Ominide 592 punti

Spartizione della Polonia


Occupazione tedesca della Polonia occidentale

La Germania potendo contare su armi estremamente forti, sostenute anche dall'aviazione, sconfisse rapidamente la Polonia. La Polonia nei progetti nazisti doveva scomparire come stato e la popolazione doveva essere assoggettata a schiavitù. Nelle zone conquistate venne instaurato un regime di terrore, basato su esecuzioni sommarie, perquisizioni, segregazione, imprigionamento in ghetti e poi la morte.
In Polonia c’era la comunità ebraica più numerosa al mondo, che contava circa tre milioni di ebrei. Obbiettivo nazista era quello di sterminare tutti gli ebrei, che per cominciare venivano quindi rinchiusi in ghetti.

Occupazione sovietica della Polonia orientale

La Russia entrò in Polonia da est e nel giro di un mese la conquistò. La stessa drastica condizione di repressione della popolazione che avveniva nella Polonia ovest si verificò nella Polonia est, i sovietici non risparmiavano nessuno a fucilazione ed esecuzioni sommarie. I prigionieri di guerra venivano posti sotto il controllo dell’NKVD e costretti a lavoro forzato.

Massacro di Katyn

Fu sempre ad opera dei sovietici che avvenne il ‘massacro di Katyn’: nel 1940 più di 25.000 polacchi vennero uccisi dall’NKVD su ordine di Stalin, principalmente prigionieri di guerra e ufficiali, ma anche insegnanti, professori presso Katyn, la foresta dove vennero fucilati gli ufficiali dell’esercito. Per decenni la responsabilità fu addossata ai nazisti, solo nel 1992 si conobbe la verità.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email