Ominide 1864 punti

Dante Alighieri, l’esiliato per eccellenza, il nostalgico infuriato nei confronti della patria, un’anima insicura e combattuta durante gran parte della propria vita, non poté far altro che condividere i suoi pensieri. Travolto dalla guerra tra guelfi bianchi e guelfi neri, infatti, viene ingannato ed esiliato dalla sua amatissima Firenze, e questo gli provoca una ferita che non si rimarginerà mai, ferita tanto profonda che nelle tre cantiche il tema politico è costantemente affrontato. Per quanto riguarda il Purgatorio, Dante ci presenta il suo pensiero tramite i particolareggiati personaggi e le violente apostrofi, riferendoci spesso indirettamente ciò che riguarda la terra. Come non cominciare dal canto VI del Purgatorio? Sordello, un’anima solitaria e disdegnosa che, non appena comprende l’origine mantovana di Virgilio, corre ad abbracciarlo, dimenticando qualsiasi disputa terrena del passato. Sembra quasi di ascoltare Dante dire: “Perché l’Italia non si comporta in questo modo?”. Ed è inevitabile il paragone con il canto VI dell’Inferno, il canto in cui Ciacco mette in luce l’estrema conflittualità tra fazioni che lacera l’Italia (in particolare Firenze) e la allontana dalla pace. Dante è estremamente deluso, il suo desiderio è ciò che più si allontana dalla realtà; “Molti son li animali a cui s'ammoglia e più saranno ancora, infin che'l veltro verrà, che la farà morir con doglia”.

Il Veltro con cui Dante si presenta nella sua Commedia, il portatore dell’ordine, riformatore mandato da Dio, il distruttore della “lupa” cupidigia, resta un’utopia, non si manifesta e nel suo percorso Dante arriva a domandarsi se Dio stia effettivamente prestando attenzione all'Italia (sempre nel fondamentale canto VI). Per questo Dante apprezza ogni sprazzo di vitalità, ogni carattere positivo anche in soggetti poco vicini alla sua idea di uomo ideale, qualsiasi luce è un’enorme speranza per Dante, che vorrebbe riformare l’umanità intera. Basta guardare Catone, non solo pagano, ma repubblicano e addirittura suicida. Perché Dante avrebbe dovuto sceglierlo per un ruolo così importante come il guardiano del Purgatorio? Sicuramente per la sua severità e rigore morale e spirituale derivati dallo stoicismo, ma soprattutto per la sua estrema difesa della libertà personale.
Egli, essendo sfuggito a Cesare togliendosi la vita, rappresenta la libertà dal peccato che le anime del Purgatorio stanno cercando di raggiungere e la determinazione che ogni Italiano dovrebbe possedere. Dante è strabiliante in questo suo modo di oltrepassare le sue convinzioni, non solo senza eliminare un personaggio a prescindere, ma anche e soprattutto attribuendo loro delle posizioni fondamentali. Anche Manfredi, sebbene abbia commesso orribili peccati, nel canto III del Purgatorio viene esaltato da Dante per il suo pentimento. Tuttavia, la sua funzione più importante è quella di spostare l’attenzione sulla critica alla Chiesa: mentre essa pretende di rappresentare Dio in terra, è invece in una posizione molto più bassa, non solo in quanto terrena, ma anche in quanto incapace di perdonare. La Chiesa, infatti, non ha perdonato i peccati di Manfredi, mentre Dio l’ha fatto, mandandolo nel Purgatorio. Questi personaggi sono spesso affiancati a diverse apostrofi, invettive nei confronti dell’Italia che risultano violente e decise. Sicuramente notiamo una differenza tra Inferno e Purgatorio: nella prima cantica le invettive sono dirette principalmente a Firenze, con la quale Dante ha un contatto più profondo; nella seconda cantica, invece, sebbene Firenze sia ancora presente, le apostrofi sono dirette in generale all'Italia. Vediamo, per esempio, l’apostrofe del canto VI del Purgatorio: “Ahi serva Italia, di dolore ostello, nave sanza nocchiere in gran tempesta, non donna di province, ma bordello!” (con quale veemenza di parole, inoltre, Dante si discosta dal suo solito poetare, per uno scopo che vuole raggiungere fortemente) messa in contrapposizione con, per esempio, l’apostrofe del canto XXVI dell’Inferno: “Godi, Fiorenza, poi che se’ sì grande che per mare e per terra batti l'ali, e per lo ’nferno tuo nome si spande!” (da notare l’ironia aspra con cui Dante rimprovera la sua patria dopo aver incontrato i “consiglieri fraudolenti” Ulisse e Diomede). Insomma, sicuramente il Purgatorio e l’Inferno sono diversi nella loro grande somiglianza. Sebbene in modo differente rispetto all'Inferno, nel Purgatorio Dante mostra chiaramente il suo pensiero politico, utilizzando con intelligenza ed inerenza i personaggi politici principali del suo tempo.

Hai bisogno di aiuto in Articoli di giornale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email