Tutor 42751 punti

descrizione della vita e delle imprese di Guglielmo il Conquistatore

Guglielmo I il conquistatore


Guglielmo I - detto anche Guglielmo il conquistatore - era il figlio del re Roberto I di Normandia e fu anche un personaggio storico molto conosciuto e importante nel contesto europeo occidentale. Ebbe un ruolo politico che nelle linee generali fu molto importante in epoca medievale. Egli era stato in grado di prendere il controllo della Corona inglese.

La sua vita e il suo operato


Egli, grazie al padre, ereditò il ducato di Normandia nel corso dell’anno 1035 e grazie anche al sostegno dell’allora re di Francia Enrico I riuscì a sedare una rivolta nella regione della Normandia nell’anno 1048. A sua volta, in virtù dell’alleanza con il re di Francia, l’aiutò a domare e a sottomettere il conte d’Angiò Goffredo Martello. Guglielmo divenne presto il più grande feudatario presente in territorio francese e fu anche invidiato per questo motivo e per il suo grande potere dal re francese. Presto però anche grazie alla sua grande influenza e a memorabili vittorie riportate come quella di Varaville e di Mortemer contro il re francese, riuscì a consolidare il suo grande potere.

Egli fece mostra di una grande abilità politica che l’avrebbe poi condotto a prendere il potere definitivo grazie al controllo della Corona inglese. Subito dopo la morte del duca d’Angiò, prese il controllo del territorio del Maine per consegnare poi il dominio territoriale nelle mani del signore Egberto. (alla morte di quest’ultimo però prese possesso totale ed esclusivo del territorio e ne divenne conte)
Era inoltre sposato con Matilde, la figlia di Baldovino di Fiandra, pertanto le sue mire - con la morte di Edoardo il Confessore avvenuta nel 1066 - erano volte alla presa del potere in Inghilterra, in cui dovette combattere contro Aroldo che rivendicava la successione al trono.

La presa del potere in Inghilterra e altre grandi imprese


Decisiva fu la grande battaglia di Hastings del 1066 in cui Guglielmo riuscì a distinguersi appoggiato da una grande Coalizione composta da personaggi influenti come ad esempio il papa e l’imperatore; grazie a questa battaglia fu incoronato a Westminster come re d’Inghilterra il giorno di Natale. (25 dicembre)
Grande suo merito fu quello di domare le rivolte anglosassoni. Grazie al suo operato, l’Inghilterra ebbe una vera e propria struttura feudale. Oltre a questo aspetto, Guglielmo il Conquistatore procedette anche alla riorganizzazione ecclesiastica, alla riforma religiosa e a quella amministrativa nel Paese. Grazie a questa riforma sul piano religioso, il clero inglese finalmente poté operare in grande autonomia e autorevolezza.

Gli ultimi anni del suo regno furono inoltre caratterizzati dal controllo territoriale dalle varie rivolte interne, come ad esempio quella portata avanti nel 1079 da suo figlio Roberto che voleva ottenere maggiore potere, non accontentandosi dell’amministrazione del ducato di Normandia e quella portata avanti da Oddone di Bayeux. Grazie alla sua grande forza, Guglielmo fu molto abile a sconfiggere entrambi, facendo anche imprigionare Oddone. Dopo avere sconfitto Filippo I, re di Francia, egli morì proprio per avere riportato delle gravissime ferite proprio contro il sovrano francese nel corso della battaglia di Mantes.

Hai bisogno di aiuto in Storia Medievale?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email