Mongo95 di Mongo95
Ominide 6474 punti

La Convenzione

Ultima mossa dell’Assemblea legislativa è la sospensione del Re dalle sue funzioni. Sentendosi però privata di qualsiasi potere, indice elezioni per una Convenzione nazionale. Le elezioni sono a suffragio universale, per tutti i cittadini di 25 anni, indipendentemente dal censo (ma anche ora l’affluenza è bassa). Si mantengono però i due gradi di elezioni. La nuova assemblea si insedia il 21 settembre 1792 e per prima cosa proclama la Repubblica di Francia. È ispirata alla Convenzione di Filadelfia, un’assemblea autoconvocatasi che aveva scritto al Costituzione. Quindi il suo scopo è riscrivere una seconda costituzione, dato che la precedente era stata travolta insieme alla sua Assemblea dalla violenza rivoluzionaria e dalle contrapposizioni politiche. Il compito della Convenzione sarebbe stato di esercitare il potere legislativo così come quello esecutivo, cercando un modo di sostituire il Re. Si dà il via al calendario repubblicano, emblematico inizio di un momento completamente diverso in cui il Re non esiste più e la Convenzione riusce a sé tutti i poteri, in quanto nata per difendere le conquiste della rivoluzione, nel nuovo periodo repubblicano.
Questa istituzione di 749 membri dura fino al 1795, periodo che può essere diviso in varie fasi in base alla maggioranza politica che si riscontra di volta in volta.
Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Calendario Scolastico 2017/2018: date, esami, vacanze