Ominide 8727 punti

La guerra nucleare: un timore per nulla infondato

Suggerimenti per la stesura dell'articolo: Una costante minaccia incombe sul mondo: l’utilizzo a fini bellici delle testate nucleari presenti sul territorio della Russia e di altre Repubbliche sorte dalla dissoluzione dell’URSS. Se, ai tempi della “guerra fredda”, la pace era stata mantenuta grazie all’equilibrio tra le due “superpotenze” fondato sulla paura del “disastro nucleare”, adesso che l’Unione Sovietica non esiste più, è aumentato il rischio che possa sfuggire il controllo sugli arsenali atomici dell’ex “superpotenza”. È necessario, pertanto, procedere ad un rapido disarmo di tutti gli arsenali nucleari nel mondo sotto un efficace controllo dell’ONU.

Possibile titolo: È ancora “allarme” nucleare.
Eventuale pubblicazione: Periodico di attualità ed informazione.

Scaletta

1) L’equilibrio nel terrore: la “guerra fredda” tra USA ed URSS; la rincorsa agli armamenti nucleari.
2) Il rischio di una guerra nucleare: le testate nucleari ancora presenti sul territorio ex sovietico; il timore di una loro vendita ad alcuni governi del Terzo Mondo; la paura di un loro utilizzo a fini bellici.
3) Il timore di una proliferazione delle testate nucleari: la necessità di assicurare il controllo sulle armi esistenti; l’accordo per una riduzione anche delle armi strategiche convenzionali.
4) Gli Stati che recentemente si sono dotati di armi atomiche: il caso dell’India e del Pakistan.
5) I difficili rapporti tra Mosca e Washington: i raids aerei della Nato contro la Serbia nel 1999; le tensioni attuali tra il governo russo di Putin e quello americano di Bush.

Hai bisogno di aiuto in Saggi brevi?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità