Genius 41987 punti

La terra tra i due fiumi


La Mesopotamia è la regione percorsa dal Tigri e dall'Eufrate, due grandi fiumi che sfociano nel golfo Persico. Essa è priva di montagne e di altre difese naturali, e costituisce un punto di passaggio tra l'Asia,l'Arabia e l'Africa.
Oggi la regione è in gran parte desertica, ma anticamente l'abbondanza d'acqua rendeva la terra assai fertile.
L'irrigazione delle terre in Mesopotamia fu soprattutto opera degli uomini, che vi costruirono sia canali per rifornire di acqua i campi nei periodi di siccità sia argini per controllare le ricorrenti piene dei fiumi.

La Mesopotamia fu anche chiamata la terra dell'argilla, delle canne e del bitume, materiali naturali abbondanti e facilmente disponibili. Canne, argilla e bitume furono utilizzati per costruire le capanne, le case e i grandi edifici (templi, palazzi); d'argilla, inoltre, erano le tavolette e i cilindri usati per scrivere; sì sono così conservati interi archivi delle antiche civiltà mesopotamiche.
Un esempio sono due statuette sumeriche raffiguranti persone che pregano. Statuette come queste venivano lasciate nei templi per ricordare agli dei le preghiere di chi le aveva portate.

La Mesopotamia era invece priva di legname, pietra e metalli, che doveva far venire da altri Paesi, scambiandoti con i propri prodotti.

Argilla = roccia formatasi in seguito al consolidamento del buio alluvionale.
bitume = miscela di catrame, zolfo, sego, idonea a tenere unite e a rendete impermeabili le superfici su cui si applica.
Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email