Mongo95 di Mongo95
Ominide 6472 punti

Decreto


Una volta varata, la si sarebbe dovuta tradurre in istituzioni concrete, quindi indire nuove elezioni, con la Convenzione che si sarebbe dovuta fare da parte. Ma Robespierre blocca immediatamente questa possibilità dall’interno del Comitato di salute pubblica, perché la Francia è ancora in stato di rivoluzione e in una situazione di guerra. Il 10 ottobre 1793 Saint-Just, portavoce del Comitato, afferma alla Convenzione che non è possibile dare attuazione alla Costituzione, perché le leggi sono sì rivoluzionarie, ma non lo sono coloro che le eseguono. Non ci si fida a lasciare la nuova Carta in mano a qualcun altro, per lo meno finché il Sovrano non sarà stato in grado di annullare la minoranza di fede monarchica ancora presente nella società. La patria è in pericolo, e non si può sospendere la sua difesa per dar corso alle procedure elettive e all’insediamento delle nuove istituzioni, operazioni che avrebbero lasciato la Francia momentaneamente senza Governo. Ora non bisogna però soltanto “punire” chi si oppone, ma anche chi no fa nulla per aiutare la patria in pericolo.
Però la Costituzione giacobina non verrà mai attuata. La Convenzione in questa sua seconda fase si svolgerà sempre sotto la potestà del Comitato di salute pubblica, in cui viene concentrato tutto il potere dello Stato. il 4 dicembre 1793 si ha il decreto “Sui modi di esplicarsi del governo provvisorio e rivoluzionario”, con cui il Comitato autoproclama il proprio ruolo di governo, in stretta connessione con la Comune di Parigi, sostenuta in quel momento dai sanculotti, il ceto più basso della popolazione (“proletari” cittadini). Vengono requisiti i beni di prima necessità, da ridistribuire poi a tutto il popolo. Nessuno potrà rifiutarsi di essere arruolato. Il Comitato nomina agenti nazionali nei territori, a livello di Distretto e Dipartimento.
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze