Genius 13144 punti

Fortezze e Eserciti

Durante l’età moderna i progressi nell’artiglieria trasformarono profondamente la guerra, sia in terra sia sull’acqua. Per resistere alle cannonate vennero costruite in gran numero fortezze d’artiglieria, dotate di mura molto spesse e di cannoni in grado di colpire tutta l’area circostante. Fortezze d’artiglieria sorsero sia in Europa sia nei domini europei d’America e d’Asia. A causa della costruzione di fortezze d’artiglieria, gli assedi divennero più lunghi e richiesero un vasto spiegamento di forze. Anche la difesa delle fortezze richiedeva un gran numero di soldati e non era raro che quasi la metà dell’esercito di uno Stato fosse impegnato nella difesa delle fortezze.

La composizione degli eserciti si trasformò e la fanteria (l’insieme dei soldati che combattevano a piedi) venne armata con archibugi e fucili che sostituirono le picche. Molto spesso i soldati erano impreparati e non erano in grado di usare in modo efficace le nuove armi. Poiché l’addestramento delle reclute (i nuovi soldati) non sempre era sufficiente, molti Stati fecero ricorso a mercenari stranieri bene addestrati: nel 1648, su 70.000 soldati dell’esercito svedese in Germania, solo 18.000 erano svedesi.

Le armi da fuoco trasformarono anche la guerra sui mari, perché le navi vennero dotate di pezzi di artiglieria. I cannoni potevano essere caricati solo su navi abbastanza grandi da reggerne il peso e per muovere queste navi, appesantite dall’artiglieria, erano necessari remi di grandi dimensioni, mossi da tre o più uomini. Questo comportò un aumento dell’equilibrio dell’equipaggio delle navi e di conseguenza si ridusse lo spazio per imbarcare provviste: essendoci più uomini e meno scorte alimentari, nei lunghi viaggi acqua e cibo iniziavano facilmente a scarseggiare. Quindi per le flotte era difficile agire molto lontano dalle loro basi di rifornimento.
L’aumento del numero di navi e delle loro dimensioni richiese un maggiore numero di marinai, ma questo pose un nuovo problema: in mancanza di volontari, i marinai erano spesso arruolati in modo forzoso, quando non erano prigionieri condannati a scontare la loro pena come rematori sulle navi.


Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
I Licei Scientifici migliori d'Italia secondo Eduscopio 2017