fla.14 di fla.14
Ominide 12 punti

-La crisi del dopoguerra
La situazione economica e sociale italiana del dopoguerra non era buona, anche se era uno degli Stati vincitori. I maggiori disagi, creati dall'inflazione, aumento dei prezzi, causata dalle spese elevate sostenute dallo Stato.
Poi c'era la disoccupazione. Durante la guerra, molte industrie produssero armi, poi dopo si dovettero riconvertire alle loro produzioni originali.
Per questo, i primi anni del dopoguerra in Italia furono caratterizzati da proteste e tensioni sociali.
-Proteste degli operai
Nei primi anni del dopoguerra gli operai cercarono di reagire alla crisi, formando dei sindacati e dando vita a scioperi e manifestazioni per chiedere l'aumento dei salari e la diminuzione dell'orario di lavoro.

-Proteste dei contadini
Era stato promesso ai contadini arruolati nell'esercito, che dopo la vittoria,
avrebbero avuto una terra da coltivare. Promessa non mantenuta, i,n molti casi i contadini cominciarono ad occupare le terre.
-Ceto medio
Nel ceto medio c'erano differenti gruppi sociali tra cui: impiegati, che erano in situazione molto simile a quella degli operai, ma non avevano dei sindacati, i commercianti e professionisti.
Il ceto medio aveva posizioni politiche di destra, quindi c'era ostilità con le proteste operaie e il movimento socialista.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email