Sapiens Sapiens 13859 punti

La guerra franco-olandese (1762-1678)

Da tempo la Francia preparava la guerra contro l’ Olanda che scoppiò nel 1672 con un attacco coordinato della flotta inglese di Carlo II e delle truppe francesi comandate da Condé, Vauban e Turenne. Queste ultime invasero il territorio olandese e la repubblica olandese, essendo impreparata militarmente, sembrava essere destinata ad essere completamente sopraffatta. Il governo di Giovanni De Witt, penso di rispondere al pericolo rompendo le dighe che nel tempo erano state costruite per strappare la terra al mare: le acque invasero la campagna rendendo difficoltosa l’ avanzata francese, ma nello stesso momento distrussero il lavoro compiuto da tante generazioni. Questo fu la causa di una rivolta popolare che portò all’abbattimento del governo De Witt il quale fu massacrato dalla folla inferocita. La resistenza fu affidata a Guglielmo III d’ Orange che all’epoca aveva solo 22 anni. Egli riuscì a contenere l’avanzata francese e contemporaneamente fu capace di creare una coalizione anti francese di cui facevano parte i due rami degli Asburgo di Spagna e d’Austria, la Danimarca e il Brandeburgo. Carlo II, spinto dall’opinione pubblica inglese che era sempre stata contraria ad appoggiare la Francia ma favorevole a sostenere i gli Olandesi perché professanti la stessa religione, si ritirò dalla guerra e Luigi XIV rimase solo con la Svezia..
La guerra inizio ad espandersi in tutta l’Europa dove i francesi si trovarono ad affrontare truppe spagnole, truppe tedesche ed austriache. Nel Mediterraneo, la Francia corse in aiuto a Messina che si era ribellata contro la spagne e sconfisse le truppe spagnole ed olandesi congiunte a Lipari e a Augusta, mentre nella regione del Baltico, l’esercito del Brandeburgo sconfiggeva quello svedese anella battaglia di Fehrbellin, nel 1675. La Turchia approfittò del conflitto franco-olandese per attaccare di nuovo l’Ungheria asburgica e questo fece decidere l’imperatore ad uscire dalla guerra e concludere la pace di Nimega (1678)
La pace di Nimega fu punitiva soprattutto nei confronti della Spagna che dovette cedere altre zone delle Fiandre e la Franca Contea. L’Olanda ottenne che la Francia annullasse il protezionismo attuato da Colbert nei suoi confronti. Poco dopo ebbe termine anche il conflitto che vedeva coinvolte la Danimarca, la Svezia ed il Brandeburgo senza che ci fossero state modifiche territoriali.
Gli anni che seguirono la pace di Nimega videro il trionfo incontrastato della monarchia francese.
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email