Genius 44615 punti

Dei e sacerdoti nella religione sumerica


I Sumeri erano politeisti, credevano cioè in molti dei, che simboleggiavano le grandi forze della natura, del cielo e della terra. Gli dei più importanti erano:
• il dio Enki, che donava le acque del Tigri e dell'Eufrate;
• la dea Tiamat e il dio Aspu, signori rispettivamente delle acque dolci e di quelle salate, dalla cui unione nascevano gli dei;
• Enlil, dio del vento e della terra, che aveva creato i Sumeri;
• Nanna, il dio della luna.


Secondo la religione sumerica, all'origine dell'universo c'era un insieme caotico di forze, che gli dei ordinarono creando la terra, il cielo e l'uomo. Gli uomini tuttavia commisero gravi colpe e gli dei li punirono con un grande diluvio che spazzò via ogni cosa. Salvarono un solo uomo, il giusto Utnapishtim, che avvertirono prima del i diluvio affinché potesse mettersi in salvo su una barca. Come si vede, questo racconto ha molti punti in comune con quello dei diluvio universale contenuto nella Bibbia.
Le divinità dei Sumeri erano raffigurate con aspetto umano, ma non partecipavano alle gioie e ai dolori degli uomini. Numerosi spiriti malvagi potevano aggredire gli uomini provocando disgrazie e malattie, ma gli uomini potevano difendersi da loro con la magia e con le preghiere agli dei più importanti. Gli dei ricevevano perciò offerte di cibo, sacrifici di animali e altri doni.
L'autorità dei sacerdoti era superiore a quella del re, poiché essi erano i rappresentanti degli dei ed erano gli unici a saperne interpretare il volere, osservando il volo degli uccelli,studiando le stelle e i pianeti ed esaminando i visceri degli animali sacrificati. Quest'arte si chiamava divinazione.
I Sumeri immaginavano che, ala morte, l'anima del defunto (buono o cattivo che fosse stato in vita) vagasse in un mondo sotterraneo, oscuro e triste. Per tale motivo, non si sviluppò un particolare culto dei morti e solo i re e loro famiglie ricevevano sepolture particolari.
I Babilonesi ereditarono la religione sumerica,arricchendola solo di nuove credenze, come quella nel dio Marduk, protettore di Babilonia,che col tempo assunse un ruolo preminente rispetto alle altre divinità.
Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email