luck_00 di luck_00
Ominide 246 punti

Il muro di Berlino


Il muro di Berlino è stato costruito per conto dell'Unione Sovietica il 13 agosto 1961 ed aveva lo scopo di impedire ai cittadini della Repubblica Democratica Tedesca (Berlino Est) di accedere alla Repubblica Federale Tedesca (Berlino Ovest).

A seguito della Seconda Guerra Mondiale, infatti, la Germania era stata occupata da quattro diverse potenze: Stati Uniti, Gran Bretagna e Francia avevano occupato le zone sud-occidentali, mentre a nord-est governava l'Unione Sovietica.


La città di Berlino era collocata nel pieno dell'area sovietica; tuttavia la parte occidentale della città era fortemente influenzata, soprattutto economicamente, dalle potenze della Germania dell'Ovest. Le potenze occidentali infatti possedevano un'economia dedita al capitalismo e molto più forte, al contrario dell'Unione Sovietica che aveva un'economia assistenzialista e statalista e risultava molto più debole.

Questo fenomeno spinse moltissimi abitanti di Berlino Est ad emigrare verso Berlino Ovest, mettendo in crisi l'economia della Repubblica Democratica Tedesca.

A questo punto nacque la volontà, da parte dell'Unione Sovietica, di fermare questo flusso migratorio, dividendo la città in due parti e costruendo in una sola notte una vera e propria frontiera fortificata in cemento armato.

Il Muro di Berlino ebbe ovviamente un forte impatto sociale e culturale sui cittadini della città. Al momento della sua erezione il muro separò famiglie e amicizie, lasciando entrambe le metà della città nello sconforto e nella disperazione.

Oggi del muro di Berlino è rimasto ben poco; ne rimane in piedi soltanto un tratto di circa 1,3 km, il quale si è trasformato in una vera e propria galleria d'arte, la East Side Gallery. Si tratta della più grande galleria d'arte all'aperto del mondo e comprende circa 106 murales, riguardanti temi di pace, di libertà e di riunificazione. Prima d’allora esistevano già dei dipinti sul muro, ma solamente sul lato di Berlino ovest, che aveva una maggiore libertà di espressione.

La celebre galleria è stata realizzata nel 1989, quando decine di artisti provenienti da ogni parte del mondo accorsero a Berlino con lo scopo di realizzare un'opera grandiosa. Lo scopo degli artisti della East Side era quello di riportare alla Germania quel senso di libertà che fino a quel momento le era stato negato.

Sulle pareti del muro sono presenti decorazioni di ogni genere: sia semplici scritte, che opere molto elaborate e che hanno acquistato un certo valore.

Il graffito più famoso della East Side è quello del "Bacio fraterno", realizzato dal pittore russo Dmitri Vrubel. Esso raffigura il bacio tra i due ex leader comunisti Leonid Il'ič Brežnev ed Erich Honecker, il quale, secondo la tradizione russa, è avvenuto nel 1979 in occasione dei trent'anni dalla nascita della DDR.

Un altro dei graffiti più significativi è quello della celebre Trubant, l'automobile simbolo del regime comunista, che nel graffito è rappresentata con la targa 9-11-1989 e sembra quasi "sfondare" il muro in cerca della libertà.

La East Side è una tappa inevitabile per i turisti che decidono di visitare l'affascinante Berlino ed è diventata il simbolo della nuova democrazia tedesca, sempre più forte e libera da ogni confine. Nella giornata di oggi sono migliaia le persone che visitano la capitale tedesca e che sfruttano l'occasione per concedersi una passeggiata tra arte e storia, lungo le suggestive mura della East Side Gallery.
Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Potrebbe Interessarti
×
Registrati via email