simohpe di simohpe
Ominide 849 punti

Napoleone III guardava con preoccupazione alla nascita di una forte Germania. Bismarck, si rendeva conto che soltanto con un conflitto contro la Francia gli obiettivi nazionali tedeschi avrebbero potuto essere pienamente raggiunti. Il trono spagnolo fu offerto a Leopoldo di Hohenzollern, imparentato con il re di Prussia Guglielmo I. In seguito alle pressioni esercitate dalla Francia, Leopoldo di Hohenzollern rinunciò a diventare te di Spagna, ma Napoleone III chiese a Guglielmo I di impegnarsi anche per il futuro a non sostenere più nessuna pretesa degli Hohenzollern al trono di Spagna. Esso rispose con un rifiuto e invió un dispaccio telegrafico a Bismarck, per informarlo del colloquio. Ma il 13 luglio 1870 Bismarck fece conoscere alla stampa un testo del dispaccio dal quale erano state tagliate alcune frasi, in modo che esso assumesse un tono offensivo per la Francia. Il 19 luglio Napoleone III, per vendicare l'onore offeso, dichiarò guerra alla Prussia.

L'esercito prussiano era il più numeroso e meglio armato di quello francese, sconfisse napoleone III a Sedan e lo costrinse alla resa. La guerra era durata meno di due mesi e mezzo. La superiorità prussiana si rivelò sia sul piano tattico, sia su quello degli armamenti. A Parigi fu proclamata la repubblica e il nuovo governo decise di continuare la guerra. Nel gennaio del 1871, però, il governo repubblicano fu costretto ad arrendersi. Con la pace di Francoforte la Francia cedette l'Alsazia alla Germania e una parte della Lorena. Molto francesi, non volendo diventare sudditi tedeschi, si recarono allora in Algeria.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email