Mongo95 di Mongo95
Ominide 6474 punti

Nella seconda metà del regno di Enrico VIII sorgono però due problemi, strettamente correlati: la successione al trono e la riforma protestante.
Enrico aveva sposato Caterina d’Aragona, moglie vedova di suo fratello. Quindi già per poterla sposare si era dovuto rivolgere al Papa, che aveva concesso il matrimonio. Però Caterina non riesce a dargli un erede maschio, ma nel 1516 arriva Mary. Allora Enrico si allontana dalla moglie, a favore della cortigiana Anna Bolena. Inizia quindi a richiedere al Papa di annullare il precedente matrimonio (prima che la stessa Bolena gli dia soltanto una figlia femmina, Elisabetta), ma questi esita. Dunque Enrico impegna Wolcey, ma anche egli fallisce. Per questo nel 1519 decade da Lord, viene posto sotto accusa, arrestato e muore prima del processo. Per alcuni anni non esisterà una figura simile. Nel 1532 viene nominato Thomas Cromwell, che vantava ottimi legami con il Parlamento, utilizzati per avvicinarlo al re. Anche se in ogni caso il Parlamento non era ancora entrato in spirito di competizione con la monarchia. Avendo ora il sostegno del Parlamento, Enrico lo tiene apposta aperto 7 anni, facendogli votare tutta una serie di leggi che portando alla “riforma inglese”: rottura con la Chiesa di Roma e istituzione della Chiesa anglicana, che segue i movimenti riformatori vivi in Europa.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze