Video appunto: Moti insurrezionali nel 1830 in Italia

Moti insurrezionali nel 1830 in Italia



In seguito al periodo delle insurrezioni del 1820 e del 1821, ci furono altri moti italiani del 1831:
- il ducato di Modena inizialmente contava sull’appoggio del duca Francesco IV, che aveva tendenze liberali, ma poi soppresse la cospirazione organizzata da Ciro Menotti
- scoppia l’insurrezione a Bologna, in Romagna e nelle Marche
- a Bologna il moto ha successo e viene creato un Governo provvisorio delle Provincie unite
- viene inviato l’esercito da Metternich per ristabilire l’ordine e per permettere al duca Francesco IV e a papa Gregorio XIV di riprendere il controllo
- Menotti viene poi condannato a morte e ucciso
- questi moti insurrezionali hanno avuto maggior successo visto che hanno partecipato più persone di sfere sociali anche diverse e si è capito che non bisogna confidare nell’aiuto dello straniero e dei sovrani -> il popolo deve conquistare la propria libertà in modo autonomo
- anche Giuseppe Mazzini (protagonista del risorgimento italiano) condivideva l’idea che devono farsi insurrezioni armate -> i primi tentativi insurrezionali organizzati a Savoia e a Genova non hanno successo e lo costringono all’esilio a Marsiglia nel 1831
- con il moto irrazionale di Genova viene coinvolto anche Giuseppe Garibaldi che si imbarca su una nave in partenza per l’America del Sud