Genius 13144 punti

Macchina a vapore

Una delle principali invenzioni che resero possibile la rivoluzione industriale fu la macchina a vapore, un motore che utilizzava l’energia del vapore per produrre movimento e quindi svolgere un lavoro. Già dal Seicento erano state utilizzate macchine a vapore, in particolare per azionare pompe aspiranti in grado di svuotare le miniere allagate dall’acqua che si infiltrava nel sottosuolo.
Il modello di macchina a vapore realizzato dall’inventore inglese James Watt (1736-1819) si rivelò particolarmente efficace, in quanto in grado di sfruttare l’energia del vapore molto meglio dei modelli precedenti.

La macchina a vapore ebbe perciò un’ampia diffusione e nel corso del Settecento furono costruiti circa 2500 motori di questo tipo sia per azionare le pompe idrauliche sia per far funzionare altre macchine. Essa venne anche applicata ai battelli (navi a vapore nel 1783), ma in questo campo divenne di uso comune solo nel corso dell’Ottocento.

La macchina a vapore fu il principale motore utilizzato in questo periodo, ma non l’unico: l’energia idraulica continuò ad essere sfruttata e in questo settore diverse invenzioni, tra cui un nuovo tipo di ruota da mulino (Smeaton) e più tardi la turbina idraulica (Fourneyron, 1837), permisero di sfruttare meglio l’energia dell’acqua.

[img]http://http://www.bassilo.it/area_alunni/appunti_di_scienze/macchina.gif[/img] immagini della macchina a vapore delle origini.
[img]http://http://www.comune.costigliolesaluzzo.cn.it/scuola_piasco/sm_costigliole/a_s_2009_2010/ricerca_tecnica_giorgia_demichelis/macchina-a-vapore-xviii-secolo.jpg[/img]

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017