Genius 7419 punti

Sul piano finanziario la corona inglese poteva contare su un’autonomia abbastanza scarsa perché gran parte delle risorse provenivano dai beni beni della Chiesa. Si era stabilito un compromesso tra corona e parlamento infatti le classi rappresentate nella camera dei comuni erano disposte ad accettare ed appoggiare le scelte politiche e religiose del re solo a condizione che permettesse loro di governare le campagne e la città. La società inglese nell’età di Elisabetta e Stuart può essere rappresentata come un sistema a sei gradini e due piani. A Elisabetta successe Carlo I Stuart che realizzò l’unificazione dell'Inghilterra e della Scozia. L’economia inglese nei primi anni del 1600 era in espansione. L’espansione più importante si ebbe con Walter Raleigh.
In Inghilterra scoppiò una rivoluzione divisa in quattro fasi. La prima (1642-1649) causò la fuga del re da Londra dove militavano due partiti, nel primo militava l’aristocrazia e l’apparato della chiesa anglicana. Dall’altro la cavalleria passò dalla parte del re Carlo. Dopo i primi successi della coalizione del re, l’esercito degli oppositori conseguì alcune vittorie grazie all’alleanza con la Scozia e alla formazione della Nuova armata composta da volontari e non da mercenari. La seconda fase è caratterizzata dalla decaduta della monarchia e del Parlamento dichiarata da Cromwell e dal Parlamento, abolendo la Camera dei Lord, salvaguardando la libertà religiosa e l’indipendenza della Chiesa e dello Stato. La terza fase è caratterizzata dalla scelta dei nuovi membri del Consiglio di Stato scelti da Cromwell, l’esercito ora era composto da fedelissimi militari di carriera ; la quarta fase vede il figlio di Cromwell che successe al padre nella carriera di lord non garantendo più la sicurezza dei ceti aderenti.

Nel 1660 un esercito marciava su Londra, restituendo i poteri al Parlamento. Con Carlo II Stuart tornò così la monarchia in Inghilterra. A Carlo II successe il fratello Giacomo II, il quale ristabilì rapporti diplomatici con Roma. Nel 1688 un piccolo esercito olandese sbarcò in Inghilterra senza incontrare resistenza con una bandiera con scritto pro-religione e libertate che sottolineava una quasi alleanza tra Inghilterra e Olanda . La popolazione olandese accolse l’esercito di Guglielmo III, il quale emanò il The Bill of rights che segnò la fine della monarchia assoluta. Dopo la tregua dei 12 anni con la Spagna, i Paesi Bassi si trovarono divisi in due parti, ovvero le Provincie Unite che avevano uno Stato indipendente e i Péaesi Bassi meridionali che appartenevano alla corona spagnola. I primi erano protestanti, i secondi erano gesuiti. La forza dell’Olanda era l’industria, infatti, gli olandesi controllavano anche il commercio degli schiavi neri.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email