TEMA ARGOMENTATIVO: LA PAROLA FRATELLO

Dicesi fratello una persona di sesso maschile legata ad un'altra da vincoli di parentela che consiste nell' essere nati dagli stessi genitori, ma è devvero così oggi o bisognerebbe allargare questo significato?
Già dai tempi del cristianesimo e con le predicazioni di Gesù questo concetto ha iniziato a prendere varie sfumature poichè ogni individuo iniziava ad essere considerato come fratello del resto degli uomini in quanto figlio di Dio.
In questo periodo si fa abuso di questo termine, poichè esso si è esteso a tal punto da diventare quasi banale in quanto viene usato per indicare una persona unita ad altri da vincoli affettivi o ideali molto forti o addirittura per entrare in confidenza con qualcuno e questi sono i significati, oltre a quello letterale, che i giovani attribuiscono a questa parola.
Tra buoni amici oramai il chiamarsi fratelli è diventato una consuetudine ben accetta da tutti i ragazzi che chi più chi meno adottano le varie accezioni di questo termine nelle conversazioni.

Le persone di colore per approcciare con i bianchi usano spessissimo questa parola quasi come per voler ricordare che tutti siamo fratelli ispirati da Martin Luter King ma anche perchè sentirsi chiamare in questo modo fa piacere e, in un certo senso, favorisce gli aquisti.
Non tutti però godono di questo privilegio infatti ognuno di noi, cervello pensante, seleziona le persone che secondo noi meritano questo appellativo e ciò dimostra che esso non ha perso il suo significato ma anzi ne ha aquisiti di nuovi.
L'abuso che c'è dietro questa parola ha fatto diventare quasi un abitudine giornaliera quella di pronunciarla rivolti verso le persone più disparate e l'ha resa quasi un bene dell'umanità.

Hai bisogno di aiuto in Saggi brevi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email