Sapiens 7968 punti

L’impero macedone

Alla sconfitta dei Persiani da parte dei Greci seguì un periodo di contrasti tra le città greche. Atene cercò di rafforzare sempre più il suo dominio politico-militare sulle altre città. Nel timore di una nuova invasione dei Persiani, essa fondò la lega di Delo (477 a.C.), composta da città marinare greche, tenute a versare dei tributi che costituirono un enorme tesoro nelle mani degli ateniesi. La potenza di Atene raggiunse il suo apice con l’elezione a stratego, cioè capo dell’esercito, di Pericle.Egli riformò in senso ancor più democratico lo Stato, affermando la parità di tutti i cittadini ateniesi, senza distinzione di nascita e di ricchezze.
Il desiderio di imporre la propria egemonia al resto della Grecia riaccese il conflitto tra Atene e Sparta, che culminò nella lunga guerra del Peloponneso(431-404 a.C.). Essa si concluse con la definitiva sconfitta di Atene a opera di Sparta, alleata in questa circostanza con i Persiani.

Gli Spartani non avevano però forze sufficienti per poter mantenere il loro predominio su tutta la Grecia. Ne approfittò la città di Tibe , che, sotto il comando del generale Epaminonda, sconfisse l’esercito spartano a Leuttra (371 a.C.) e a Mantinea (362 a.C.).
Anche Tebe non ebbe forze sufficienti per dominare sulle altre città. La Grecia fu allora sempre più dilaniata da guerre e lotte civili. Ne approfittò lo Stato macedone, divenuto una grande potenza militare grazie a Filippo II. Quest’ultimo propose un’alleanza di tutti i Greci contro il tradizionale nemico, la Persia. Tale alleanza fu osteggiata dall’oratore Demostene, il quale scrisse contro di essa una serie di orazioni, le cosiddette” Filippiche“. Dopo la sconfitta a Cheronea (338 a.C.) di Atene e Tebe , alleate contro Filippo II, le città greche dovettero aderire all’alleanza proposta dal re macedone.
Nel 336 a.C. a Filippo 11 succedette il figlio Alessandro. Le sue imprese militari iniziarono con la sconfitta dei Persiani a Granico e a Isso nel 333 a.C. Da qui, conquistata la città fenicia di Tiro, si spinse in Egitto, dove fondò Alessandria.
Dopo la definitiva sconfitta (331 a.C.) dei Persiani, comandati da Dario III, a Gaugamela presso il fiume Tigri, Alessandro si dedicò alla creazione di un impero universale.
Alla sua morte (323 a.C.) seguì un lungo periodo di lotte interne tra generali e governanti per la spartizione del suo immenso territorio. Questo periodo si concluse con la formazione dei regni ellenistici di Macedonia ,Siria ed Egitto.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Maturità 2018: date, orario e guida alle prove