Il teatro


Nelle poleis c'erano i teatri, nei quali, prima degli spettacoli nelle feste religiose, i Greci, offrivano un sacrificio agli dei.
Nei teatri venivano rappresentate le tragedie e le commedie, molte delle quali sono arrivate anche a noi.
Le tragedie erano serie e le commedie trattavano argomenti di vita quotidiana. Gli spettacoli si succedevano dall'alba al tramonto.
La commedia aveva funzione di intermezzo comico. Gli spettatori dovevano portarsi da casa cibo e bevande. Solamente gli uomini potevano recitare, essi indossavano maschere, di conseguenza le parti femminili venivano interpretate dagli uomini.
Oltre agli attori principali vi era il coro, formato da un gruppo che aveva il compito di commentare ciò che accadeva. Gli spettacoli venivano accompagnati dalla musica e si svolgevano in un luogo piano e circolare che veniva chiamato orchestra.
Venivano affrontati argomenti mitologici nelle tragedie, mentre nelle commedie si parlava di attualità. Solitamente venivano presi in giro gli uomini politici e si criticavano le opinioni diffuse.
Nel 472 a.C. venne affrontata la battaglia di Salamina nella messa in scena dei Persiani di Eschilo.
Le altre opere di Eschilo trattavano vicende prese dalla grande tradizione dei miti greci (Sofocle, Euripide).
Le commedie di Aristofane trattavano argomenti politici e di attualità, egli mise in ridicolo gli uomini politici del tempo e le opinioni diffuse della gente.
Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
Registrati via email