simohpe di simohpe
Ominide 849 punti

La rottura dell'unità nazionale

I riflessi della guerra fredda

La divisione del mondo in due blocchi spingeva i partiti italiani a cercare un sostegno nell'uno o nell'altro: la DC intendeva diventare il solo punto di riferimento degli stati uniti in Italia, mentre il PCI E anche il partito socialista guidato da Pietro Nenni mantenevano stretti rapporti con il gruppo sovietico. Nel gennaio del 47 si distaccò dal PSIUP la corrente riformista guidata da Giuseppe Saragat che fondò il PSLI, il partito socialista del lavoratore italiani, il PSIUP riprese l'antica denominazione di PSI partito socialista Italiano.

Due differenti modelli

La scelta tra ovest ed est non era soltanto una scelta da due linee politiche, ma tra due diversi modelli di vita. Sul piano economico si contrapponevano il liberismo e il collettivismo. Il più grande sostenitore del primo nel governo di De Gasperi fu il liberale Luigi Einaudi, al quale fu affidata la direzione della linea politica economica come ministro delle finanze del tesoro. Contro La via liberistica la sinistra sosteneva una politica di pianificazione sull'esempio dei paesi dell'est. Il modello americano tuttavia corretto, i fondamentali aspetti economici di questo modello come il liberismo e l'iniziativa privata furono accettati dalla DC, che però riservava al governo una funzione importante in campo esistenziale e industriale.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email