Ominide 15 punti

Saggio breve sull'innamoramento


Titolo: Amore, ne vale la pena?


Che cos’è l’amore? In realtà non lo sappiamo. Possiamo immaginarlo, possiamo sentirlo, possiamo cantarlo, possiamo scriverlo,ma alla domanda su che cosa effettivamente sia questo amore di cui tutti parlano, non sappiamo rispondere perché è una cosa troppo grande da descrivere a parole.
Dopo un’esperienza d’amore negativa, gli esseri umani tendono a condannare tutte le possibilità di innamoramento e tutte le persone che tentano di avvicinarsi; ma l’amore dunque è speciale o è qualcosa che crea solamente dolore e tristezza?


“Odio e amo. Forse mi chiedi come io faccia. Non so, ma sento che questo mi accade: è la mia croce”. Così Catullo ci descrive l’amore; una contraddizione vera e propria dell’animo umano che passa dall’essere sentimento all’essere razionalità e viceversa per un tempo senza fine. Catullo s’innamora di Lesbia, donna di una bellezza straordinaria e molto femminile, ma sposata. Catullo lo sa, ma il sentimento che prova è tanto forte che decide di abbandonarsi e di lasciarsi trasportare dalle emozioni.
Questa, a mio avviso, è la fase più bella dell’amore: l’innamoramento. Questo sentimento rende l’essere umano felice. Quando si ride senza un motivo, quando ci si sente sereni, quando ci si sente voluti, questo è amore.
L’amore è cosa bella, non brutta. L’amore è felicità, non tristezza. L’amore è malinconia, non rimpianto.
In tutte le relazioni ci sono alti e bassi. A volte ci lasciamo trascinare dal momento, altre volte perdiamo un’occasione e ci pentiamo, altre volte chiudiamo porte a chi vorrebbe davvero entrare nella nostra vita. L’amore è imprevedibile, se non fosse così no sarebbe amore ma abitudine.


Magritte riesce sempre a stupire con i suoi quadri. Nel quadro “gli amanti” rappresenta due personaggi mentre si baciano, con un panno bianco sul volto, che sta a significare la mancanza di comunicazione tra i due. Il loro amore è muto, cieco e conosce solo il linguaggio del corpo. Non può essere un amore vero. Il vero amore è quello fatto di momenti belli e di momenti brutti,ma che rimane impresso nella memoria per sempre. Questi non possono conoscersi realmente, non possono amarsi realmente. Per innamorarsi bisogna vedere sia i pregi sia i difetti dell’altro. E’ come un far finta di non vedere la realtà per non prendersi delle responsabilità. Nel loro bacio non c’è passione, non c’è significato, trasmette paura e inquietudine.


Nel V canto dell’inferno(vv.97-107), ci troviamo nel girone dei lussuriosi. Dante ha un dialogo con la coppia di amanti Paolo e Francesca, condannati dal loro stesso amore alla morte. La ragazza gli racconta della loro intensa passione. Dice che Paolo si è innamorato di lei per la sua bellezza che è svanita dal momento in cui è stata uccisa, ma che il loro sentimento è rimasto invariato e dunque loro, pur essendo all’inferno, sono ancora l’uno con l’altra.
In questo caso il “danno” dell’amore è stato molto pesante, poiché c’è stata la morte. Molte persone, soffrono per amore, questo è vero. Perché si è lasciati o perché l’altra persona non ricambia ma questo è normale. L’amore e la tristezza che ne consegue, a mio avviso, fanno parte dello stesso pacchetto, non si può prendere l’uno senza l'altro.
Dobbiamo essere consapevoli dei benefici e dei vuoti che questo sentimento crea. Dobbiamo buttarci, vivere giorno per giorno. Dobbiamo provare oggi non domani, perché ritengo che senza amore la nostra vita sia sprecata.


Siamo più di 7 miliardi in questo mondo. Credo che non volere l’amore sarebbe assurdo.
Certamente l’innamoramento può avere dei lati negativi e può far soffrire moltissimo tanto che a volte sembra che il nostro cuore non riesca a sopportare tutto il dolore, ma esso, nonostante tutto,è, a mio avviso, l'unica cosa per la quale valga vivere. Credo che sia l'unico sentimento che avvicini le persone tra loro e grazie al quale non dobbiamo fingere di essere qualcuno, ma dobbiamo essere noi stessi. L'amore è la cosa che ci riempie la vita di sorrisi sinceri e di sentimenti veri. Meglio aver sofferto per un amore vero che aver rifiutato tutte le opportunità per paura. Credo che la vita sia una sola: la prima vita e anche l’ultima. Se non proviamo non sappiamo. Se ci tiriamo indietro di fronte ai problemi che potrebbero insorgere, non viviamo davvero e in tal modo non potremmo mai essere davvero felici.
Hai bisogno di aiuto in Saggi brevi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email