Ominide 320 punti

L'idea iniziale di Cristoforo Colombo era navigare verso ovest per arrivare in Oriente in tre settimane, ma fece degli errori di calcolo con D. Toscanelli sottostimando il globo terrestre. Si propose al sovrano che rifiutò di finanziargli il viaggio, invece Isabella di Castiglia accettò, nonostante l'università di Salamanca glielo avesse sconsigliato. Ispiratosi a Marco Polo, Colombo voleva trovare le spezie e bandire una crociata. Nell'agosto del 1492 partì con tre caravelle da Palos, ma dopo tre settimane non era arrivato ancora a destinazione. Ad ottobre sbarcò alle Bahamas credendo di essere arrivato in Cina, aveva persino una lettera pronta per il Gran Kan cinese, che faceva parte di una vecchia dinastia (l'Europa non era a conoscenza del cambio dinastico cinese). In realtà arrivò a Tainos, civiltà che a Colombo ricordò Adamo ed Eva perché sostenuta da agricoltura, pesca e caratterizzata dalla mancanza di vestiti. In seguito trovò Haiti, chiamata da lui Hispaniola. Nel 1493 ritornò in Spagna senza l'oro, ciò gli provocò una minore fiducia datagli in precedenza dalla Spagna. Tornò indietro convinto di aver raggiunto l'Oriente, con persone che intendevano stanziarsi. Nell'ultimo viaggio arrivò in Nicaragua, Honduras e Panama. Avendo già perso credito venne accusato di non aver saputo gestire in modo adeguato il rapporto Tainos-Spagnoli, poiché complicato per le derisioni fatte dagli Spagnoli alle donne dei Tainos. Nel 1506 morì in disgrazia.

Hai bisogno di aiuto in Storia Moderna?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email