Erectus 1122 punti

Declino di Napoleone


Nei primi anni dell’ottocento Napoleone conquistò vasti territori in Europa. Alcuni stati furono uniti alla Francia come Belgio, Olanda e alcune regioni d’Italia (come Piemonte – Liguria – Toscana – Umbria – Lazio), altri divennero stati autonomi controllati però da Napoleone: come il regno d’Italia (che comprende l’Italia centro-settentrionale) e quello di Napoli (dove il fratello Giuseppe fu re di Napoli nel 1806 poi di Spagna nel 1808). Il dominio francese sfruttava i territori occupati a vantaggio della Francia infatti imponeva forti tasse mentre le ricchezze e le opere d’arte furono portate a Parigi. Questo sfruttamento portò molti paesi (ispirati dagli ideali di libertà dei popoli che proprio i francesi avevano diffuso) a opporsi al dominio francese così si ebbero delle rivolte (in Spagna e nel Tirolo).

Napoleone dopo molte vittorie, volle sconfiggere la Russia, riuscì ad arrivare a Mosca, ma fu costretto a ritirarsi (1812) per l’avvicinarsi dell’inverno, infatti il gelo, gli attacchi russi e la strategia militare ( cioè quella della terra bruciata), decimarono il suo esercito: da 600000 uomini partiti per la Russia ne ritornarono 20000. Nel 1813 Napoleone fu sconfitto nella battaglia di Lipsia e il suo dominio sull’Europa finì, venne esiliato nell’isola d’Elba ma fuggì e ritornò in Francia (periodo detto dei cento giorni 1815) e fu sconfitto a Waterloo (1815) e inviato in esilio nell’Isola di sant’Elena nell’oceano Atlantico. Le conquiste di Napoleone furono importanti per l’Europa perché portarono un grande rinnovamento. Nei territori conquistati Napoleone introdusse il codice civile emanato in Francia nel 1804 e si basava sull’uguaglianza dei cittadini di fronte alla legge: così la nobiltà perse i suoi privilegi mantenendo però i propri titoli mentre la borghesia poteva partecipare al potere (si ebbe così un declino della nobiltà e la scomparsa del sistema feudale). Per rafforzare il potere dello stato Napoleone passò a uno stato centralizzato e per far ciò creò un apparato amministrativo moderno ed efficiente. Per favorire lo sviluppo economico furono eliminati molti dazi e vennero unificati i sistemi di pesi e misure. Inoltre furono messe in vendita le proprietà ecclesiastiche che vennero acquistate dalla borghesia, la quale favorita da queste norme, poté sviluppare le proprie attività ottenendo un grande potere economico in Europa. Infine le frequenti guerre dei cittadini di diversi paesi contro le truppe francesi, in nome della libertà e della difesa della patria, contribuirono a sviluppare il nazionalismo.

Hai bisogno di aiuto in Storia per le Medie?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email