se che ne fa uso, ma capita che a determinare questa situazione siano altre persone; nello sport si muovono grandi interessi economici e di potere quindi la vittoria è spesso l’unico risultato accettato da sponsor e dirigenti.
Bisogna ammettere che non sono solamente gli atleti a fare questa scelta visto che vi sono alcuni casi in cui gli sportivi venivano dopati a loro insaputa magari da allenatori che in base al risultato ricevono un compenso più alto.
Uno dei tanti aspetti negativi del doping è l'effetto a lungo termine che ha sull'atleta, se all'inizio da un risultato molto soddisfacente che è quello che si desidera, poi può causare conseguenza molto gravi come ad esempio i culturisti che si riempono di steroidi anabolizzanti che mutano in modo abnorme alcuni organi o antidolorifici che non fanno sentire fatica durante la gara ma dall'altra aumentano il rischio di traumi oppure ancora l'ormone della crescita che favorisce lo sviluppo di tumori. Il numero di calciatori che cessata l'attività agonistica si ammala di SLA (Sclerosi Laterale Amiotrofica) raggiunge i cinquanta casi ultimo il caso dello scorso giugno che ha interessato l'ormai defunto Borgonovo, la percentuale di ammalarsi di sla nei calciatori rispetto alla popolazione che non gioca a calcio è del 11,5 % in più, un dato molto preoccupante come lo è altrettanto il numero di sport in cui è presente questo fenomeno; perché non solo il culturismo, il calcio ma i casi più celebri si hanno nel ciclismo basti pensare a Pantani escluso dal Giro d'Italia del 1999 o di Alberto Contador vincitore degli ultimi due Tour de France.
Ma uno dei casi più noti di doping nel ciclismo è stato sicuramente quello del ciclista Lance Armstrong nel 2012, il quale quando era ancora in attività riuscì a vincere sette Tour De France consecutivi ma proprio a causa di questo caso gli sono stati revocati tutti i titoli vinti dal 1998, compresi i sette Tour e il bronzo olimpico ed inoltre gli costò il bando a vita dal ciclismo. Ma anche nell'atletica ci sono stati casi di doping come quello di Ben Johnson, squalificato ai Giochi olimpici di Seul nel 1988 dopo aver vinto la corsa dei 100 metri piani e stabilito il nuovo record del mondo (che venne annullato) e quello di Marion Jones che confessòd i avere fatto uso di doping e per questo privata di tutte le sue medaglie olimpiche oppure quello dell'atleta italiano Alex Schwazer risultato positivo all'EPO e quindi squalificato dai giochi olimpici.
Per poter eliminare o ridurre l’uso delle sostanze dopanti bisognerebbe aumentare i controlli, rendendoli più frequenti ed estenderli anche alla serie dilettantistiche, e le leggi e le pene inflitte più severe sia a livello sportivo ma anche giuridico.
Inoltre bisognerebbe e ducare i giovani fin da piccoli ai valori dello sport e alla lealtà iniziando dalle scuole ma anche nelle società sportive da quelle più piccole a quelle più grandi senza fare distinzioni di sport.

Hai bisogno di aiuto in Temi di Italiano Svolti?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove