Ominide 390 punti

Federico Barbarossa - 1152 in poi




  • 1152: Federico Barbarossa diventa re di Germania
  • 1155: Barbarossa viene incoronato imperatore del Sacro Romano Impero a Roma

La borghesia si oppone al potere feudale

La rivoluzione agricola, la ripresa dei commerci e l’aumento demografico favorisce alle città di espandersi. Nelle città nascono quartieri chiamati borghi, i quali abitanti detti borghesi.
Nel XI secolo il ceto borghese si afferma come il vero cuore industriale e produttivo della città, e questo porta alla grande ripresa economica.
Nacquero delle insofferenze nei confronti dei feudatari: quest’ultimi non volevano solo gestire la vita politica, ma anche l’andamento di tutte le attività produttive. Pian piano, le città cominciarono ad organizzarsi come piccole realtà indipendenti, guadagnando una grande autonomia rispetto al potere feudale.


Concetti chiave:
  • Alcune città si associano in una lega commerciale (Hansa)
  • Nascono Comuni e Consorterie
  • Rinascono le corporazioni

I borghesi fondano i Comuni e si riuniscono nelle Consorterie

I borghesi fondano una nuova forma di governo autonoma: il Comune. Per cercare di difendersi dalle imposizioni dei signori feudali, i cittadini più importanti si riuniscono in assemblee dove si prendono le decisioni più importanti sulla comunità, le Consorterie.

I ceti sociali e l'economia

All’interno dei Comuni rinascono le corporazioni.
Il popolo era diviso in popolo grasso (borghesi, banchieri, imprenditori, mercanti, artigiani specializzati) e in popolo minuto (piccola borghesia, artigiani e commercianti). Il ceto medio era il più diffuso, mentre il più basso dei ceti era la plebe (contadini ed operai).


Concetti chiave:
  • Nascono Consoli, Podestà e Capitani del Popolo
  • Nascono le università

I Comuni e le loro fasi: Consoli, Podestà e Capitano del Popolo

I Comuni sono quasi completamente indipendenti dall’Impero. Il principale organo di governo è il Parlamento, o Arengo, l’assemblea di tutti cittadini nobili e borghesi che prende decisioni politico-economiche.
La prima fase è quella Consolare. Le funzioni governative furono affidate ai due Consoli, magistrati che l’Arengo sceglieva tra i suoi membri. Verificavano le leggi, comandavano l’esercito, amministravano la giustizia.
La seconda fase è quella Podestarile. Il podestà era un magistrato unico scelto tra i membri dell’Arengo di un altro Comune: questi infatti, essendo straniero, poteva governare in modo più equilibrato.
L’ultima fase è quella Popolare. Il Capitano del Popolo fu il primo passo del popolo minuto nel campo politico. Egli affiancava il Podestà e rappresentava il popolo. Controllava che le leggi non andassero contro gli interessi della popolazione.

Fioriscono gli studi e nascono le università

A partire dal XI secolo si fondano scuole private (guidate inizialmente da membri del clero, in seguito dal Comune) e università, libere associazioni di studenti ed insegnanti. La prima università italiana fu fondata a Bologna nel 1088.
Nelle università si studiano materie come il diritto, la filosofia, la medicina e la teologia, utilizzando il latino come lingua universale.
Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email