Genius 7419 punti

Il 1600 è considerato periodo di crisi a causa ell’epidemia e carestia anche se ci fu un incremento della popolazione anche se la nazione non riusciva a garantire occupazione e produzione. La guerra dei 30 anni fu un fattore fondamentale per le epidemie e si ebbe anche un aumento del costo di lavoro e del raffreddamento del clima . Furono sfondate le prime industrie siderurgche era soggetto a continui sbandamenti . Durante il regno di Filippo III si ebbero importanti mutamenti a livello politico infatti si incrementò il rapporto tra sovrani e consiglieri. La spagna oltre alle lotte contro francesi, olandesi e tedeschi dovette affrontare anche una grandissima crisi interna come quella in Catalogna che si alleò con la Francia. Così la Spagna firmò una pace con gli olandesi potendo così risolvere la crisi napoletana.
La guerra dei 30 anni fu un conflitto in cui si scontrarono due civiltà religiose da un lato i protestanti e i cattolici . Questa fu una guerra internazionale in cui combattevano da una parte Austria e la spagna e dall’altra parte gli stati germanici dell’unione evangelica. La guerra dei 30 anni si divide in tre fasi . La prima è quella danese dove c’era uno stato solido e il sovrano Cristiano IV aveva l’ambizione di espandersi scendendo in guerra contro l’Impero. La seconda fase, quella svedese, vedeva la volontà espansionistica della Svezia che si spinse fino in Germania occupando monaco da cui dovette ritirarsi alla morte del sovrano . La terza fase quella francese vede francia svezia e olanda contro spagna e impero da cui derivò la pace tra spagna e olanda dove viene riconosciuta l’indipendenza. Nel 1648 la guerra finì con la pace di versavia sottoscritta tra impero francia e svezia , questa pace stabiliva che i proncipi potevano scegliere la religione dello stato e che i sudditi potevano seguire la religione delle proprie famiglie

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email