Ominide 478 punti

I moti del 1848 in Italia

In Italia l'ipotesi del neoguelfismo sembra quasi per realizzarsi fino a quando il Regno delle Due Sicilie, Il Granducato di Toscana e lo Stato Pontificio si uniscono al Regno di Sardegna impegnato nella guerra contro l'Austria.
Pio IX, sovrano dello Stato Pontificio rifiuta la partecipazione alla guerra, perché non accetta una guerra dove i due rivali sono cattolici. Anche il Granduca di Toscana e Federico II di Borbone si ritirano e questo provoca numerose rivolte.
A Roma un gruppo di rivoltosi aggredisce e uccide il primo ministro dello Stato Pontificio, Pellegrino Rossi accusato di tradimento. Il pontefice Pio IX è costretto a fuggire e a rifugiarsi a Gaeta. A Roma viene convocata un Assemblea Costituente che proclama l'istituzione della Repubblica Romana e attribuisce il potere esecutivo ad un triumvirato capeggiato da Giuseppe Mazzini.
Un gruppo di militari francesi sbarca a Civitavecchia per abbattere la Repubblica Romana e restaurare il potere papale.

A Roma si concentrano centinaia di volontari tra i quali Giuseppe Garibaldi. I Francesi riescono a entrare a Roma ma l'Assemblea Costituente approva la Costituzione Repubblicana. In Toscana le rivolte popolari inducono il granduca a nominare un governo democratico ed è costretto a fuggire anche lui a Gaeta. L'esercito vince le resistenze di Livorno e prende possesso di Firenze. Così il Granduca di Toscana e il Pontefice tornano sui loro troni e le costituzioni vengono revocate.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email
Consigliato per te
Come fare una tesina: esempio di tesina di Maturità