Ominide 2537 punti

Dal secolo XI al Concordato di Worms

Nei secoli X-XI il potere in Europa è spartito fra un alto numero di signorie locali. Si assiste a un rafforzamento di alcune dinastie monarchiche, soprattutto di origine normanna. Tra il XI e il XIII si assiste a un progressivo inquadramento dei signori territoriali entro un ordine feudale. Nel 1037 viene pubblicato l’editto imperiale Constitutio de feudis, con il quale si garantisce l’ereditarietà dei feudi minori. Nel 1066 il duca normanno Guglielmo conquista l’Inghilterra e ne diventa re. Nel 1130 il normanno Ruggero II d’Altavilla fonda il regno di Sicilia. Nel 1154 la dinastia francese dei Plantageneti accede al trono di Inghilterra. L’arco temporale che va dal 910 e al 1122 vede la riforma della Chiesa: l’imperatore dell’impero romano-germanico elegge il papa e nomina i vescovi. Da qui segue la diffusione di corruzione nelle gerarchie ecclesiastiche. I papi riformatori sottraggono l’elezione papale all’imperatore ed al popolo romano e lo affidano al collegio dei cardinali.La corrente ecclesiastica filo-imperiale vuole mantenere la nomina delle cariche vescovili nelle mani dell’imperatore. Con il concordato di Worms si arriva ad un compromesso tra le pozioni imperiali e quelle papali, con una doppia e diversa investitura, una laica e l’altra ecclesiastica dei vescovi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità