Video appunto: Francia: l'era della rivoluzione

Francia: l'era della rivoluzione



L'era della rivoluzione



Con la dichiarazione di indipendenza americana, George Washington divenne il primo presidente degli Stati Uniti. La perdita delle colonie americane fu una conseguenza della sua indipendenza. Per questo motivo questo periodo è spesso chiamato "l'era delle rivoluzioni", in particolare con la rivoluzione industriale.

Fu un processo che trasformò la Gran Bretagna da paese agricolo a paese industriale. Ci furono aspetti positivi, invenzioni tecnologiche e la comunicazione fu migliorata. Ma le condizioni di lavoro erano pessime e lo stipendio molto basso. Inoltre i campi aperti erano chiusi, quindi era molto difficile per la gente povera, che non possedeva la terra. La conseguenza fu il pauperismo, (impoverimento) che costrinse la popolazione rurale a trasferirsi nelle città per trovare lavoro (urbanizzazione).

La rivoluzione francese



In Britannia, la Rivoluzione Francese, ebbe molti sostenitori, soprattutto tra i poeti romantici, ma in seguito molti pensatori cominciarono a temere (paura) che il terrore potesse indirizzare in Britannia. La Rivoluzione francese fu guidata da Napoleone, che fu sconfitto dalla Britannia a Trafalgar, più tardi a Waterloo.

Libero commercio e repressione politica



Giorgio IV era un re impopolare, ma comunque aveva molti sostenitori chiamati "Nuovi Tories". Durante il suo regno il figlio di William Pitt divenne primo ministro e divenne conservatore. Fu influenzato da Adam Smith, così propose la fine della regolamentazione del commercio da parte del governo. Dopo la Rivoluzione Francese si ritirò, e divenne uno statista molto più conservatore.

Il radicalismo in Gran Bretagna



Il governo Tory era contro gli scritti rivoluzionari, e gli editori limitavano la loro libertà di parola. Nel frattempo, molti lavoratori erano preoccupati per l'introduzione di nuove macchine, perché le macchine causavano disoccupazione. Questo portò alle rivolte luddiste, che presero il loro nome da Ludd, un eroe che distrusse un telaio di potenza (telaio) per protesta. Il luddista iniziò a distruggere le macchine a Nottingham e il movimento fu diretto in Inghilterra. Un'altra battaglia fu il massacro di Peterloo, dove molte persone morirono nel campo di San Pietro. La tragedia era un riferimento ironico alla battaglia di Waterloo.

La strada della riforma



Il periodo tra il 1811 e il 1820 fu chiamato la Reggenza. Dopo la morte di Giorgio III, suo figlio divenne re e fu chiamato prima Principe Reggente e poi Giorgio IV. Durante il suo regno, i sindacati furono legalizzati e il sistema carcerario fu riformato. A Giorgio IV successe Guglielmo IV, e questo fu un periodo di importanti riforme. Ci fu la Prima Legge di Riforma, che estese la possibilità di votare agli uomini della classe media, mentre il parlamento era comunque controllato dalle alte sfere.