Mongo95 di Mongo95
Ominide 6474 punti

Alla morte di Oliver, suo figlio tenta di prendere in mano il potere, ma i nobili che erano parlamentari in epoca di Carlo I si fanno sentire con maggiore forza, si autoconvocano e chiamano sul trono Carlo II (1660-1685). Si tratta della restaurazione sia del Parlamento che della Monarchia, il primo composto dagli stessi membri di quello di Carlo I. Carlo II è però un monarca che viene chiamato sul trono dal suo Parlamento, e non viceversa, quindi è un po’ come se non ci fosse stata nessuna interruzione “repubblicana”.
Carlo II è uno Stuart, che come il padre Carlo I eviterebbe volentieri la collaborazione con le Camere. È protestante, sposato con una cattolica, e gli si presenta subito il problema della successione: bisogna evitare che salga al trono suo fratello cattolico Giacomo. Quindi cerca di far approvare delle leggi in questo senso. Alcune vengono approvate dai Comuni, ma nessuna dai Lords.

Nel 1685 è sul trono quindi Giacomo II (1665-1688), uno Stuart cattolico. Egli non solo continua la politica dei suoi predecessori nei confronti del Parlamento, ma è anche molto favorevole ai cattolici, dopo quasi un secolo di politiche che andavano in senso contrario. Lo scontro con le Camere è doppiamente aspro, al punto che Giacomo si vede costretto alla fuga nel 1688.
Il Parlamento chiama sul trono il genero di Giacomo, Guglielmo d’Orange, marito di Maria, sorella di Anna. Sono tutti e tre protestanti. Si tratta di un cambiamento di sovrano senza alcuno spargimento di sangue, che viene quindi ricordato come la Gloriosa Rivoluzione.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze