pexolo di pexolo
Ominide 10532 punti

Girolamo Segato


Girolamo Segato, l’uomo che potrebbe trasformare la materia organica in pietra.
Girolamo Segato fu uno dei naturalisti più controversi del XIX secolo (1792/1836).
Era un cartografo, naturalista e sperimentatore, tipico del periodo illuministico, vale a dire curiosi e amanti della scienza.
Le preparazioni del metodo che ha usato rimangono ancora oscure. “Qui si trova il decaduto Girolamo Segato di Belluno, che potrebbe essere stato totalmente pietrificato se l’arte non fosse morta con lui ...”. Quella è l’epitaffio su è tomba.
Nato nel 1792 a Vedana, vicino a Belluno, durante la vita ha viaggiato spesso in Egitto per studiare le mummie dei faraoni antichi.
La sua attività di trasformare in pietra i corpi non è stata accettata dalle autorità ecclesiastiche.
Il suo esemplare più importante è il capo di una giovane femmina. In una lettera di Domenico Pellegrini possiamo leggere: “La testa apparteneva ad una povera donna di 25 anni che dopo aver sofferto di tubercolosi [...] morì dopo 18 giorni di agonia. La testa è stata sottoposta alla procedura, in modo che possa rimanere nella stessa condizione di quando è stata ottenuta da Segato: [...]”.
Per ottenere un riempimento completo del letto vascolare iniettato prima della coagulazione post mortem e quindi in una testa prelevata da un corpo "fresco" e non da un cadavere in rigor mortis.
Il primo gruppo è rappresentato da campioni anatomici secchi con iniezione vascolare.
Il secondo gruppo di esemplari è paragonabile a preparazioni pergamene.
L’ultimo gruppo comprende i pezzi “pietrificati” e sono i più difficili da spiegare.
Altre tecniche di mummificazione sono note e si basano sull’uso di sali di Arsenico, Silicio, Alum, Calcio e altre sostanze, ma i risultati non sono comparabili a quelli di Segato. Studi preliminari sembrano escludere la presenza del Silicio.
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove