Il Mar Mediterraneo rappresenta una linea si divisione fra i popoli (più arretrati) in guerra e quelli (più sviluppati) in continua espansione.
Il fondamentalismo islamico è causato da problemi economici e politici dei Paesi coinvolti ed è così diviso:
-Paesi dove c'è la Shari'a: Iran, Sudan, Pakistan e Arabia Saudita;
-Paesi in guerra civile: Tagikistan, Afghanistan e Algeria (dal 1992 a oggi sono morti 50.000 civili a causa della guerra civile voluta dall'organizzazione radicale "Gruppo Islamico Armato" per colpire politici e intellettuali e distruggendo impianti petroliferi e infrastrutture);
-Paesi islamici: Kazakistan, Uzbekistan, Kirghizistan, Turkmenistan, Azerbaigian, Siria, Iraq, Giordania, Qatar, Oman, Ciad, Yemen, Eritrea, Gibuti, Somalia, Egitto (l'organizzazione terroristica dei Fratelli Musulmani ha colpito politici e località turistiche), Libia, Niger, Burkina Faso, Mali, Mauritania e Marocco;

-Paesi con presenza di musulmani: Turchia, Bosnia-Erzegovina, Albania, Kuwait, Libano e Israele.
Il fondamentalismo islamico rappresenta un serio problema per i Paesi europei perché gli islamici colpiscono anche turisti, missionari e lavoratori europei a causa della loro crisi economica e della povertà che dilaga da quando i Paesi europei hanno sfruttato le loro risorse. Ora questi Paesi si trovano in carestia, senza lavoro e sono costretti a emigrare in cerca di una vita migliore.

Hai bisogno di aiuto in Storia Contemporanea?
Trova il tuo insegnante su Skuola.net | Ripetizioni
Registrati via email