Genius 13137 punti

Alcuni storici hanno voluto idealizzare queste testimonianze, interpretandole come prova dell’esistenza di una primigenia società di tipo “matriacale”. Secondo una teoria, formulata per la prima volta nell’Ottocento dallo storico svizzero Johann Bachofen, la prima organizzazione sociale dell’umanità sarebbe stata il matriarcato, cioè una società dominata dalle donne, detentrici del potere all’interno della famiglia e della società per il loro particolare rapporto con la fertilità e la riproduzione. Secondo le ipotesi matriarcali, questa fase sarebbe stata un’era felice, in cui sarebbero previsti valori non violenti, come la giustizia, l’amore per i bambini e la solidarietà verso i deboli. Questa teoria riferendosi a periodi ancora privi di scrittura, non può basarsi su fonti storiche e sembra suggerita dal desiderio di credere che, sia esistita una società migliore e che quindi una simile società possa affermarsi anche in futuro.

L’idea del matriarcato, per quanto priva di fondamenta scientifiche, ha avuto una sua importanza, perché, in un’epoca in cui l’impronta patriarcale della società era indiscutibile e la conquista di diritti da parte delle donne lontanissima ( il saggio di Bachofen è del 1861), ha messo in discussione che il patriarcato sia l’unica possibile forma di organizzazione sociale.

Famiglia aristocratica: un piccolo stato retto dal capofamiglia
Nelle società storiche del mondo antico mediterraneo prevalse la diffusione di forme famigliari di tipo patrilineare, cioè centrate sulla figura del padre. Questo modello di famiglia è sopravvissuto fino a oggi.
Nelle società agricole più antiche, come anche in molte società semplici contemporanee, le famiglie non sono isolate, ma fanno parte di clan (per clan si intende un gruppo umano costituito da individui che si riconoscono discendenti da un comune antenato mitico). Vi sono però anche unità intermedie tra la famiglia e il clan, costituite da gruppi famigliari che si riconoscono discendenti da un comune antenato storico, cioè effettivamente esistito nel passato.

La famiglia greca aristocratica di età arcaica non era un’istituzione basata esclusivamente sulla parentela: essa comprendeva anche gli schiavi e tutti coloro che contribuivano alla sua sussistenza economica. Il capofamiglia di questo piccolo Stato era padrone di ogni cosa, terre, bestiame e riserve agricole; stipulava alleanze con altre famiglie aristocratiche attraverso doni, scambi, matrimoni o la condivisione di attività cultuali o militari: egli era infatti il capo militare, l’arbitro giudiziario e spesso il depositario dei culti religiosi.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email