Mongo95 di Mongo95
Ominide 6475 punti

La legge è uguale per tutti e che tutti sono uguali di fronte alla legge. Non si possono discriminare gli individui al momento di creazione della legge, e nel momento del giudizio. Tutti hanno diritto ad accedere agli uffici pubblici, che diventano elettivi. La Dichiarazione allo stesso tempo si preoccupa di tutelare gli individui di fronte al potere pubblico e anche di chiarire chi è sovrano. Non si parla mai invece di che deve eseguire la legge, solo di chi la fa. Chiaro è che non è la stessa entità, come accadeva in precedenza col Re. Garanzia dei diritti e principio di separazione dei poteri, solo così uno Stato può avere una costituzione (nella sua duplicità di documento scritto e metodo di organizzazione e strutturazione). In questo momento ci si limita a fissare questi concetti, ma non si sa ancora come si andranno ad applicare concretamente, come si esplicheranno. È un po’ quello che accade nella coppia Costitution-Bill of Rights, organizzazione dello Stato e garanzia dei diritti. Affermazione dei diritti e allo stesso tempo il diritto dell’assemblea di metterli per iscritto e identificarli, per poi agire nella creazione di leggi che li tutelino. Appena redatta, la Dichiarazione viene trasmessa al Re affinché la approvi, per poi essere incorporata nella Costituzione del 1791.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze