Le poleis

Le poleis risiedevano su tutta la attuale grecia e in più avevano colonie in sud italia e sulle coste del mar Nero; poiché c’erano molti promontori lì furono fondate le acropoli, sedi di templi e mura fortificate. Avevano un Consiglio che proponeva leggi (Gherusia per Sparta e Boule per Atene), un’assemblea che decideva se accettarle o no (ekklesia per Atene e Apella per Sparta) e due re che le eseguivano. A Sparta c’erano anche cinque efori, che controllavano che tutto rispettasse la Costituzione. A eccezione di Sparta, fu instaurata nel VI sec.
La tirannide, un governo che favoriva i poveri, ma impediva alla gente di votare nelle agorà. Perciò alla fine del VI secolo furono abbattute con violenza. Mentre ad Atene succedeva ciò, Sparta aveva sottomesso gli iloti ( messeni), i quali dovevano tutto alla metropoli e se si ribellavano gli opliti li uccidevano. Gli unici luoghi dove potevano sentirsi “persone” erano i santuari dove si riunivano e pregavano tutti insieme un dio( anfizionia) o ai giochi olimpici, dove atleti di tutta la Grecia si riunivano per gareggiare.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email